Il vestito di Marilyn Monroe è stato danneggiato

“L’abito di Marilyn Monroe distrutto per sempre”: la Kardashian nella tempesta.
Kim Kardashian avrebbe “distrutto fino alla fine dei tempi” l’abito che aveva un posto con Marilyn Monroe. Nonostante il regime alimentare, le curve della centrale elettrica hanno finito per essere eccessivamente generose per il vestito.
Un “enorme” danno, con questa articolazione il record Instagram della Marilyn Monroe Collection è in bilico contro Kim Kardashian. Ciò che gli specialisti dell’ensemble della galleria, che all’epoca lanciarono l’allerta che l’abito sarebbe stato danneggiato, ovviamente risolsero: Kim Kardashian avrebbe “rovinato per sempre” il famoso vestito di Marilyn Monroe quando avrebbe chiesto di indossarlo all’ultimo Met Gala.

L’avvertimento è stato lanciato la scorsa settimana da Scott Fortner, raccoglitore che tenta di confermare e controllare i cimeli di Marilyn e che oggi non ha reso confidenziale la sua ira per il taglio fatto a “un simbolo di cultura, questioni di governo e Hollywood”. Inoltre, non era altrettanto sorprendente, e non era un caso che molti avessero detto di essere contrari a “prestarla”, in particolare poi a una Kardashian le cui strutture attuali non sono del tutto uguali a quelle dell’epoca di Marilyn Monroe. Solo per avere la possibilità di accedervi aveva seguito una routine alimentare eccezionalmente severa.
Otto chili incredibili in sole tre settimane per indossare l’abito svolazzante che Marilyn indossò al Madison Square Garden per la celebrazione del 45° compleanno di John F. Kennedy il 19 maggio 1962, dieci giorni prima del suo compleanno regale e circa diciotto mesi prima il suo omicidio, 22 novembre 1963. Nonostante la severa routine alimentare, in ogni caso, le curve instabili della Kardashian erano appena entrate nell’abito che sembra essere stato cucito ai tipi di Marilyn.

Per questo, avendo giurato di non cambiarla, Kim non aveva avuto la possibilità di chiudere completamente la cerniera, ed era stata costretta a nascondere l’umiliazione sotto un pelo bianco. L’abito ha attualmente un posto con Ripley’s Believe It or Not , un luogo di vacanza di Orlando che l’ha ottenuto nel 2016 a nord di 5.000.000 di dollari. “Erano volubili”, ha detto Scott Fortner alla Press Association.

Comunque sia, quali erano i danni dettagliati? Come per la Collezione Marilyn Monroe, le pietre preziose sarebbero assenti, altre ancora si sarebbero scucite restando a malapena aggrappate e verso la schiena, punto fermo di Kim Kardashian, la texture avrebbe ceduto marginalmente. “Sembra entrare nella feritoia e lanciare direttamente lo sverniciatore sulla Gioconda”, l’artista fotografica, modella e amante dello stile McGonagall ha composto tramite l’intrattenimento virtuale. “La tutela del design è significativa. Questa è l’obliterazione di una reliquia verificabile indispensabile, per una passeggiata su un tappeto rosso” A lei si unì un fronte unificato delle sue comunità informali che denunciarono la decisione di “vanità genuina” di prestare quel pezzo della storia americana a un americano che, evidentemente, non ha avuto il dovuto riguardo.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.