Vuoi che la tua casa assomigli sempre a qualcosa uscito da una rivista? Quindi non invitare ospiti lì, consiglia il designer

Un esempio di tavolo in quercia per sei, tovaglioli di lino belli come soldati, la porcellana è la migliore della casa, il vetro scintillante di purezza, il punto finale di chiusura della sfilata della perfezione è un vaso pieno di rose e gigli.

I letti sono fatti in maniera esemplare, le lenzuola di cotone egiziano sono tese “come corde”, i cuscini sono dondolati come dovrebbero, i libri sul tavolino sono tesi abbastanza da dare l’impressione che qualcuno li abbia posati per un attimo, ma allo stesso tempo non devono sembrare disorganizzati… Il piano di lavoro in marmo della cucina brilla di pulizia.

Ecco come appare il look regale della stilista 55enne Kerri Griffin, che ha creato nella sua casa di campagna del 17° secolo nello Shropshire, un’immagine che condivide sul suo account Instagram.

Sembrava che il suo ospite si fosse appena svegliato da un po’, ha scattato qualche foto e poi sono tornati a divertirsi ea chiacchierare. Tuttavia, nulla potrebbe essere più lontano dalla realtà.

Infatti, come lui stesso ammette sul sito del Daily Mail, non ha avuto visitatori in casa per diversi anni. Ed è per questo che la sua casa sembra così perfetta in tutte le foto. Se vuoi avere una casa perfetta, non invitare ospiti, è il motto.

Non è scontato nemmeno nel caso di familiari. “Quando mio fratello era appena tornato dalla Spagna dopo vent’anni, e mi ha chiesto se lui e il suo cane potevano stare con me, gli ho detto che erano entrambi molto benvenuti, ma solo se si accontentavano di dormire nella stalla in giardino, il che non è il caso, riscaldato e non c’era acqua corrente perché i cani non erano ammessi in casa mia “, ha ricordato Kerri.

Quindi, in tutte e cinque le camere da letto, il letto sembra che nessuno ci abbia mai dormito, perché nessuno ci ha mai dormito. In cucina ci sono diversi utensili da cucina sul tavolo della cucina che corrispondono allo stile, ma questi sono solo quelli che il proprietario non usa mai. Usato per la decorazione.

Piuttosto che usarlo, e magari anche indossarlo, preferiva fare tutto quello che poteva da solo, a mano.

“Amo la mia isola della cucina, ma non mi sognerei mai di metterci sopra un vecchio piatto. Se qualcuno, Dio non voglia, osasse mettergli addosso il portafogli – perché qualcuno dovrebbe farlo, è antigienico e disordinato – lo metterei subito su uno sgabello da bar. Inoltre, non ho mai letto un solo libro sul mio scaffale perché non voglio che abbiano il cuore spezzato”, ha detto il designer.

Ammette che la sua casa di campagna è più una casa di spettacolo che una casa nel vero senso della parola. Di tutte le persone che potevano entrare, sua figlia era l’unica.

Ma quando si trova accidentalmente in una situazione spiacevole e deve far entrare qualcuno nel suo regno di perfezione, esce senza compromessi, sul terrazzo. Ci sono mobili che richiedono meno manutenzione. Nonostante ciò, osservava con occhi attenti ogni mossa del suo ospite, e appena qualcuno finiva il caffè o svuotava un bicchiere di vino, si alzava subito e andava a pulire i piatti appropriati.

Se tutti gli elementi, compresi quelli naturali, cospirano davvero contro Kerri e hanno bisogno di invitare gli ospiti in casa, anche lei ha riservato qui una stanza speciale, che chiama il salotto del giardino. Qui ci sono pavimenti in rovere di facile manutenzione e mobili meno appariscenti.

“Recentemente, un mio conoscente mi ha detto che in realtà non si siede mai sul divano di casa mia. Fortunatamente, la maggior parte delle persone alza gli occhi al cielo piuttosto che offendersi”, ha detto Kerri, aggiungendo: “Sono l’unico autorizzato a rilassarsi in soggiorno, io e i miei ospiti usiamo solo un divano per tenere puliti gli altri.”

Mentre alcuni si ritrovano nei suoi principi quando leggono le narrazioni dei designer, altri potrebbero rabbrividire e chiedersi se tutto ciò sia ancora normale. L’origine esatta della sequenza potrebbe sorprendere alcuni.

