Hirt si unisce al branco di lupi. Ha firmato un contratto con Quick-Step per due anni

Non incontrerà più Zdenek tybar nella squadra. Il capo della squadra Patrick Lefevere ha annunciato al veterano ceco che non lo avrebbe più firmato.

Ma può con Joseferný, che dovrebbe estendere quello attuale secondo le informazioni dietro le quinte.

Ad ogni modo, Jan Hirt è passato a una delle squadre di ciclismo di maggior successo degli ultimi anni. Alla squadra dei campioni del mondo Julian Alaphilipp. Alla squadra che detiene il record di vittorie al Tour Mark Cavendish (che potrebbe andarsene anche dopo questa stagione). Alla squadra di una delle più grandi speranze del ciclismo contemporaneo, Remko Evenepoel.

“Siamo lieti di aver acquisito Jan Hirt, che porta le sue doti di alpinista nella squadra. Ha dimostrato la sua forza in montagna negli anni, lo ha dimostrato anche al Giro d’Italia di quest’anno. Ha il talento per ottenere risultati per se stesso così come può lavorare molto duramente per le altre persone”, Lefevere ha elogiato l’abilità del 31enne ceco.

Hirt ha ricevuto un contratto di due anni dall’allenatore belga, che è stata la migliore stagione della sua carriera fino ad ora.

Per lui essere fresco e in forma all’inizio dell’anno, questo è stato senza precedenti.

Solo quest’anno.

Hirt ha dominato la prima corsa a tappe a cui ha partecipato, quando ha vinto la tappa del re al Tour of Oman, e quindi ha regnato in generale.

“Sono in ottima forma. Ho ritrovato il mio amore per il ciclismo”, ha detto a metà febbraio.

Ha fissato il Giro Italia come obiettivo principale per il 2022. Ha indirizzato tutto verso di lui, sacrificando tutto per lui. E quando sopravvive a una prima settimana nervosa, che spesso consuma gran parte della sua forza fisica e mentale, inizia a credere in se stesso.

“Non ho mai avuto una prima settimana così fantastica di un Grand Tour come ho fatto qui quest’anno. Certo, potrebbe essere un po’ meglio, ma in ogni caso, è un risultato su cui puoi costruire”, ha detto.

E ci costruisce sopra.

Ogni giorno si spostava sempre più in alto in classifica, non aveva paura di staccarsi, non aveva paura di sprecare energie, ha persino vinto la sedicesima tappa reale in Africa ed è salito tra i dieci d’élite.

Vi rimase fino alla bellissima Verona, dove si assicurò il sesto posto nella cronometro, la migliore posizione nel Grand Tour della sua carriera.

I suoi entusiasti del servizio sono aumentati in quel momento. Si tratta solo di scegliere bene. “Qualcosa è maturo. Penso che sarò chiaro presto”, ha detto poco dopo la fine del Giro.

A metà giugno, in conferenza stampa a Praga, ha sorriso: “E’ fatta”.

Non ha però potuto svelare il nome della nuova gabbia, perché secondo le regole i trasferimenti si potranno discutere solo a partire dal 1 agosto. Quick-Step ha finito per aspettare tre giorni in più.

Stamattina ha preso in giro i fan su Twitter: “Abbiamo alcune interessanti notizie di trasferimento per te. Riesci a indovinare chi è? E no, quello non è Oscar Piastri”, ha alluso al trasferimento del talentuoso (non) pilota australiano, che in questi giorni ha guidato la Formula 1.

Un’ora dopo divenne luminoso.

Contemporaneamente a Hirt, il team ha anche annunciato l’arrivo del velocista classico e belga Tim Merlier e del giovane Dane Casper Pedersen.

“Siamo molto contenti dell’accordo che abbiamo fatto. Tutti e tre hanno un grande talento, sono anche giocatori di squadra, che è quello di cui abbiamo bisogno qui a Quick-Step. Fa parte della nostra filosofia che i tre si incontrino. Non vediamo l’ora di lavorare insieme”, ha detto Lefevere.

A parte Hirt, il Belgio di casa ha solo il talentuoso Remek Evenepoel nella classifica generale delle grandi corse a tappe per la prossima stagione.

Così, Hirt avrà la possibilità di lottare di nuovo per un altro grande risultato nel Grand Tour.

Solo questa volta in colore lupo.

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.