Pérez-Reverte: solo gli idioti credono che quelli dalla loro parte siano tutti bravi | Cultura e divertimento

Lo scrittore Arturo Pérez-Reverte ritiene che solo le persone ignoranti e prive di documenti credono che quelli dalla loro parte siano tutti buoni e il contrario sia tutto cattivo, e rassicura che i suoi eroi non hanno ideologia, come riempie il suo nuovo romanzo, “El italiano”, un inno alla patria che è il Mediterraneo.

Gibilterra e la baia di Algeciras fanno da cornice al nuovo romanzo di Arturo Pérez-Reverte edito da Alfaguara, è uscito questo martedì nelle librerie spagnole, con 180.000 copie, e America Latina, un libro in cui è stato scoperto un episodio raccontato da suo padre lui da bambino e lo ha ricordato in una visita che ha fatto oggi con un gruppo di giornalisti a Gibilterra.

Aveva 11 anni quando il padre lo portò a vedere il film “Il tuo miglior nemico”, di Alberto Sordi, nella sua nativa Cartagena, film in cui, come al solito, gli italiani appaiono “tristi e disorganizzati” davanti a un inglese efficace.

Ma uscendo – ricorda lo scrittore e giornalista – il padre gli disse che gli italiani avevano fatto cose molto importanti nella seconda guerra mondiale.

Tra questi episodi, interpretato dal gruppo Orsa Maggiore, è composto da subacquei da combattimento che, con attrezzature subacquee all’avanguardia, si tuffano in mare e si infiltrano nel porto di Gibilterra per affondare navi da guerra britanniche lì ancorate in viaggio. . E affondarono o danneggiarono 14 navi alleate tra il 1942 e il 1943.

Per anni ha pensato a questa storia e a poco a poco ha accumulato una “buona biblioteca” e una documentazione delle azioni dell’Italia in mare nella seconda guerra mondiale, fino a quando questo romanzo, che “gli era saltato in testa”, non è arrivato a buon fine. a partire da un’immagine.

Una storia in cui ha anche trasferito parte dell’esperienza maturata quando, alla fine degli anni ’60, si allenava in attività subacquee presso il Cartagena Naval Dive Center.

ROMANZO MARE, AMORE E GUERRA

L'”italiano”, di nome Teseo Lombardo, è uno dei subacquei che Elena Arbúes, una libraia di 27 anni, incontra passeggiando lungo la spiaggia, scomparendo tra la sabbia e l’acqua. Decidendo di aiutarlo, intraprenderà un’avventura che cambierà la sua vita attraverso un complotto di spionaggio in una terra di frontiera.

Per questo il romanzo parla di “il mare, l’amore e la guerra”, ha spiegato Arturo Pérez Reverte ai giornalisti vicino al faro da cui si può vedere lo Stretto di Gibilterra.

Inoltre, è “un’immersione nel Mediterraneo come patria e gli eroi che l’hanno resa possibile”. Ma ammette che Teseo Lombardo, l’italiano nel suo romanzo, non è un eroe, ma solo un soldato che fa il suo lavoro.

Mostrerà agli occhi del libraio man mano che acquisisce la sua dimensione eroica, lo sguardo “colto e chiaro” in cui proietta la sua lettura, nonostante sarà la vera eroina di questa storia basata su eventi veri.

Il fatto sorprendente è che i subacquei sono entrati in acqua nascosti nel buio della notte ed hanno evitato le reti di sicurezza del porto, spiega l’autore, il quale ha assicurato che gli inglesi non sapevano come è esplosa la loro nave fino alla fine della guerra.

Queste azioni, “con valore molto latino”, ha assicurato Pérez-Reverte, attribuiscono vittorie individuali all’apparato militare britannico: “sono capaci di ciò che gli inglesi non potevano immaginare”.

Ed è per questo che ritiene che sia un atto di giustizia restituirgli la dignità, perché lo “sfruttamento” di queste unità italiane è ben poco noto, dice l’autore, che ammette che si trattava di un argomento “politicamente scorretto” in Italia per un molto tempo perché alcune di queste persone rimasero fedeli al fascismo mentre altre scelsero gli alleati.

TUTTI GLI EROI SONO AMBIGU

Il protagonista de “L’italiano”, come i romanzi di Pérez-Reverte, è tutt’altro che un “eroe compatto e radioso”, cosa che ritiene “molto noiosa”.

“La vita è piena di sfumature e il bianco e nero è una bugia”, dice lo scrittore, che crede che “tutti gli eroi siano ambigui” e che, a questo punto della sua carriera di scrittore, tutti sappiano che il loro eroe “è dalla parte “.

E ha criticato la “stupida abitudine di credere che la mia parte sia tutta buona e tutti gli altri, tutta cattiva”. Solo “gioco stupido, idiota, non documentato o malvagio con tale manipolazione.

Di Carmen Naranjo

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *