Video: La prima nave da crociera da Venezia provoca onde – resistenza

La ripresa delle crociere turistiche è stata accompagnata dalle proteste dei residenti locali, che hanno chiesto lo sgombero permanente della nave a due piani dai canali della città per la sicurezza e l’ambiente, ha riferito l’AP.

Secondo la DPA, i manifestanti hanno inseguito lo yacht su piccole imbarcazioni armate di bandiere e striscioni. Hanno cantato “Grandi navi della laguna”.

Le proteste sono state indette all’inizio della scorsa settimana dal movimento No Grandi Navi, che da diversi anni combatte le navi da crociera a Venezia.

I suoi sostenitori hanno anche guardato le crociere, soprattutto dai ranghi delle persone impiegate nel turismo. Dipendono dall’afflusso di turisti che prendono le barche per la città italiana. I passeggeri a bordo della MSC Orchestra di 16 piani, che pesa più di 92.000 tonnellate, ovvero un cartello amichevole “Bentornata nave bentornata” stanno aspettando al molo, ha spiegato l’agenzia AP.

Secondo l’International Cruise Ship Association (CLIA), nel 2019 sono arrivati ​​a Venezia quasi 700.000 incrociatori con 667 navi. Secondo Francesco Gallieti della filiale italiana di CLIA, le navi d’oltremare rappresentano solo il cinque per cento circa del turismo a Venezia.

Prima dello scoppio della pandemia, 25 milioni di turisti si recavano in città ogni anno e il municipio stava persino valutando di addebitare una tassa per limitare il loro numero.

Alla fine di marzo di quest’anno, il governo italiano ha approvato un decreto che consente in futuro l’ormeggio di grandi navi da crociera al di fuori della Laguna di Venezia, più lontano dal centro. Poco prima i ministri avevano concordato che la gigantesca nave non sarebbe stata autorizzata ad attraccare direttamente a Venezia. Tuttavia, in passato, divieti simili sono stati revocati dai tribunali.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.