Il miglior allenatore del mondo. Parlerà ceco allo Sparta

Nessuno in panchina ha fatto quello che ha fatto lui. Ha celebrato campionati nelle prime cinque nazioni: in Serie A italiana, in Premier League inglese, in Ligue 1 francese, nella Bundesliga tedesca e, più recentemente, nella Liga spagnola.

Di cosa ha bisogno un palmo aperto con cinque dita dorate? Strumento linguistico perfetto. Riconoscere, adattare e utilizzare la mentalità locale. Per produrre le più grandi star del mondo, che ricevono uno stipendio mensile al tasso del budget annuale di un piccolo stato. Resistere all’enorme pressione della dirigenza e dei fan. Vivere solo.

Carlos Ancelotti, originario della città settentrionale italiana di Reggiolo con meno di 10.000 abitanti in provincia di Reggio Emilia, ha fatto tutto questo.

Entusiasmo e armonia

Calmo, sempre equilibrato. Non squittisce nemmeno durante le più grandi vittorie, non piange durante i fallimenti fatali. Non esprimeva troppo le sue emozioni, accettava le vittorie, le sconfitte, ma i numeri andavano sempre meno, con umiltà. In Italia ha rifiutato a lungo il soprannome di “morbido” – gentile. Aveva perso la pazienza, oggi lo ha preso con regalità. Solo perché poche persone osano dirlo. Ancelotti è diventato una leggenda dell’allenatore, tutti lo rispettano.

Anche se non lascia spazio all’indignazione, alla rabbia o persino all’evidente malcontento, quando un giocatore non segue le istruzioni che gli vengono fornite e non fornisce le prestazioni previste, ha un enorme rispetto in cabina. “È quasi impossibile per i giocatori, anche le superstar, combattere tra loro”, ha detto il carisma di Ancelotti, il famoso giornalista italiano Massimo Franchi, capo del dipartimento calcio del quotidiano Tutto Sport di Torino. “Sa come creare l’ambiente perfetto”, ha aggiunto Franchi. “Un gruppo unito dove regnano entusiasmo e armonia”, ha espresso il fascino del suo connazionale.

Ora sulla panchina del Real Madrid brilla Ancelotti, che dopo un anno di pausa strapperà il campionato nazionale ai rivali cittadini dell’Atletica e dopo quattro anni avrà la possibilità di diventare il dominatore del continente se batterà il Liverpool FC nella finale di Champions League di maggio 28 a Parigi. A proposito, l’ultimo trofeo è stato vinto dal Real dopo una vittoria per 3:1 su questo jus.

indagine

Chi vincerà la finale di Champions League?

Hanno votato un totale di 3187 lettori.

Non c’è da stupirsi che raccolga una dopo l’altra ammirazione in Spagna. “Carlo Ancelotti è un allenatore completo che gestisce brillantemente le situazioni difficili”, ha detto l’addetto stampa locale Pablo Castro di Marc. “Si trova bene con la cabina, ma sa occuparsi anche della gestione del club, cosa non facile, si comporta in modo astuto e diplomatico in conferenza stampa”, ha sottolineato anche le sue doti giornalistiche.

Tuttavia, essere nominato il miglior allenatore del mondo è ancora in corso. Aspetterà almeno fino alla finale di Parigi. “Secondo me, Pep Guardiola è meglio”, Castro non lascia il suo connazionale, Ancelotti è ancora un legionario italiano. “È un leader assoluto quando si tratta di tattica”, ha difeso la sua scelta. “Ma anche Ancelotti è di prima classe”, ha ammesso.

La ferita prende oro

La fama di allenatore si sovrappone molto alla carriera da giocatore di Ancelotti, anche se non è vana. Quello che gli altri pagheranno per questo. Un guardalinee da combattimento che corre con proiettili decenti, cioè fa un po’ di danni anche da lunghe distanze, questo è il suo principale vantaggio. L’attenzione dei grandi club italiani e dei tecnici delle nazionali non è passata inosservata.

Le statistiche di Ancelotti contano più trofei in Coppa dei Campioni con il Milan, mentre si discosta poco dallo storico contributo della squadra azzurra alla storia del mondiale, vittoria inaspettata ai Mondiali del 1982 in Spagna.

