Mafia nigeriana, schiavitù e riti voodoo: quattro arrestati in Italia | ultima Europa | DW

La polizia di Palermo (Sicilia, Sud Italia) ha arrestato questo martedì (18/1/22) quattro nigeriani accusati di tratta di esseri umani, schiavitù, sequestro di persona, sfruttamento della prostituzione e aiuto all’immigrazione clandestina, a seguito della denuncia di un giovane dello stesso nazionalità che ha avuto successo è sfuggito al culto mafioso “Black Axe”.

L’operazione, emersa da un’indagine di polizia ed è stata coordinata dalla Direzione Antimafia, è stata avviata dopo che la donna ha allertato l’agenzia, accompagnata da un sacerdote pentecostale al quale si è rivolta per chiedere aiuto dopo essere fuggita dai suoi rapitori, dei molteplici episodi di violenza subiti , ha detto la polizia in una dichiarazione.

‘La vittima è stata rapita nel suo paese d’origine da un gruppo di uomini appartenenti ad una setta segreta chiamata Black Axe, da cui è riuscita a liberarsi grazie all’intercessione di un connazionale e dopo aver accettato di recarsi in Italia come ‘schiava ‘.’ per questo è stata sottoposta a rituali voodoo in cui si prometteva di restituire i 15.000 euro necessari per arrivare illegalmente sul territorio nazionale”, ha spiegato.

Giunta nel capoluogo dell’isola italiana, approfittando della sua “sottomissione e minacciata di morte e violenza, è costretta a prostituirsi” e rinuncia ai soldi che guadagna per saldare un debito. Alla fine, la giovane è riuscita a scappare e si è recata dal sacerdote, che è stato minacciato di morte per il suo “lavoro di aiuto”.

L’indagine “ha permesso di confermare la dichiarazione della donna e di ricavare elementi significativi in ​​relazione ai reati addebitati agli attuali detenuti, nonché alla loro appartenenza a una setta segreta, secondo la polizia.

“Black Axe”, legato alla tratta di esseri umani, alle frodi su Internet e all’omicidio, è noto per l’estrema violenza usata dai suoi membri, così come per la sua struttura mafiosa. È anche uno dei gruppi criminali organizzati più pericolosi al mondo, con filiali in Africa, Europa, Asia e Nord America.

L’arresto ha richiesto la collaborazione della polizia di Taranto (Italia sudorientale), poiché tre sospetti sono stati arrestati fuori dalla Sicilia, nella città della Puglia. Tutto è stato portato in tribunale. (EFE).

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.