Commercio estero, giustizia di pace economica francese

Inserito il 7 gennaio 2022 alle 7:19Aggiornato il 7 gennaio 2022, 07:21

Questo è diventato uno dei motivi principali del ministro dell’Economia, Bruno Le Maire, le figure che sostengono: il commercio estero deve essere un luogo prioritario per gli anni a venire. Il deficit della bilancia commerciale della Francia sarà di circa 100 miliardi di euro entro il 2022, ovvero il 3,7% del PIL, dopo gli 86 miliardi dell’anno scorso, secondo il Tesoro. Un record, e vale senza dubbio la pena di lavorare sull’ampiezza del baratro. In effetti, questo è un argomento che affrontiamo ogni giorno a Bercy, che è il nostro settore. Produce abbastanza beni per soddisfare le aspettative dei consumatori francesi e stranieri? La risposta è chiaramente no.

In Francia, qualsiasi crescita aggrava il deficit del commercio estero. Man mano che l’economia migliora, i consumi delle famiglie e le esigenze delle imprese aumentano, le importazioni si scatenano. Il deficit è di 4,5 miliardi di euro con la Cina negli smartphone e 13 miliardi in “macchine, strumenti e attrezzature industriali”, necessari per far funzionare le fabbriche. La dipendenza della Francia dall’estero è aumentata, ha mostrato in uno studio l’Alta Commissione per la pianificazione. Lo vediamo alla fine del primo confinamento. La ripresa dell’attività, dopo un crollo senza precedenti, ha ampliato il deficit commerciale nel 2020. Di fronte alla crisi sanitaria, la Francia ha acquistato mascherine, camici, ecc. all’estero. Il telelavoro ha anche creato una forte domanda di computer, stampanti e software. Allo stesso tempo, le esportazioni di Airbus e automobili, che sono la nostra forza di esportazione in tempi normali, sono in fase di stallo.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *