Prega con il cellulare in mano. Il Vaticano ha introdotto un’app migliorata

“La preghiera non è una perdita di tempo, come a volte pensiamo. La preghiera è come un seme nell’oscurità che darà frutti al momento giusto”, ha affermato il leader spirituale Fréderic Fornos presentando la nuova generazione di app.

Le persone possono creare il proprio profilo nell’app, grazie al quale potranno pianificare accuratamente le loro preghiere. Allo stesso tempo, potranno stabilire quanto tempo vogliono dedicare alla preghiera e quando esattamente ne troveranno il tempo. Lo smartphone può quindi inviare loro promemoria esattamente in base alle loro preferenze.

Durante la presentazione della domanda, il parroco ha sottolineato che la tecnologia moderna è semplicemente “un’estensione dell’offerta della chiesa”. (foto illustrativa)

Foto: Profimedia.cz

Fornos ha anche sottolineato che l’applicazione, oltre a pianificare le preghiere, servirà anche a connettersi con altri credenti. I credenti potranno connettersi con gli altri che utilizzeranno l’app durante le preghiere tradizionali. Anche con le balene.

Una nuova versione di questa app è pronta, ma finora l’hanno testata solo monaci e monache. La versione finale per gli utenti regolari uscirà all’inizio di novembre e sarà disponibile in sette lingue. Sarà disponibile per Android e iOS da Apple.

Durante la presentazione della domanda, il parroco ha sottolineato che la tecnologia moderna è semplicemente “un’estensione dell’offerta della chiesa”. Quindi non è un sostituto della preghiera tradizionale.

“Non vogliamo minimizzare i luoghi o altri modi di pregare. È solo un nuovo modo per raggiungere le persone che vogliono o hanno bisogno di un altro modo”, ha affermato Lucio Ruiz della Sala Stampa vaticana.

La versione originale di Click to Pray è stata scaricata da 2,5 milioni di persone dal 2016.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.