A Lot-et-Garonne, Parcs Center per far dimenticare anni di insuccessi

Un comunista di campagna che dà una pacca sulla spalla al grande capo di Parigi, condivide i sorrisi compiaciuti di coloro che sono stati colpiti: vediamo cose divertenti a Lot-et-Garonne, al confine delle Landes. Nel regno dei pini e dei noccioleti, a Casteljaloux, è appena cresciuto il Centre Parcs, il primo in sette anni in Francia, inaugurato giovedì 19 maggio. Franck Gervais, il capo di un gruppo messo nelle mani di un fondo di investimento, può ringraziare Raymond Girardi, sindacalista agricolo ed eletto funzionario locale che vi ha dedicato l’autunno della sua vita politica.

Il piccolo coltivatore di grano di 69 anni, che in precedenza era a capo del Movimento per la Difesa delle Famiglie Contadine, che, nel 2010, propose a Pierre & Vacances di costruire un Centro Parcs in questo piccolo dipartimento turistico; possibilmente nella comunità comunale che ha guidato, dove inizia la foresta delle Lande. Gérard Brémond, all’epoca ancora amministratore delegato e proprietario del gruppo, aveva scelto: «Troppo a sud. »

Leggi anche: Articoli forniti per i nostri clienti La triste partenza di Gérard Brémond, fondatore di Pierre & Vacances-Center Parcs

Il concetto di Center Parcs, nato nei Paesi Bassi, è pensato per una zona senza sole: in quale altro modo si può giustificare una zona acqua riscaldata tutto l’anno, una zona adatta alle famiglie?

La crisi economica è finita; il progetto Roybon, nell’Isère, è in stallo; Gérard Brémond è tornato a Lot-et-Garonne. Trova lo stesso entusiasmo politico essenziale per i progetti che richiedono il sostegno logistico e finanziario delle autorità pubbliche. Contro di lui un comunista, il sig. Girardi, socialista, Pierre Camani, presidente del dipartimento, e assicurazioni: “Avevamo promesso a Brémond: ‘Sarà fatto. Noi siamo il capo. ” » Quanti incontri pubblici, persuasione, dimostrazione misurata! Sig. Girardi fa la contabilità: “In otto anni, non un giorno non sono stato coinvolto nella difesa di Center Parcs o nella risoluzione di problemi. Ho passato la mia vita lì. »

Progetto retoqués o interrotto

Questo è un requisito affinché lo sviluppo possa essere accettato in un’era di azione legale, democrazia cittadina e democrazia “Non nel mio cortile” (“Non nel mio giardino”), che complessivamente si oppone ai progetti turistici. Center Parcs, che prospera in spazi naturali poco visitati, su diverse centinaia di ettari di terreno, sono vittime di questa consapevolezza.

L’ex Centre Parcs de Roybon è stato convertito in una zona da difendere (ZAD), portando Pierre & Vacances ad ammettere l’abbandono del progetto; che Poligny (Jura) è stato bloccato in attesa di un ricorso del tribunale amministrativo di Nancy, dopo che il piano urbanistico locale (PLU) che lasciava il posto a Center Parcs era stato annullato; che Rousset-Marizy (Saône-et-Loire) non è più favorita dal dipartimento o dalla regione; e l’ampliamento del Centre Parcs des Bois-France (Eure) è stato impugnato a gennaio da un tribunale amministrativo, adito da un’associazione per la difesa dell’ambiente. L’alta dirigenza del gruppo, in fase di acquisizione, ha presentato una proroga e messo in cassa i due progetti Borgogna-Franca Contea, senza annunciarne ufficialmente l’abbandono. “Data l’attuale ristrutturazione finanziaria, ci sarà una revisione di tutti i progetti. Su questi due, siamo ben consapevoli dell’opposizione ‘ ha detto un portavoce.

Hai ancora il 66,08% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato ai clienti.

Jacqueline Andrus

"Unable to type with boxing gloves on. Total alcohol enthusiast. Unapologetic thinker. Certified zombie junkie."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.