I titoli bancari europei scendono mentre nuove società tagliano i legami con la Russia

Creditori e investitori con legami con la Russia hanno interrotto i rapporti con il Paese a causa delle sanzioni occidentali, mentre altri stanno cercando di rassicurare i propri azionisti sul fatto che l’impatto immediato potrebbe essere limitato.

Il gestore patrimoniale francese Carmignac e la società britannica di servizi professionali EY sono stati gli ultimi ad annunciare lunedì che stavano tagliando i legami.

Carmignac ha affermato che non acquisterà titoli russi e dismetterà le attività esistenti, mentre EY ha affermato che taglierà i legami con le sue attività in Russia, a seguito di mosse simili dei rivali KPMG e PwC.

Una delle principali banche francesi, Credit Agricole, è stata l’ultima a dettagliare la propria esposizione verso Russia e Ucraina, dimostrando che ammonta a circa 6,4 miliardi di euro (6,95 miliardi di dollari) in totale per esposizioni per cassa e fuori bilancio.

Il prestatore ha affermato che queste esposizioni erano “di dimensioni limitate e di buona qualità” e venivano monitorate da vicino, aggiungendo che non avrebbero alcun impatto sulla distribuzione del dividendo del 2021.

Il colosso bancario svizzero UBS ha anche dettagliato la sua esposizione diretta alla Russia nel suo rapporto annuale, portandola a 634 milioni di dollari alla fine del 2021. La banca ha affermato che la sua esposizione diretta era limitata e da allora è stata ridotta, sebbene possa essere soggetta a sanzioni.

Grafico: titoli bancari europei, https://fingfx.thomsonmigration.com/gfx/mkt/movanddozpa/european%20banks.JPG L’indice azionario bancario della zona euro è sceso del 9,5% al ​​minimo di 13 mesi all’inizio delle contrattazioni lunedì, prima di pareggiare le perdite. Era in calo del 4% alle 1115 GMT.

Le azioni bancarie sono diminuite drasticamente con l’aggravarsi della crisi mentre gli investitori si sono preparati per i costi economici del conflitto.

Gli istituti di credito operanti in Russia, tra cui l’austriaca Raiffeisen, l’italiana UniCredit e la francese Socit Gnrale, sono stati particolarmente colpiti e lunedì mattina tutti e tre hanno registrato ribassi a due cifre.

Gli Stati Uniti e l’Europa stanno valutando la possibilità di vietare le importazioni di petrolio russo, che secondo gli analisti potrebbe peggiorare i prezzi dell’energia e l’inflazione e ostacolare la ripresa. La Gran Bretagna ha detto lunedì che stava anche considerando un divieto simile.

(1$ = 0,9204 euro)

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.