Vučić per giorni da “Ho visto il Referendum Act” a “Penso di aver firmato”

Sebbene il decreto sia stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, mostrando che il presidente ha firmato la legge referendaria giovedì 25 novembre, Aleksandar Vučić ieri sera ha detto che si sarebbe “obiezione se avesse visto la legge referendaria”, ha detto oggi che “pensava” ha firmato la legge legge. A proposito, la commissione parlamentare per le questioni costituzionali e legislative ha deciso che la domanda del referendum sui cambiamenti costituzionali recitava: “Sosteni l’adozione di misure per modificare la costituzione della Repubblica di Serbia?”.

Ai cittadini verrà chiesto in un referendum di cerchiare chiaramente “sì” o “no” – perché il presidente di tutti i cittadini non può dire chiaramente “sì” che ho firmato o “no” che non ho firmato l’atto referendario?

Giornalista: Visto che il caso Rio Tinto non esiste, vuol dire che non ha pensato di restituire la legge all’Assemblea e non l’ha firmata?

“Obietterei se guardassi il referendum e la legge sull’iniziativa popolare, e il numero di firme e quant’altro, ma non è una legge che va contro la Costituzione, non ho il diritto di restituire qualcosa che non mi piace. “Il mio team legale mi presenterà la sua opinione domani o dopodomani, o vedrò come va, non ho più il diritto di dirti cosa e quando devo firmare”, ha detto il presidente serbo Aleksandar Vucic.

Il presidente ha detto domenica, ma tre giorni prima, giovedì 25 novembre, al suo ritorno da Sochi, Vučić è stato accolto dalla legge sul referendum, che è stata adottata dai deputati quel giorno. La decisione sulla promulgazione di questa legge è stata resa nota in Gazzetta Ufficiale – firmata dallo stesso Presidente.

Lunedì 29 novembre Pink ha nuovamente chiesto al presidente se avesse firmato il Referendum Act.

“Penso di aver fatto la legge sul referendum non appena sono tornato da Sochi”, ha detto il presidente.

Ancor prima che il presidente spieghi che pensa di aver firmato, la commissione parlamentare affari costituzionali si è già riunita – perché…

“Come è noto, la nuova Legge Referendum è entrata in vigore”, ha detto il presidente del Comitato.

Vučić ha spiegato che la Commissione di Venezia ha insistito per l’adozione della Legge Referendum e, come ha detto il Presidente, non aveva nulla a che fare con Rio Tinto. Le modifiche alla Costituzione in materia di giustizia saranno confermate in un referendum, basato sulla decisione della maggioranza dei cittadini, non perché sia ​​previsto dalla nuova legge, ma perché il censimento per le modifiche costituzionali è stato abolito da tempo. E la commissione parlamentare per gli affari costituzionali è inciampata per prima e ha rapidamente corretto la formulazione adottata.

La domanda del referendum è: Sostieni l’affermazione dell’atto di modifica della Costituzione della Repubblica di Serbia?

Il Comitato parlamentare ha prima adottato le parole: Sostieni l’approvazione della legislazione per modificare la Costituzione della Repubblica di Serbia?

Una volta arrivata l’interrogazione, il presidente del parlamento fissa una seduta, in modo che martedì i deputati adottino il testo degli emendamenti costituzionali. È stato annunciato che il 16 gennaio si dovrebbe tenere un referendum.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.