Uno per uno. La Russia ha calpestato Google per i contenuti vietati

Quest’anno Mosca ha intensificato la pressione sulle società tecnologiche straniere durante una campagna che secondo i critici è un tentativo delle autorità di rafforzare il controllo su Internet. Google e Meta Platform hanno affrontato cause legali questo mese per ripetute violazioni delle leggi russe sui contenuti e potrebbero essere multati come percentuale delle loro entrate annuali in Russia.

La legge russa consente alle aziende di imporre una multa dal cinque al dieci percento delle vendite annuali per ripetute violazioni delle regole. Facebook, ad esempio, ha un fatturato di circa 12 miliardi di rubli in Russia, quindi la multa potrebbe arrivare fino a 1,2 miliardi di rubli, ha detto il mese scorso il quotidiano Vedomosti. Secondo il database della società SPARK, le vendite di Google in Russia lo scorso anno hanno raggiunto 85,5 miliardi di rubli.

Per quanto riguarda l’ultimo processo con Google per non aver rimosso i contenuti, il tribunale ha citato leggi che potrebbero riguardare contributi che coinvolgono attività estremiste, pedopornografia o promozione dell’uso di droghe.

Google ha pagato una multa di oltre 32 milioni di rubli quest’anno e ha ridotto significativamente l’importo dei contributi vietati da Mosca, ha anche affermato la società.

L’ufficio di censura locale Roskomnadzor ha rallentato la velocità del social network Twitter da marzo. Mosca intende mantenere le restrizioni sui dispositivi mobili fino alla scomparsa dei contenuti ritenuti illegali.

Mosca sta anche facendo causa a 13 società tecnologiche straniere, per lo più americane, che hanno aperto filiali in Russia il 1° gennaio, altrimenti dovranno affrontare possibili restrizioni o un divieto totale. Lunedì, Roskomnadzor ha affermato che il rallentamento e il blocco dei servizi è considerata una soluzione estrema.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.