Come dovrebbe essere l’UE in futuro? A Firenze ne discute il pubblico al posto dei politici

Meno di 200 persone sono venute al campus storico dell’Istituto Universitario Europeo di Firenze, in Italia, il secondo fine settimana di dicembre. Tra loro ci sono giovani studenti, anziani, persone provenienti da aree urbane e rurali, cechi o olandesi. Non sono collegati per età, campo o lingua – al contrario, il gruppo è molto vario. Il suo compito era quello di discutere idee sul futuro dell’Europa.

La selezione viene effettuata da Kantar per rappresentare il campione più ampio della popolazione Unione europea. La persona designata ha la possibilità di partecipare Conferenza sul futuro dell’Europa. Esso compilerà una sintesi delle loro opinioni e osservazioni, raccomandando a Bruxelles questioni di interesse per i cittadini dell’UE.

Durante il convegno si sono svolti due incontri, di cui uno virtuale. Il gruppo si è poi riunito a Firenze per votare la raccomandazione.

Partecipante ceco alla Conferenza europea del futuro di Matouš Blohlávek. | Foto: Matouš Blohlávek

La Repubblica Ceca era rappresentata da tre partecipanti. Uno di loro è Matouš Blohlávek, diciannovenne, di Litomic. “Mi è sembrato strano”, ricorda di una telefonata in cui, oltre a presentare le loro opinioni, gli hanno offerto un viaggio pagato a Firenze o un alloggio gratuito. “Sembra sospetto e molto buono. I miei conoscenti mi hanno detto che mi avrebbero venduto alle autorità”, ha scherzato in un’intervista per Aktuálně.cz.

Tuttavia, alla fine ha accettato di partecipare, nonostante abbia dovuto saltare il campionato repubblicano di canottaggio a causa di ciò. “Alla fine l’ho deciso, perché è qualcosa di nuovo che mi aiuterà nella mia carriera futura. Allo stesso tempo, è un’opportunità per conoscere una nuova cultura”, ha pensato Blohlávek.

Gli altri partecipanti hanno parlato allo stesso modo. “Per me ha senso. Posso andare al campionato tra un anno, questa è un’opportunità unica”, ha detto Daniel dall’Olanda, che ha avuto lo stesso problema della sua controparte ceca.

Tutte le proposte ceche sono state approvate

Questo evento è stato il primo e ha visto la partecipazione di un totale di 800 europei, suddivisi in quattro gruppi tematici. Incontro a Firenze sottotitolato Democrazia europea, valori e diritti, lo stato di diritto, inoltre, i delegati si sono incontrati prima per votare le raccomandazioni.

Bělohlávek era con altri due cechi nel gruppo, dove hanno affrontato argomenti nascosti sotto il nome di “integrazione più stretta”. Delle cinque proposte possibili, il gruppo ha finalmente concordato su tre e tutti i partecipanti le hanno votate domenica 12 dicembre.

Il trio ha finalmente avuto successo quando hanno superato il 70 percento dei voti richiesto e sono stati tra un totale di 39 raccomandazioni approvate. Tra questi c’è, ad esempio, l’idea di creare una base comune su cui aumenterà gradualmente il livello economico dei paesi dell’UE e la qualità della vita in essi.

Di tutte le proposte, la raccomandazione di creare un quadro educativo comune che impartisca le stesse conoscenze agli studenti in tutti i paesi dell’UE ha ricevuto il maggior sostegno. Ad esempio, impareranno come funzionano i processi democratici come le elezioni o informazioni di base su come funziona l’UE. Secondo i firmatari, ciò combatterà la disinformazione e ridurrà il populismo. Hanno ricevuto il 94 percento di supporto per questo.

Al contrario, la raccomandazione di istituire un’agenzia che controlli l’indipendenza e l’imparzialità dei media, che classificherebbe i media nazionali in base alla loro affidabilità, è scesa al di sotto della soglia di approvazione.

Puoi vedere i consigli risultanti qui.

Chiunque può inviare una proposta

I risultati saranno presentati da 20 ambasciatori, tra cui Bělohlávek, alla fine di gennaio al Parlamento europeo. Resta da vedere cosa accadrà loro. “Penso che sia una buona idea ascoltare le persone, ma non credo che ne verrà fuori nulla in più. Molti di loro hanno grandi idee qui, ma il Parlamento europeo le conosce già e sa che non possono o possono’ t. Le idee sono spesso per “società ideali, ma le società ideali non funzionano e non esistono”. Le idee sono così ingenue, persino favole”, ha detto scettico.

Anche così, non si è pentito di essere stato coinvolto. “Anche se nulla è stato risolto, abbiamo accettato molto. Abbiamo capito come funziona il processo decisionale o meno e abbiamo agito secondo gli stessi principi dell’Unione Europea”, ha aggiunto.

Coloro che non partecipano al panel possono anche essere coinvolti nella determinazione del futuro dell’Europa. Possono fornire consigli e opinioni su argomenti dalla salute alla migrazione riempire in linea. Tuttavia, dei circa 450 milioni di europei, più di 27.000 si sono registrati finora e solo 7.000 hanno espresso le loro opinioni lì, afferma il sito web. efficace.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.