Il Potemkin Thermal Hotel, l’ovile abbandonato di Agro e come i cechi sono sopravvissuti al pericoloso attacco del Comintern

ORECCHIE DI CANE. Il destino inaspettato ci ha portato questa settimana al negozio di Albert, dove in precedenza avevamo smesso di andare a causa di minacce di sommosse, o altri crimini contro la salute o l’ordine pubblico. Vita! Il registratore di cassa self-service non chiama più LA TUA ACCETTAZIONE E IL TUO ACQUISTO, ma il corretto ceco IL TUO ACQUISTO. Basta un mese di nuovo governo e in Repubblica Ceca non si parla più hotentot. Sì, questo è un piccolo esempio di circuito chiamato ponte degli asini, diamo un’occhiata alla panoramica commentata della scorsa settimana.

  • Lo abbiamo fatto notare qui l’ultima volta. Andrej Babi ha lasciato il suo ovile, fingendosi un hippie sulla Route 66 con la sua roulotte e le pecore devono liberarsi. La conseguenza involontaria per tutti noi è che dobbiamo affrontare fenomeni come Jana Mračková Vildumetzová o Taťána Malá, per non parlare di Alena Schillerová. La tecnica di criticare continuamente tutto è semplice e ricorda i ladri che lanciano camini negli armadi contro i soldati e ora sono costretti a rovinare la stanza.

La saggia signora Vildumetz, naturalmente, aveva ragione. Semplicemente non ci aspettiamo che rinuncino così appassionatamente al nome proprio di un paese dove, dopo otto anni, hanno lasciato il governo dove esisteva il SI o li hanno guidati a titolo definitivo. Anche Andrej Babi lo ha recentemente riassunto.

“Posso parlare a lungo qui di ciò che abbiamo fatto nella digitalizzazione”.

(Andrej Babi di conferenza stampa di equilibrio loro regno, 17 dicembre 2021)

Lo vediamo in pratica. Le persone devono davvero assumere l’incarico fisicamente, devono davvero dimostrare l’enorme quantità di documenti che ha naturalmente, l’approccio principale dello stato alle persone è la sfiducia e l’assunto che tutti rubino. La signora Vildumetz si sbagliava su chi fosse la colpa e di chi fosse l’eredità.

L’articolo riflette gli eventi della scorsa settimana nelle citazioni e nelle dichiarazioni dei politici.

Questo da solo non è sufficiente, quindi WatchdogPes.org li colloca nel giusto contesto con una spaziatura minima.

  • La questione si è sviluppata a tal punto che è necessario scusarsi con i politici del movimento YES, la cui natura non ha scuse del genere, soprattutto quando si tratta di fenomeni come Marek Dalík o Aleš ebíček.

Un momento raro. Se continua così, chissà dove si fermerà. Ad esempio, alla fine, ODS scaricherà questa gemma, che è ancora in arrivo, dal suo sito web.






© Fornitore: Hlidacipes.org



OGNI MATTINA È MEGLIO PER GUARDARE PEOPLE.ORG

  • Ricordi come prima delle elezioni, la compagnia di Stachanov del movimento YES girava per la repubblica e tagliava un nastro da qualche parte per mostrare come papavero o makala o qualcosa del genere? Il clou è stata l’apertura del Karlovy Vary Thermal Hotel, con particolare attenzione alle sue piscine termali. Questo numero è stato appositamente formato per il ministro delle finanze Alena Schiller, che ha trascorso molto tempo in loco con 57 fotografi, arrangiatori e truccatori.

E quale pensi sia stato il risultato? Bene, come al solito. Come ora sa eco24, la piscina è stata nuovamente chiusa, secondo il direttore generale dell’hotel Vladimír Novák, presumibilmente a causa del completamento della seconda fase di costruzione, in cui “i difetti sono stati rimossi dall’ispezione e scoperti durante le operazioni sperimentali”. Il principe Potemkin sarà felice.

“Ero infastidito dall’imbarazzo che c’era prima delle elezioni, quando è stato aperto qualcosa che era praticamente finito a metà, solo così il nastro poteva essere tagliato lì, ma non ha funzionato”.

(Governatore Karlovy Vary Petr Kulhanek, eco24, 9 gennaio

Capiamo Presidente, è fastidioso. Tuttavia, eravamo un po’ più infastiditi dal fatto che il gruppo dei maiali di mezzo paese avesse fatto una rivolta simile.

  • Secondo i social media e le notizie nel corso di diversi giorni, nel corso di diversi giorni è sembrato che lo spaventapasseri del comunismo stesse ancora una volta attraversando la Repubblica Ceca e che uno dei partiti di governo fosse stato pesantemente attaccato dal Comintern.

“Fa tremare la classe dirigente davanti alla rivoluzione comunista! Il proletariato non ha nulla da perdere, tranne le catene. Possono conquistare il mondo intero. Il proletariato di tutte le nazioni, unitevi!”

(Karel Marx, Bedrich Engels, Manifesto del Partito Comunista, 1848)

Con disillusione generale, poco è bastato al candidato (alla fine senza successo) alla presidenza del Partito Pirata per esprimere il suo affetto per le idee comuniste.

“La mia convinzione interiore è comunista, nel senso originale (democratico)”.

(Jan Mikhailail al forum del partito, Novinky.cz, 5 gennaio

Ha due livelli e il primo riguarda il nostro presente. Come accennato in precedenza da Mirek Topolánek, le parti nascondono ogni sorta di strani nei loro angoli bui, potrebbero sorgere problemi se i Pirati potessero scegliere Jan Michailida. Il secondo livello è più complesso e riguarda la questione di come sia il comunismo democratico. Sostanzialmente sopporta la dittatura del proletariato, che è la fase in cui è necessario sequestrare con la forza i beni di chi lo possiede affinché tutti possano avere una sala fumatori. I regimi comunisti di solito hanno gestito molto bene questa fase, che oltre al furto di proprietà ha portato con sé diversi omicidi, spesso milioni. Poi arriva la fase successiva, in cui la carta igienica e le risorse si esauriscono completamente. Non ha niente a che fare con la democrazia. In Cecoslovacchia, il comunismo democratico era associato al periodo della Primavera di Praga e il suo leader, Alexander Dubcek, spesso descritto come confuso, è stato fotografato in uno stagno e non avrebbe fatto male a una mosca. Pertanto, è opportuno ricordare questa importante figura del comunismo democratico, come osserva Pavel Tigrid.

“Dopo quasi vent’anni di silenzio, l’anziano ex primo segretario, poi impiegato dell’Amministrazione forestale di Bratislava e persino pensionato allora dimenticato, parlò improvvisamente, per la prima volta e in pubblico. Così: nel novembre 1985, Vasil Biľak, membro del Comitato Centrale del Partito Comunista, ha rilasciato un’intervista a un settimanale della Germania Ovest in cui ha rivelato ciò che non era mai stato detto prima: ovvero che alla fine della Primavera di Praga Dubček e i suoi colleghi stavano preparando i campi di concentramento per »capire gli oppositori di destra, a Biľak e ad altri “internazionalisti” filosovietici. Brutta calunnia, Dubcek ha difeso in una lettera che ha inviato alla Legge Rossa (mai uscita, è stata pubblicata dal quotidiano Unità del Partito Comunista Italiano): noi della famiglia Dubcek avevamo appena presentato una proposta per allestire un campo qualcosa del genere per “oppositori del socialismo”. C’è stata un’invasione delle truppe del Patto di Varsavia.

(Pavel Tigrid, A Pocket Guide to Intelligent Women by Her Own Destiny, 1988)

Questo per quanto riguarda i Democratici Comunisti. Mente calma.

Segui @malecak

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.