Brigitte Macron fa causa a due donne che hanno diffuso voci transfobiche contro di lei

Hanno diffuso voci secondo cui la first lady è una donna transgender.

La first lady Brigitte Macron ha convocato due donne in un tribunale di Parigi per aver diffuso notizie false su Internet secondo cui si tratta di una donna transgender, ha appreso l’AFP venerdì 18 febbraio da fonti giudiziarie, confermando le informazioni di M6.

La First Lady Brigitte Macron ha recentemente avviato un’azione civile e penale per ottenere le condanne di due donne che diffondono notizie false su Internet sostenendo di essere una donna transgender. Avvocato Sig. Macron, Me Jean Ennochi, ha confermato venerdì all’AFP le informazioni da M6 su questa doppia azione legale. Per quanto riguarda i civili, la prima udienza è stata fissata per il 15 giugno davanti alla 17a camera dei tribunali di Parigi, ha riferito una fonte giudiziaria all’Afp. L’azione civile contro i servizi di Brigitte Macron si basava su disposizioni del codice civile relative alla privacy, ha affermato la fonte. Le due donne incaricate da Brigitte Macron si presentano come “media” e “giornaliste indipendenti” che sono una delle principali staffette di questa fake news.

Avevano trasmesso sul canale “medio” YouTube, il 10 dicembre, le foto della first lady e della sua famiglia. I tre figli di Brigitte Macron e il fratello Jean-Michel Trogneux si uniscono all’appello, in particolare per atti di violazione della privacy, violazione dei diritti della personalità, violazione dei diritti di immagine, secondo gli avvocati. Brigitte Macron e suo fratello hanno anche presentato una denuncia civile alla fine di gennaio per “calunnia”, con l’obiettivo di ottenere un processo penale questa volta nel caso, ha detto Me Ennochi. Contattato, lysée non ha risposto. Per diversi mesi, i messaggi hanno brulicato sui social network sostenendo che Brigitte Macron, nata Trogneux, è in realtà una donna transgender il cui nome di nascita è Jean-Michel. Una grande cospirazione lavorerà per nascondere questo cambiamento di stato civile, secondo questa falsa informazione che rientra anche nelle più gravi accuse penali mosse contro la first lady.

Infox

Queste accuse, che inizialmente circolavano in segreto, hanno maggiore risonanza rispetto a metà ottobre quando sono state sollevate su una rivista di estrema destra, in un articolo firmato da una delle due donne prese di mira dall’azione legale di Brigitte Macron. Questa falsa informazione ha guadagnato ulteriore popolarità a dicembre, quando la campagna presidenziale ha iniziato a muoversi. Questa non è la prima volta che i Macron sono stati oggetto di voci che collegano genere e orientamento sessuale. Durante la campagna presidenziale del 2017, Emmanuel Macron ha dovuto negare le accuse di presunta omosessualità e la sua relazione con l’ex CEO di Radio France Mathieu Gallet. Inoltre, le fake news transfobiche non sono un fenomeno nuovo.

Diverse donne politiche hanno pagato il prezzo, come l’ex first lady statunitense Michelle Obama, l’attuale vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris o il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern. Inoltre, questa non è la prima volta che una first lady va in tribunale. All’inizio del 2019, Brigitte Macron aveva sporto denuncia contro un’Ardenne che aveva pubblicato un messaggio, presumibilmente un appello alla violenza nei suoi confronti, sul sito web del quotidiano regionale L’Union. L’uomo è stato assolto in primo grado, ma la Procura di Reims ha presentato ricorso. L’entourage di Brigitte Macron ha anche presentato una denuncia nel marzo 2018 per furto di identità dopo aver inviato e-mail false per conto del suo gabinetto.

In questo caso, un uomo che affermava di essere il nipote di Brigitte Macron per ottenere vantaggi e privilegi da un’azienda, azienda o istituzione di lusso, è stato condannato a un anno di carcere a fine ottobre 2021 a Parigi. Anche altre first lady sono state citate in giudizio, in particolare prendendo di mira riviste di celebrità per violazioni della privacy. All’inizio del 2011, l’ex modella Carla-Bruni Sarkozy ha sporto denuncia contro un quotidiano francese che aveva pubblicato sul proprio sito un estratto dall’adattamento italiano di “Douce France” di Charles Trenet, uno dei più popolari in Francia. directory. Ha anche avviato la procedura nel 2008 quando una società Reunion ha venduto una borsa illustrata con la sua statua.


GUARDA ANCHE – “Ogni giorno piango”: Brigitte Macron legge una commovente lettera di una ragazza di 16 anni vittima di bullismo a scuola

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.