“Potresti presumere che la mia casa perfetta sia dovuta alla mia carriera di designer d’interni. E sì, è nella mia natura volere che la stanza sia perfetta. Ma questa è solo una parte della storia”, ha iniziato Kerri con la sua rivelazione.

Lei e il suo ex marito si sono trasferiti in casa nel 2006. Il designer è rimasto colpito dal suo aspetto e soprattutto dalla sua spaziosità. I bambini all’epoca erano giovani e la nuova casa era piena di normali e comprensibili pasticci familiari, che Kerri ovviamente cercò di controllare nel miglior modo possibile. Sfortunatamente, non era abbastanza per suo marito.

“Tra i 49 motivi per cui ha divorziato da me, ha detto, tra le altre cose, che non tenevo pulito il tavolo della cucina. Mi sono innervosito cercando di essere perfetto solo per compiacerlo, e quando ha lasciato la nostra casa due anni dopo che ci siamo trasferiti in, ho iniziato un periodo di tumulto che è iniziato ribelle”, ha ricordato.

Kerri è davvero ubriaco del peccato sotto forma di tazze vuote lasciate in cucina o piatti sporchi lasciati nel lavandino durante la notte. Ma non dura a lungo.

Dopo un anno di questa libertà unica, il caos iniziò a tormentarlo. È sempre stata una casalinga premurosa e si è subito resa conto che se voleva svolgere bene questo ruolo importante nella sua vita, doveva riprendersi non solo finanziariamente, ma anche emotivamente.

Il giorno dopo, iniziò a purificarsi con un nuovo mantra sulle labbra: “Ordine nella casa, ordine nell’anima”. E davvero. Non appena l’ordine arrivò a casa sua, anche la sua vita fu in ordine, e pian piano cominciarono ad arrivare i primi successi.

Ha iniziato un’attività importando tessuti dall’Italia, per poi passare all’interior design. Ha trasformato il garage in un cottage per le vacanze. “Credo di essere riuscita in tutto questo grazie alla mia straordinaria disciplina e attenzione. Circondata dal caos, la mia mente è frammentata. La mia casa calma e ordinata mi dà la sensazione di avere tutto sotto controllo”, elogia. lui stesso.

Kerri adora la sua routine del sabato. In questo giorno tutta la casa sarà pulita, pulita, finestre e pavimenti lavati. Mette fiori freschi in ogni stanza e tutta la biancheria viene lavata, che poi stira nel suo ferro professionale. Infine, ha regolato la posizione di tutti gli elementi decorativi, scuotendo i cuscini e levigando l’ultima piega della trapunta.

A parte non invitare nessuno a fargli visita, non era stato ospite di nessuno dei suoi conoscenti per anni. Sapeva dagli indizi che i suoi amici avevano paura di invitarlo perché la loro famiglia poteva non essere allo stesso livello di una volta.

Tuttavia, questo non lo infastidirebbe troppo. Dopo tutto quello che ha passato, non oserà – come dice lui – giudicare nessuno. Ma la sua vita sociale traballante non lo infastidiva troppo. Gli piace di più stare a casa.

“Ma ora ho deciso che è ora di cambiare. Ho venduto questa casa e ne ho comprata una più grande, con sei camere da letto, in campagna, su 1,6 acri con un lago. Sono la prima a dire che una donna che vive da sola e comprare una casa così grande sarebbe pazzesco, ma sono felice. Ho lavorato sodo per comprarla. Ma non aspettarti che vi organizzi una festa di inaugurazione. Ho ordinato una tenda”, conclude il designer con secco umorismo inglese.

indagine

Inviti visitatori a casa tua?

Scegliamo con cura, ma poi è sempre molto divertente.

Volevamo, ma non c’era molto tempo per quello.

Molto. Non ci userà molto per questo.

Hanno votato un totale di 5841 lettori.

scrivici

Hai costruito una nuova casa, ristrutturato un appartamento o hai un giardino splendidamente decorato e vuoi mostrarlo ad altri lettori e ispirarli?

Invia una lettera alla redazione all’indirizzo bydleni@novinky.cz, allegando alcune frasi di accompagnamento e alcune immagini del tuo lavoro.

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.