Coronavirus Italia L’incubo di una donna ceca in Italia. È così che cambia la nostra vita

Due mesi fa la signora Elisabetta (il lettore non vuole rivelare il suo vero nome o luogo preciso di residenza per non stressare i suoi cari, l’editore conosce la sua identità) stava bevendo un caffè con amici italiani e sentendo parlare di un” virus cinese” per la prima volta.

Pochi giorni dopo, per le strade d’Italia sono comparsi i primi veli e il padre ha consigliato ad Alžběta di posticipare l’acquisto dei biglietti per Praga “a causa del virus”. Ma la vita continua ancora normalmente. Nella seconda metà di febbraio la sig. Elisabetta si gode le vacanze in Alto Adige e fa il tifo selvaggio per i biathleti ad Anterselva.

Com’è l’Italia dopo l’annuncio della quarantena, guarda la gallery:

“Siamo nella zona rossa da oggi. Diciamo nella zona rossa di seconda generazione. Non è più un Codogno rosso. È un nord rosso. Non tutto, ma la maggior parte. E ci siamo dentro. “Non capisco. Attualmente, i rapporti hanno riportato che i casi stanno aumentando a un ritmo più lento. Mi dispiace, non dovrebbe essere chiamata una zona rossa. Così ha detto il Primo Ministro italiano. “Questa non è una zona rossa, questa è una no- go zone”, ha scritto Elizabeth della sua esperienza lo scorso fine settimana.

Potete leggere la storia completa della signora Elizabeth al seguente link.

Nessuno sa quanto durerà l’intera faccenda e l’incertezza è probabilmente la peggiore. “Questo è stato un incubo che mi ha perseguitato in montagna due settimane fa. Siamo intrappolati in questa città. Nessuno può entrare o uscire a meno che non ci sia un buon lavoro o una ragione medica. Non ci è nemmeno permesso uscire nella natura, come so.” pianifica molto bene per noi. Non possiamo andare da nessuna parte se non in città. A meno che, ovviamente, non abbiamo la febbre. Chi ha una temperatura di almeno 37,5°C per qualsiasi motivo non dovrebbe lasciare il proprio appartamento Ha provato un mix di panico e claustrofobia. Quanto tempo ci vorrà? Probabilmente fino all’inizio di aprile. Quattro settimane, un mese! Non mi interessa. “

La paura dei propri cari è associata alla necessità di organizzare le questioni pratiche. La madre di Elizabeth ha consigliato al marito di fare domanda per l’opportunità di lavorare da casa. “In pratica usa il computer per lavoro e se lo può portare a casa. Se c’è da aspettarsi un aumento significativo dei casi, allora sta meglio a casa. Non ha valore rischiare. Per noi e per nostra nonna. L’italiano la nonna, la madre di suo marito, ha più di ottant’anni, e appartiene al gruppo in via di estinzione. Non se ne va, ma suo marito può essere un portatore”, ha aggiunto.

Nonostante la spiacevole situazione, la sig. Elizabeth cerca di vivere una vita normale. Una passeggiata per la città è completata da visite alle chiese, dove suonano gli organisti, ma la messa non è consentita. “Amiamo le visite turistiche. Forse non è ancora così male con la nostra città. Ma come ammetto, mi sento come se stessi oscillando. Giù per un po’, su per un po’…”

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.