Il trasporto di Zelensky si è diffuso attraverso la cotta di maglia. È falso | Società di notizie di Olomoucka Drbna

Il sito principale che da anni pubblica fake news negli ambienti cechi è attualmente bloccato, ma questo ovviamente non significa che la disinformazione cesserà di diffondersi. Le fotografie dei presunti nazisti dall’Ucraina, oltre a difendere il presidente Volodymyr Zelensky, appaiono ora in catene di Sant’Antonio.

Due foto sono circolate su Internet per dimostrare che il presidente Volodymyr Zelensky era un neonazista e che l’Ucraina era governata da fascisti. In entrambi i casi, tuttavia, si tratta di manipolazione. Una delle foto è stata effettivamente scattata il 28 aprile 2021 (come indicato nell’e-mail a catena) ed è in realtà da Kiev, dove quel giorno circa un centinaio di nazionalisti si sono incontrati. Tuttavia, la foto non mostra Volodymyr Zelensky, ma Vladimir Koshovenko. Ad esempio, il server afferma demagogo – è un blogger ucraino che ha partecipato a una marcia in occasione dell’anniversario della fondazione della 14a Divisione Volontari delle SS, composta da soldati ucraini durante la seconda guerra mondiale. Inoltre, Vladimir Koshovenko non sostiene nella foto, che può essere visto dal fatto che ha alzato tre dita: questo dovrebbe simboleggiare il tridente ucraino, lo stemma dell’Ucraina.

La seconda foto (vedi foto introduttiva) è del 2014 e in essa Volodymyr Zelenskyj è stato letteralmente catturato a braccia tese. Tuttavia, la foto è di un’epoca in cui il presidente ucraino era ancora un attore popolare che girava scene comiche. Nella scena della foto catturata, si tratta di parodia e dimostrazioni di stereotipi spesso associati all’Ucraina.

Sembrerebbe che nel mondo moderno di foto e video diffondere fake news sarebbe molto più difficile, ma è vero il contrario. Come mostrano Milo Gregor un Petra Vejvodovaautore di pubblicazioni I migliori libri sulle fake news, materiale audiovisivo da manipolare è letteralmente allettante. “Attualmente, possiamo parlare dei tre modi più comuni di manipolazione: interpretazione errata del contesto, manipolazione del soggetto prima di catturare il momento e manipolazione dopo la creazione della foto, ovvero l’editing digitale,” ha dichiarato l’autore.

Un esempio per tutti

Nell’estate del 2015, al culmine della crisi migratoria, le foto che ritraggono una nave che trasportava migliaia di rifugiati hanno iniziato a diffondersi ampiamente su Internet. Naturalmente, è legato all’attuale crisi migratoria. Ma è l’uso perfetto della manipolazione delle foto basata sul contesto. La foto ritrae i profughi, ma è del 1991. Era la nave italiana Vlora nel porto albanese, dove un anno prima è crollato il regime comunista. Il capitano della nave fu costretto a trasportare i profughi in Italia, ma la polizia italiana li stava aspettando e ne riportò la maggior parte in Albania. Fonte: I migliori libri sulle fake news

“Sebbene le foto e le immagini degli articoli siano considerate prove che qualcosa è accaduto da qualche parte, non deve essere sempre così. Leggiamo molto dalle immagini, ma possiamo anche essere ingannati se qualcuno le usa in un cattivo contesto”, Gregor e Vejvodova hanno avvertito. Questo è usato dalla catena di Sant’Antonio, che ha per oggetto “Ucraina” e alcune foto di persone che sostengono il nazismo nel corpo della lettera – chi sono queste persone? Quando e dove sono state scattate queste foto? Tuttavia, le email a catena non rispondono più a nessuno di questi. Tuttavia, è in grado di evocare le emozioni necessarie, grazie alle quali molti destinatari inoltrano messaggi ai propri amici. E tu ad altri amici.

Esperti di disinformazione hanno anche sottolineato all’inizio dell’invasione dell’Ucraina che Putin ha usato una retorica simile a quella usata da Adolf Hitler prima della conquista dei Sudeti nel 1938. fabbricata artificialmente.

Nonostante la crescente disinformazione, l’opinione pubblica ceca considera l’invasione russa dell’Ucraina come un atto di aggressione insostenibile. Lo dimostra un sondaggio di Median Pro Radio ceca. Solo il 9% degli intervistati non era d’accordo e il 4% ha affermato di non saperlo.

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.