Vittoria e tragedia. Mostra al Museo Nazionale dell’Ingegneria che mostra famose auto sportive

La mostra è stata allestita per un anno e mezzo e la maggior parte delle ventiquattro vetture presenti sono state prestate da privati. “Ecco perché la mostra si tiene durante l’inverno e termina il 1 maggio. I proprietari guidano ancora queste auto e vogliono tornarci a maggio”, sorride Petr Kožíšek, curatore della collezione di auto.

Il valore delle auto più rare esposte in questa mostra è di decine di milioni di corone. Questo vale, ad esempio, per la Bugatti 51, la corsa a otto cilindri in cui ha gareggiato Jiří Kristián Lobkowicz.

“All’inizio degli anni ’30, era la più grande speranza della Cecoslovacchia tra i concorrenti. Riuscì in questo adattamento nel 1931 sul circuito di Masaryk vicino a Brno. Finì quarto nel gruppo principale, che è il miglior risultato che i nostri piloti abbiano mai ottenuto nei Gran Premi ”, ha affermato il curatore.

Bugatti fatale 54

L’anno successivo, Lobkowicz passò a una Bugatti 54 più potente, che gli fu fatale. Il 22 maggio 1932 ebbe un incidente mortale all’autodromo Avus di Berlino.

“La Bugatti 51 Lobkowicz è stata successivamente rilevata dal suo migliore amico Zdeněk Pohl. E ha corso con lui fino al 1947”, ha detto la nostra guardia del corpo. “Naturalmente, se vuoi avere successo nelle corse, devi acquistare un’auto veloce in grado di resistere alla concorrenza”, ha continuato il curatore. “Ma a quel tempo, le velocissime venivano prodotte solo in quattro paesi: Inghilterra, Francia, Italia e Germania. E spesso le auto ufficiali non venivano vendute”, ha aggiunto l’esperto.

L’eccezione è Ettore Bugatti, stilista francese di origini italiane. “Ha venduto la sua macchina da corsa e molti cecoslovacchi desideravano viaggiare velocemente, quindi ha comprato il suo treno”, apprendiamo.

Vediamo, ad esempio, la Bugatti 37 A, guidata dall’industriale praghese Miloš Bondy. “I migliori clienti di Bugatti includono la coppia eněk ed Eliška Junka, che hanno acquistato da lui otto auto da corsa”, ha aggiunto Petr Kožíšek.

Non ci sono auto che guideranno piloti famosi, ma ci sono auto dello stesso tipo e design. Tuttavia, i premi autentici, vinti dai nostri concorrenti più famosi, sono autentici. A vederlo è stato il dono speciale della contessa Giovanna Albarese della corsa della Targa Florio.

Anche Eliška Junková ha gareggiato in questo tipo di treno.

Foto: Milan Malíček, Pravo

Ma anche questa storia non ha un lieto fine. Nel 1928, eněk Junek partecipò al Gran Premio di Germania al Nürburgring e lì ebbe un incidente mortale. Sua moglie non ha mai iniziato dopo.

Prezzi dai principali scultori

Non solo le vetture stesse possono essere viste, ma anche i trofei detenuti dai corridori cecoslovacchi di successo. “Alcuni di loro non sono stati visti dal pubblico”, ha detto il curatore. Gli scrittori erano spesso anche eminenti scultori.

Il premio itinerante per la squadra vincitrice del Concorso Internazionale di Affidabilità in Cecoslovacchia dal 1921 al 1923 è stato realizzato da Ladislav Aloun, meglio conosciuto come l’autore della statua di Jan Hus nella Piazza della Città Vecchia di Praga. Un altro trofeo per lo stesso concorso è stato creato da Otakar vec, un grande scultore che purtroppo è meglio conosciuto come il creatore del monumento a Stalin a Letná, Praga.

Prezzi da Ladislav aloun

Foto: Milan Malíček, Pravo

Non tutti però vogliono vincere gare prestigiose, come ricorda una parte della mostra intitolata “Athletes of Everyday Life”. “Si tratta di persone che acquistano auto sportive per il proprio piacere. Auto del genere non sono pratiche, non porti la tua famiglia in viaggio o tua suocera con le valigie alla stazione. Eppure le persone le comprano per godersi un giro veloce, ” ha spiegato il curatore. .

Tali auto sono state poi tramandate di padre in figlio, come nel caso della Salmson Grand Sport in mostra. Fu acquistato nel 1930 dal funzionario praghese Karel Vaníček. “Non l’ha mai venduta e l’ha donata a suo figlio Milano il giorno di Natale del 1962. Ancora gode dell’auto e ce la presta per le mostre”, apprendiamo.

In coda in giro per il mondo

Quando dici “viaggiatore cecoslovacco”, probabilmente pensi prima a Miroslav Zikmund e Jiří Hanzelka. “Anche in Cecoslovacchia tra le due guerre, c’erano persone che viaggiavano per il mondo nelle loro auto”, ha detto il curatore. A loro è dedicata un’altra parte della mostra.

“Betislav Jan Procházka era come quella Koda Rapid in tournée nel 1936 in 97 giorni”, ha aggiunto il nostro gruppo e ha indicato il libro in mostra. Procházka pubblica dei suoi viaggi e possiamo leggere sulla copertina dei luoghi che ha visitato nella sua coda: Russia, Iran, India, Cina, Giappone e Honolulu.

Alla mostra possiamo vedere anche l’auto Koda Rapid, identica all’auto che la coppia Stanislav e Marie Kulin guidarono due volte in tutta l’Africa tra il 1936 e il 1938. “È iniziato a Praga davanti all’edificio dell’Autoclub. A quel tempo, Stanislav Kulina aveva una patente di guida valida, vecchia di poche settimane”, sorride il curatore Petr Kožíšek.

Lo scrittore della mostra Petr Kožíšek

Foto: Milan Malíček, Pravo

“Queste persone sono spesso sconosciute perché hanno spesso trovato la loro nuova casa all’estero dopo il colpo di stato del febbraio 1948, quindi preferirebbero essere dimenticate”, ha aggiunto. Un motivo in più per concentrarsi sulle mostre e ricordare il loro destino spesso straordinario.

Dove, quando e per quanto
Vittoria con odore di benzina
Museo Nazionale della Tecnica, Kostelní 42, Praga 7
Aperto da mar a mer 9–18, gio 11–18, da venerdì a domenica 9–18, festivi compresi
Biglietto d’ingresso CZK 250, riduzione CZK 130, famiglia CZK 470, bambini fino a 6 anni gratis

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.