L’Argentina concorda con il Paris Club di posticipare i pagamenti fino al 2024 – Notizie

Il governo ha raggiunto un accordo con il Club di Parigi per posticipare il pagamento del debito al 30 settembre 2024Mentre si stanno facendo progressi nella comprensione che include un nuovo meccanismo per il rimborso degli impegni, una condizione da fissare a DNU per essere pubblicata “nel prossimo futuro”, fonti ufficiali hanno confermato a tardi.

Tuttavia, l’obiettivo del governo è di raggiungere le rinegoziazioni “entro il 30 giugno 2022” -il termine fissato nell’ultima visita del ministro dell’Economia, Martín Guzmán, a Parigi-, in cui sono incluse le nuove condizioni sui tassi di interesse. Interessi, termini e un pool di 430 milioni di USD è stato pagato in due pagamenti nel febbraio 2022 e nel luglio 2021.

La “nuova decisione” -spiega la fonte- “consente la formalizzazione di questo tempo normativo per lavorare su queste trattative e prevede che L’Argentina posticipa i pagamenti fino al 2024 o fino a un nuovo accordo con il Club di Parigi, a seconda dell’evento che si verifica prima”.

“L’obiettivo dell’Argentina è rinegoziare l’accordo e trovare condizioni migliori per il Paese, il prima possibile. La speranza e su cui stiamo lavorando è completare le rinegoziazioni con le autorità entro il 30 giugno”.

/Codice incorporato per la casa/

/Fine codice incorporamento/

Il 30 settembre 2024 è dovuto ad un accordo tra le due parti, sapendo che l’accordo di Extended Facilities firmato con il FMI prevede quella data come periodo massimo, sebbene l’obiettivo sia chiudere anticipatamente l’intesa.

Attualmente, il governo sta negoziando con i rispettivi paesi creditori e con le autorità del Club per elaborare un nuovo schema di pagamento.

Entro il 31 maggio 2021, l’Argentina dovrà affrontare pagamenti per quasi 2.450 milioni di dollari USA – corrispondenti a 40 crediti concessi da 14 paesi e in 8 diverse valute – secondo i termini del Trattato firmato nel 2014, che prevede un periodo di grazia di 60 giorni .

Tuttavia, il 22 giugno 2021, il ministro Guzmán ha annunciato di aver raggiunto un accordo con il Club per ottenere un ponte temporale che consentisse all’Argentina di non andare in default e continuare i negoziati.

Secondo Guzmán, “il pagamento di tale importo sarebbe un duro colpo per le riserve internazionali e quindi comporterebbe una maggiore volatilità del tasso di cambio e una maggiore instabilità macroeconomica”.

Tale intesa si è concretizzata attraverso il Decreto 412/2021, con il quale il Governo prevede la sospensione dell’Accordo Quadro e degli Accordi Bilaterali firmati con i Paesi del Club di Parigi fino al 31 maggio 2022.

Il nuovo DNU che verrà pubblicato nel prossimo futuro è il DNU che estenderà la durata dell’accordo, in modo che sia conforme alle disposizioni di legge che sono state stabilite dalla stessa DNU 412/2021.

Tuttavia, il 22 marzo di quest’anno, il ministro Guzmán e il presidente del Club di Parigi, Emmanuel Moulin, hanno annunciato un nuovo periodo di negoziazione fino al 30 giugno di quest’anno per raggiungere un nuovo accordo, mentre i negoziati continuano. FMI per concordare un programma sostenibile che sia coerente con gli obiettivi di stabilità macroeconomica del Paese.

Da allora sono stati effettuati due pagamenti, il 28 luglio 2021 e il 28 febbraio 2022 con un importo capitale totale di 430 milioni di dollari USA, che corrisponde a esborsi effettuati ad altri creditori bilaterali, mentre sono stati compiuti progressi. FMI.

L’equilibrio di capitale, condizioni e interessi sarà determinato nelle trattative in cui l’Argentina avanza parallelamente alle autorità del Club e ai 16 Stati membri, che saranno fissate secondo i termini del nuovo accordo, che non ha più basi l’intesa 2014.

“Se il nuovo accordo prevede pagamenti entro il 2022, tale importo sarà detratto dall’obiettivo di accumulazione delle riserve, stabilito nel Programma di Strutture Estese firmato con il Fondo Monetario Internazionale”, secondo un portavoce ufficiale.

Come indicato nell’allegato alla delibera 412/2021, L’Argentina deve rinegoziare i pagamenti di quasi 2.500 milioni di dollari che deve a 24 istituzioni e banche di 16 paesi: Germania, Spagna, Francia, Stati Uniti, Belgio, Danimarca, Austria, Canada, Israele, Italia, Giappone, Svezia, Svizzera, Regno Unito e Paesi Bassi.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.