Il giovane, scoperto dall’AS Roma a Parma, esordì nella selezione dell’allenatore del cult Enzo Bearzot nel 1981, quando formò la squadra per il mondiale. Ci è riuscito, non ha fallito. Nel torneo Mundialito, organizzato dall’Uruguay in onore del 50° anniversario del primo Campionato del Mondo (1950) e invitando tutti i precedenti detentori di trofei, è apparso per la prima e ultima volta al tiro con la maglia della Nazionale azzurra segnando contro la squadra nazionale. Olandese.

Carlo Ancelotti

AC Parma (1976–1979), AS Roma (1979–87), AC Milan (1989–1992)

Nazionale Italiana: 1981-1991 (20/1)

Campionati Mondiali di Bronzo 1990, Campionati Europei di Bronzo 1988, Coppa dei Campioni 1988/1989 e 1989/1990, Supercoppa UEFA 1990, Coppa Intercontinentale 1989, Lega Italiana 1982/1983 e 1987/1988

AC Reggiana (1995–1996), AC Parma (1996–1978), Juventus Torino (1999–2001), AC Milan (2001–2009), Chelsea FC / Inghilterra (2009–2011), Paris Saint-Germain / Francia (2011) –2013), Real Madrid/Spagna (2013–2015), Bayern Monaco/Germania (2016–2017), SSC Napoli (2018–2019), Everton FC/Inghilterra (2019–2021), Real Madrid/Spagna (2021)

Nazionale italiana: 1992–1995, assistente

Champions League 2002/2003, 2006/2007 e 2013/2014, Supercoppa UEFA 2003, 2007 e 20014, Coppa del Mondo per club 2007 e 2014, Lega italiana 2003/2004, Premier League 2009/2010, Lega francese 212/2013, Lega tedesca 2016/2017, campionato spagnolo 2021/2022

Tuttavia, un problema latente al ginocchio, che ha provocato un intervento chirurgico urgente, ha portato alla sua partecipazione alla Coppa del Mondo 1982 in Spagna. Non appartiene alla squadra vincitrice. Allo stesso tempo, gli storici lodano ancora l’idea della forza della linea di riserva Antognoni-Ancelotti-Tardelli-Conti. Meglio del maestro. Le idee hanno una bellezza che la realtà non può oscurare.

Dopo il recupero, Ancelotti prese parte alla difesa fallita ai Mondiali del 1986 in Messico senza intervento personale. Ha ancora il bronzo a EURO 1988 in Germania.

Come rappresentante, non ha ottenuto molta fama.

Non si rallegra, pensò

È stato più notato dal mondo del calcio come figura di spicco al Milan, dove ha onorato il suo impegno con due vittorie in Coppa dei Campioni. I membri permanenti della formazione di base nella finale del 1989 hanno ignorato come i compagni di squadra olandesi Marco van Basten e Ruud Gullit abbiano schiacciato la difesa del club rumeno Steaua Bucarest con due gol ciascuno (4:0) e un anno dopo il connazionale Frank Rijkaard ( 1:0), ma aveva qualcosa da dire.

Nonostante capitan Franco Baresi parli di più di una grande squadra, le stelle olandesi non possono sottrarsi agli applausi, ma un calmo Ancelotti racconta perché il Milan può essere il migliore d’Europa. “Ha una capacità speciale di guidare con sé tutti nello spogliatoio, anche le persone più grandi”, ha avvertito il giornalista italiano Massimo Franchi. “Pensa molto a tutto, fa esperienza, parte dal presupposto che un giorno sarà un ottimo allenatore, sta crescendo”, torna alla maturità calcistica di Ancelotti.

A questo si sono aggiunte le competenze linguistiche, motivo per cui ha avuto successo in cinque diversi paesi. “Se lo Sparta Praga avesse preso il posto di Stramaccioni nel 2017, probabilmente nel giro di un mese avrebbe parlato ceco”, ha descritto il pubblicista italiano, connazionale, con un tocco di notevole sollievo, oltre che con immensa ammirazione.

Aggiornamento: Abbiamo corretto l’informazione originariamente errata in due punti (sostituzione della Juventus Torino con il Milan). Grazie ai lettori attenti nella discussione per i loro avvertimenti.

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.