Vučić ha condannato gli insulti di Bokan e lo ha insultato per altri motivi

Un’altra cosa che ci ricorda un tempo che vorremmo poter essere per sempre dietro di noi: l’umiliazione nazionale. La vicepresidente del Partito Libertà e Giustizia, Marinika Tepic, ne soffre da due giorni. L’insulto è stato diretto da Dragoslav Bokan.

Dragoslav Bokan è stato tra coloro che hanno convinto il pubblico di Pink che il video con l’escavatore dall’abaco non era esattamente quello che sembrava. Con la professione di regista e con la chiamata di un analista dei media una stretta autorità. Questa volta con il compito di collegare l’insurrezione dei cittadini con i politici dell’opposizione, e sottolineando la sua particolare debolezza: la nazionalità.

“Marinika Tepic è un membro della minoranza nazionale che odia la Serbia e il popolo serbo. “Madre rumena, padre rumeno, lavora in un’organizzazione rumena, ed è nostra nemica, è un nemico nazionale”, ha detto Bokan a Pink.

E questa affermazione è la diffusione dell’odio punibile dalla legge.

“Condanno assolutamente chiunque abbia insultato a livello nazionale. Amo i rumeni. “Non permetterò a nessuno di attaccare rumeni, ucraini, bosniaci e ungheresi perché è rumeno”, ha affermato il presidente serbo Aleksandar Vucic.

Tuttavia, a Bokan è stata data una seconda possibilità. Sembrava volesse usarlo per difendersi, ma seguì un altro attacco.

“Cito con rabbia l’unica e la prima donna rumena nella storia della fenomenale relazione serbo-romena che ha rovinato la relazione. “Non come membro del popolo rumeno, ma come mostro del popolo rumeno”, ha continuato Bokan con disprezzo.

Allo stesso tempo, proprio da altrove il Presidente ha aggiunto:

“Marinika Tepic è una bugiarda, non c’è niente che non abbia fatto al nostro paese, non c’è responsabilità che non abbia mostrato da qualche parte come Dragan Djilas”, ha detto Vucic.

“Dragoslav Bokan ha detto quello che pensava Aleksandar Vucic. Tutti i seguaci di Seselj, solo che oggi non possono più parlare così. quello che Vučić pensa veramente”, ha detto il presidente della SAA Dragan ilas.

“Bokan era più famoso negli anni ’90, quando interpretava un comandante paramilitare pop, penso che la sua organizzazione inesistente si chiamasse White Eagles, e in questo modo guadagnava punti economici in quella sezione nazionalista serbo”, spiega il settimanale Vreme. editore Filip Schwarm. .

Ha poi fatto un passo indietro dal palco ed è riapparso quando aveva bisogno di dire ciò che era leggermente inappropriato per un funzionario del governo, ha aggiunto Schwarm.

“Non è vero, se è un membro di un altro stato in Serbia, è entrato nell’Assemblea ed è ancora un cancelliere e svolge alcune importanti funzioni statali”, ha detto Schwarm.

“Questo non è solo un messaggio per Marinika, è un messaggio per tutti coloro che vivono oggi in Serbia e per gli altri membri della minoranza nazionale che sono una specie di problema per noi”, ha detto Djilas.

Anche l’ambasciata del Paese in Serbia ha condannato fermamente il discorso di odio rivolto alla minoranza rumena. Hanno anche affermato in una dichiarazione che si sono rammaricati che una televisione con una frequenza nazionale abbia ricevuto una tale dichiarazione senza condanna.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.