Oltre 1,3 milioni di minori in povertà assoluta in Italia | ultima Europa | DW

In Italia, 1.346.000 minori (il 13,6% del totale bambini e giovani) vivono in condizioni di povertà assoluta, 209.000 in più rispetto all’anno precedente, a cui si aggiunge la perdita di “apprendimento” dovuta alla chiusura delle scuole, evidenziata nel rapporto, che analizza principalmente “istruzione e povertà digitale” nell’ultimo anno.

Ma in più, la crisi economica derivante dalle ripetute chiusure di attività produttive volte a prevenire il diffondersi della pandemia, ha avuto un impatto drammatico sulla vita di molti genitori e dei loro figli, poiché nell’ultimo anno li hanno persi 345.000 padri o madri. professione. .

Una delle conseguenze dell’impoverimento familiare si nota soprattutto nell’alimentazione dei bambini, afferma il rapporto, rilevando che “la crisi economica ha ridotto il potere d’acquisto di molte famiglie per garantire ai propri figli un’alimentazione equilibrata”.

In questo contesto, sottolineano, le mense scolastiche rappresentano un elemento fondamentale per garantire un’alimentazione adeguata e uno sviluppo fisico a molti minori, ma “i dati più recenti disponibili indicano che solo meno della metà delle scuole (TK, SD e SMP) offre servizi di mensa . . (49,4%)” con forti differenze regionali.

I volontari della Caritas cucinano e confezionano cibo per i bisognosi, all’inizio di questa pandemia, in Italia.

Al sud, dove le mense sono meno disponibili, la percentuale di ragazzi sotto i 15 anni che non mangiano carne o pesce e porzioni di frutta o verdura al giorno è del 4,1% contro il 2,9%. al centro e l’1,7% al nord.

Un’indagine condotta da Save the Children lo scorso anno ha rivelato che circa il 20% dei genitori di bambini e giovani che utilizzano i servizi di mensa ritiene di non poter coprire le spese nel prossimo anno.

Alle difficoltà economiche subite da molte famiglie si aggiungono le difficoltà incontrate nell’ultimo anno a causa della chiusura delle scuole, in quanto il 12,3% dei minori tra i 6 e i 17 anni non ha un computer o un tablet durante, uno strumento importante per stare al passo con la didattica a distanza durante la pandemia.

In alcune zone del Sud la percentuale arriva al 19% e si aggiunge che circa il 41,9% dei bambini del Paese si trova in case sovraffollate. (es)

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.