Il primo caso di vaiolo delle scimmie in Serbia; Maris sulle condizioni del paziente: è ricoverato in ospedale

Il primo paziente infetto da vaiolo delle scimmie in Serbia è stato isolato, ricoverato in ospedale, ha ricevuto un’adeguata terapia sintomatica e si sta riprendendo, ha affermato Slavica Maris, un’epidemiologa dell’Istituto municipale di sanità pubblica.


Fonte: Tanjug

Illustrazione; Foto: Shutterstock/RealPeopleStudio

Informa Tanjug che il paziente è in ospedale, che è stato curato ed è in buone condizioni generali e che dovrebbe essere dimesso presto dall’ospedale.

“Dopo essere stato dimesso per cure in ospedale, dovrà rimanere in isolamento per un totale di 21 giorni, dopodiché potrà tornare alle sue attività quotidiane. Si stima che non avrà conseguenze dopo la malattia, ufficiosa fonti hanno detto a “Blic” di fare la guardia.

Ha spiegato, l’incubazione media dura da sei a 13 giorni, da cinque a 21 giorni, e la malattia è caratterizzata da linfonodi ingrossati.

cosa dicevano le istruzioni di Batuta? Questo è il modo in cui i medici identificano i pazienti sospettati di avere il vaiolo delle scimmie

L’epidemiologo ha aggiunto che c’era febbre alta, dolore ai muscoli, alle articolazioni e alla schiena, forte mal di testa e dopo cinque giorni è apparso il morbillo.

“Se la crosta alla fine si asciuga, si forma una crosta. Quando la crosta cade e la pelle guarisce, la persona è considerata non infettiva”, ha aggiunto.

Immediatamente dopo aver confermato che si trattava di vaiolo delle scimmie, tutti i contatti seguiti sono stati immediatamente trovati.

“Quelle persone vengono monitorate, funzionano normalmente, se compaiono sintomi verranno curate ma anche isolate. Al momento non ci sono prove che qualcun altro sia stato infettato”, ha appreso in modo non ufficiale Blic.

“Ha delle croste sul corpo, sa dove è stato infettato” – chi era l’uomo che ha portato il vaiolo in Serbia dalla Germania?

Maris ha fatto un esempio, il virus del vaiolo delle scimmie non si trasmette così facilmente da persona a persona. Nelle aree endemiche dell’Africa centrale e occidentale, il virus si trasmette attraverso il contatto con animali infetti.

Può essere trasmesso direttamente da persona a persona, ma è necessario un contatto prolungato per trasmettere l’infezione, ha aggiunto.

Seguici su naoj Facebook e Instagram pagina, Twitter Account e lasciati coinvolgere dalla scienza Viber Pubblico.

Naomi Dennis

"Twitter trailblazer. Lifelong gamer. Internet expert. Entrepreneur. Freelance thinker. Travel guru."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.