Bruxelles è attenta all’Italia, campanello d’allarme nella capitale

cooperazione costruttiva. Il muro su cui si erano radicate le istituzioni europee prima dell’arrivo di Giorgia Meloni alla guida dell’Italia era di cautela e imparzialità, nella speranza che una delle nazioni fondatrici non si discostasse dalle linee europeiste. . Ma se a Bruxelles prevalgono prudenza e “aspetta e vedrai”, nella capitale si sentono gli echi di una vittoria degli IDE. Già, infatti, Parigi e Madrid lanciavano l’allarme, mentre Viktor Orbán si compiaceva dell’arrivo di un governo che potesse far sentire Budapest non sola. A Palazzo Berlaymont sono ben consapevoli della polemica sollevata giovedì scorso dalla newyorkese Ursula von der Leyen sugli “strumenti” a disposizione dell’Ue se l’Italia va come l’Ungheria. Le parole del portavoce della commissione, Eric Mammer, sono diventate il focus di Balance. “La Commissione collabora con il governo eletto dell’Unione Europea, e vale in questo caso come in tutti gli altri: speriamo in una cooperazione costruttiva con le autorità italiane”, ha risposto alle domande della stampa internazionale. Secondo il portavoce di von der Leyen, sarebbe “grezzo” analizzare il voto in Italia, ma in linea di principio Bruxelles è almeno leggermente piegata: “Sarebbe troppo ingenuo dire che le elezioni italiane sono state una decisione europea”.

Per ora non c’è altro da fare che partire dalle istituzioni Ue. Paolo Gentiloni e Christine Lagarde, intercettati all’Eurocamera, hanno evitato la domanda. “Mi piacciono gli italiani”, ha sorriso il presidente della Bce, mentre il commissario Ue all’Economia ha sottolineato di essere “abbastanza fiducioso che la cooperazione con il nuovo governo sarà basata, come sempre, su una posizione seria”. Con un’appendice: “È importante anticipare gli impegni presi, in particolare il NRRR”. Tuttavia, il ministero degli Affari esteri europeo ha lanciato l’allarme. La Spagna voterà nel 2023, quando potrebbe esserci un risultato simile per l’Italia. Da qui forse la chiarezza del ministro degli Esteri José Manuel Arbales: “Il populismo offre risposte semplici e di breve termine a problemi molto complessi. Finisce sempre allo stesso modo, in un disastro”. In Germania, il portavoce Olaf Schultz, che ha speso molti soldi per il Pd, ha lanciato un appello per “l’Italia resta amica dell’Unione europea”. Un appello simile è arrivato da Emmanuel Macron, che ha chiarito di “rispettare le scelte democratiche”. Ma le parole del suo primo ministro, Elizabeth Bourne, sono ben diverse. La Francia, insieme all’Unione Europea, “presterà attenzione” al “rispetto” dei diritti umani e al tema dell’aborto in Italia. Il timore è che, nonostante le rassicurazioni del centrodestra, la Roma possa seguire il vantaggio dell’Ungheria, sulla scia dell’entusiasmo di Urbano per la vittoria di Meloni. “Non vedo l’ora della nostra futura cooperazione per mantenere la pace in Europa e rivitalizzare l’economia europea”, ha affermato il primo ministro ungherese, che ha inviato messaggi di congratulazioni ai tre leader di centrodestra.

Eppure la vittoria degli IDE ha suscitato poco entusiasmo sovrano ovunque. “Meloni e Salvini contro l’antidemocrazia Ue, vittoria storica”, è il brindisi di Marine Le Pen. Il voto italiano potrebbe anche innescare un terremoto nelle sale d’Europa. Il PPE, dopo una notte di silenzio, si è congratulato con FI e ha affermato che “l’Italia è il pilastro dell’Europa e il nostro partito è la bussola dei valori europeisti”. “Il PPE dovrebbe vergognarsi e non celebrare il suo nuovo ruolo di terza ruota nella coalizione di estrema destra”, ha affermato S&D. Il dibattito scatenerà la prossima sessione plenaria di Strasburgo, dove la Lega cercherà di rilanciare il suo ruolo di sinistra e i Verdi si sono impegnati a rafforzarsi.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."