Biden: il G7 rimuove la clausola sul paese più favorito della Russia, gli Stati Uniti limitano le importazioni dalla Russia

Aggiornare: 11.03.2022 20:08
Rilasciato:

Washington – Il G7 rimuoverà la clausola del Paese preferito dalla Russia. Secondo Reuters, lo ha annunciato oggi il presidente degli Stati Uniti Joe Biden. Ha aggiunto che gli Stati Uniti vieterebbero le importazioni di alcol, frutti di mare e diamanti russi. La mossa è stata una risposta all’attacco della Russia all’Ucraina.

Biden ha definito il presidente russo Vladimir Putin un “aggressore” che deve “pagare” per le sue azioni. Ha anche affermato che gli Stati Uniti amplieranno l’elenco degli oligarchi russi soggetti a sanzioni e vieteranno l’esportazione di beni di lusso in Russia. “Questo è l’ultimo passo che stiamo facendo, ma non l’ultimo”, ha detto.

La rimozione della clausola più favorita del paese ha aperto la strada agli Stati Uniti e ai loro alleati per imporre tariffe su un’ampia gamma di merci russe, riferisce Reuters.

Secondo una dichiarazione congiunta, ciascuno degli Stati membri del G7, ovvero Gran Bretagna, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone e Stati Uniti più l’Unione Europea, si è impegnato ad adottare misure indipendenti per rimuovere la clausola più favorevole, che prevede la Russia con le migliori condizioni commerciali. , come tariffe basse e poche barriere commerciali. “(La fine di questo vantaggio) insieme ad altri paesi, che costituiscono la metà dell’economia globale, sarà un altro colpo devastante per l’economia russa”, ha affermato Biden.

I membri del G7 hanno anche affermato che stavano lavorando insieme per impedire alla Russia di ottenere finanziamenti dalle principali istituzioni finanziarie multilaterali come il Fondo monetario internazionale e la Banca mondiale. Sono inoltre pronti a imporre ulteriori restrizioni all’esportazione e all’importazione di importanti beni e tecnologie russe. Si adopereranno inoltre per mantenere la stabilità dei mercati energetici e garantire la sicurezza alimentare in tutto il mondo.

Negli Stati Uniti, la clausola statale più preferita è indicata come lo stato di una relazione commerciale normale permanente (PNTR). Il ritiro di questo status dalla Russia deve ancora essere approvato dal Congresso degli Stati Uniti, ma i legislatori di entrambe le camere e di entrambi gli schieramenti politici hanno segnalato che sosterranno la misura.

La Russia è il 23° partner commerciale degli Stati Uniti. Il commercio reciproco dell’anno scorso è stato di 36,1 miliardi di dollari (829 miliardi di CZK), di cui 29,7 miliardi di dollari (682 miliardi di CZK) erano importazioni dalla Russia. Circa tre quinti sono usati per petrolio, carbone e gas.

Russia Ucraina Gli Stati Uniti combattono il commercio di Biden

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.