18 luglio Brief sulle ultime notizie dal mondo

Spagna, Portogallo e Italia restano in allerta mentre l’Europa affronta un’ondata di caldo

Un turista beve birra sulla spiaggia di Levante mentre un’ondata di caldo attraversa la Spagna il 16 luglio 2022 a Benidorm, in Spagna. (Foto: Zowy Voeten/Getty Images)

Le autorità spagnole, portoghesi e italiane faticano a contenere l’attuale ondata di caldo, mentre le intense temperature di lunedì hanno bruciato l’intero continente europeo.

Il presidente del governo spagnolo, Pedro Sánchez, ha dichiarato lunedì di voler condividere le prove che “il cambiamento climatico uccide”, mentre visitava la regione dell’Estremadura devastata dagli incendi nella Spagna occidentale.

“Voglio condividere le prove e il cambiamento climatico sta uccidendo, uccidendo le persone come abbiamo visto, uccidendo i nostri ecosistemi, la nostra biodiversità”, ha detto Sánchez.

“Distrugge anche il nostro bene più prezioso, le persone colpite da questo cambiamento, le loro case, le loro case, le loro attività, il loro bestiame”.

Sánchez ha proseguito affermando che finora quest’anno più di 70.000 ettari sono stati distrutti dagli incendi nel nostro paese.

Secondo l’agenzia meteorologica nazionale spagnola AEMET, quasi l’intero paese è a rischio di incendio estremo, con molte aree ora classificate come aventi livelli di calore “estremo”.

Questo lunedì, la Spagna ha affrontato la sua ottava ondata di caldo in più di una settimana, che ha causato più di 510 morti per caldo, secondo gli ultimi dati dell’Istituto di salute Carlos III.

La Spagna piange anche la morte del vigile del fuoco Daniel Gullón Vara, che stava lavorando per estinguere gli incendi boschivi nella provincia di Zamora. Durante la sua visita nella zona, Sánchez ha espresso le sue condoglianze e ha detto che Daniel rappresentava coloro che “combattono ogni giorno in prima linea di fuoco”.

In Portogallo, secondo il servizio meteorologico portoghese, l’Ocean and Atmospheric Institute (IPMA), circa 80 città in 10 distretti rimangono sotto i livelli più elevati di minaccia di incendi boschivi, principalmente nel nord-est del paese.

Quasi 1.000 vigili del fuoco, supportati da circa 300 veicoli e aerei, sono stati dispiegati in tutto il paese, combattendo cinque grandi incendi boschivi, ha affermato l’Autorità della Protezione Civile portoghese nel suo ultimo aggiornamento. Il più grande incendio fino ad oggi è a Fundão, nel quartiere di Castelo Branco.

Le temperature in Portogallo si sono leggermente raffreddate dopo aver raggiunto i massimi record di luglio la scorsa settimana. Questo lunedì, la temperatura è inferiore a 30ºC nella maggior parte del paese.

Nonostante la breve pausa, l’IPMA prevede che le temperature aumenteranno nuovamente da mercoledì, raggiungendo circa 40°C in alcune aree.

Le regioni italiane più colpite dalla siccità devono razionare l’acqua, poiché il Paese ha dichiarato lo stato di emergenza all’inizio di questo mese.

Nelle zone vicino alla valle del fiume Po, le città hanno interrotto l’approvvigionamento idrico durante la notte e ai residenti è stato impedito di lavare le auto e innaffiare i loro giardini.

Nel piccolo comune di Castenaso, in provincia di Bologna, un’ordinanza del sindaco ha vietato a parrucchieri e barbieri di lavare due volte i capelli dei clienti per risparmiare acqua prima che le scorte finiscano.

A Milano, la piazza finanziaria d’Italia, il sindaco ha ordinato la chiusura di tutte le fontane decorative e vietato il lavaggio dei veicoli privati ​​o l’irrigazione di giardini e cortili.

E a Roma l’ingresso gratuito in piscina è offerto agli over 70 “per rinfrescarsi di fronte alle alte temperature estive”, secondo il Comune di Roma.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.