cinque domande sulla legge russa sulla censura eletta, che condanna ogni “falsa informazione” sui soldati

Vladimir Putin lo è “ovviamente mettere il suo paese sotto il vetro”, riporta l’ONG Reporters sans frontières su franceinfo, venerdì 4 marzo. Una legge approvata venerdì 4 marzo, entrata in vigore sabato, rafforza la repressione dei media e degli oppositori della guerra in Ucraina.

>> Segui in diretta le ultime notizie sulla guerra in Ucraina

Dall’attacco dell’esercito russo in Ucraina, giovedì 24 febbraio, il governo di Mosca ha chiuso il Paese stesso. La pressione sta aumentando sui media nazionali e stranieri indipendenti sul suolo russo. A margine di questa legge, venerdì è stato bloccato il social network Facebook. Franceinfo torna con cinque domande in questa svolta repressiva.

Qual è il contenuto della legge firmata da Vladimir Putin?

Con voto unanime, la Duma, la camera bassa del parlamento russo, ha votato venerdì 4 marzo questa legge. Firmato da Vladimir Putin nel procedimento, entrato in vigore sabato 5 marzo, infligge pene severe – fino a quindici anni di reclusione – a chi trasmette “false informazioni sull’esercito russo, soprattutto se hanno gravi conseguenze per le forze armate”.

Un altro emendamento prevede sanzioni per “chiede di imporre sanzioni alla Russia”. Questi testi si applicano sia ai media che ai privati, ma anche ai giornalisti stranieri.

Il Cremlino si è subito difeso “fermezza” la legge nel trattare con a “guerra dell’informazione” effettuato, secondo la forza, contro la Russia, ha stimato sabato il portavoce presidenziale russo, Dmitry Peskov.

Quali sono le conseguenze di questa legge?

Venerdì, la legge ha avuto il suo primo effetto. Il media indipendente russo Znak ha chiuso il suo sito, riporta Ora di New York (articolo in inglese). Quella Novaia GazetaIl quotidiano indipendente più famoso della Russia, di cui si rammarica sei giornalisti uccisi dalla sua creazione, annunciato per la cancellazione “ingrediente” in “battaglia” per evitare sanzioni, nella notte dal venerdì al sabato Indonesia. “Tutto ciò che non è propaganda viene rimosso”, disse al suo editore, Dmitri MouratovPremio Nobel per la pace, Ora di New York (articolo in inglese). Solo l’uso di una VPN ora consente ai russi di consultare siti internazionali.

questa legge “rende impossibile esercitare la professione di giornalista”stato di Anna Colin Lebedev, sspecialista in società post-sovietica e mdocente presso l’Università di Parigi-Nanterrein Indonesia. Questo blocca la possibilità di condivisione sui social network”. A suo avviso, le parole dell’emendamento erano “molto vago e lascia molto spazio all’interpretazione”. “Ad esempio, se la diffusione delle informazioni porta a ‘gravi conseguenze’, la pena detentiva può essere aumentata al massimo. Ma le ‘gravi conseguenze’ non sono specificate”prendeva appunti.

“Stiamo tornando a una forma quasi totalitaria di controllo dei media, come ai tempi dello stalinismo”rimprovero Christophe Deloire, segretario generale della ONG Reporters sans frontières (RSF), ospite di franceinfo venerdì 4 marzo.

In quale contesto si verifica questa censura?

La legge è l’ultimo passo di una lunga serie di repressioni contro le voci indipendenti e dissenzienti del Cremlino.Migliaia di russi sono stati arrestati durante le proteste contro l’invasione delle truppe russe.

I media sono particolarmente presi di mira. Prima del voto, il regolatore dei media russo Roskomnadzor, limitando così l’accesso ad alcuni media americani ed europei. I media russi dell’opposizione Dojd ed Echo di Mosca hanno cessato l’attività giovedì dopo essere stati bloccati dal Cremlino.

Il governo di Mosca ha anche soppresso la libertà di espressione bloccando da venerdì il social network Facebook. Il Cremlino ha così punito le società americane, chiamate dall’Unione Europea a bloccare i media vicini alle potenze russe in Europa, come il canale RT, il sito web dello Sputnik o il canale televisivo del ministero della Difesa Zvezda.

>> Guerra in Ucraina: i giornalisti di Sky News sono bersaglio di scontri a fuoco in una strada vicino a Kiev

Tuttavia, i social network sono uno degli strumenti per esprimere la critica al potere ampiamente diffuso “attraverso i messaggi”, nota Natalia Krapiva, un avvocato specializzato in tecnologia presso l’ONG Access Now, è stata citata dall’AFP. “Quindi questo è un duro colpo per l’accesso a informazioni indipendenti e la lotta contro la guerra”.

Anche le autorità di regolamentazione russe hanno iniziato a limitare l’accesso a Twitter. I dubbi hanno coperto le piattaforme Instagram e YouTube. “C’è il rischio che le persone non siano più in grado di conoscere la verità”si lamentò Natalia Krapiva.

Come stanno reagendo i paesi occidentali?

Testo “Sembra che sia stato scritto per fare di ogni giornalista freelance un criminale”, fece arrabbiare John Micklethwait, editore dell’agenzia Bloomberg. Come la BBC, la CNN, la ABC o Radio Canada, hanno annunciato che sospenderanno il loro lavoro giornalistico in Russia.

Corrispondente francese a Mosca da Mondo e Radio France hanno annunciato sabato che avrebbero sospeso i loro post su Twitter sul conflitto, a causa di questa legge. Riposo necessario “tempo per valutare l’impatto delle nuove misure adottate in Russia”riferisce Sylvain Tronchet, corrispondente di Radio France, a proposito Indonesia.

Sabato 5 marzo anche i canali della televisione pubblica tedesca ARD e ZDF hanno annunciato la sospensione temporanea della loro copertura da Mosca. Secondo il comunicato stampa, le due catene dovrebbero richiedere del tempo“considerando le conseguenze” della recente legge russa. Idem per la RAI italiana.

Venerdì, il provider di servizi Internet americano Cogent Communications ha affermato di averlo fatto “la mia fine” per i suoi contratti con i clienti in Russia, poiché giganti della tecnologia come Apple e Microsoft hanno smesso di vendere prodotti in Russia.

Il silenzio è un fatto nuovo in Russia?

“Già pochissimi media sono riusciti a mantenere la loro indipendenza, la repressione del Cremlino è così feroceha spiegato Christophe Deloire. È rimasto pochissimo margine con alcuni media come la televisione Docht che vengono trasmessi su Internet perché il satellite è vietato”.

Attualmente, la Russia è al 150° posto su 180 paesi nella classifica mondiale della libertà di stampa pubblicata online da RSF. La prossima graduatoria sarà pubblicata il 3 maggio. Christophe Deloire lo crede “La Russia continuerà il suo movimento sotto l’influenza di un uomo che è un predatore della libertà di stampa, uno dei peggiori, ovvero Vladimir Putin”.

Anche il Paese di 144 milioni di persone si prepara a essere tagliato fuori dal mondo esterno. Nel 2019 il governo testare il sistema per disattivare completamente Internet e ha un equivalente molto limitato al confine. Questo test è da un’altra legge, il “leggi per un Internet sicuro e sostenibile”. Era già predisposto per misure repressive in termini di “diffusione di notizie false” o da “mancanza di rispetto per l’autorità”.

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.