una crisi politica che non giova a nessuno

Giorgia Orlandi, corrispondente da Roma di Euronews, scrive dalla capitale italiana per analizzare la crisi di governo che ha portato il Paese a elezioni anticipate.

“A volte anche i banchieri centrali hanno un cuore”: così saluta un sentimentale Mario Draghi al Parlamento italiano pochi istanti prima di cessare di essere presidente del Consiglio.

È una scena che incarna davvero il senso del dramma dietro una delle crisi politiche più folli e imprevedibili che l’Italia abbia mai visto.

Dopo le sue dimissioni è stato respinto dal presidente italiano Sergio MattarellaIl governo Draghi è riuscito a conquistare la fiducia, ma era troppo tardi.

Il Movimento 5 Stelle ha avanzato un elenco di richieste come condizione per continuare la coalizione e incoraggiare altre forze politiche a fare lo stesso.

All’interno sono cresciute divisioni e disaccordi la variegata coalizione che era stata mantenuta fino ad allora grazie alla leadership di Draghis e la necessità di guidare il Paese attraverso la pandemia e il suo impatto economico.

Il voto di fiducia, che il presidente Mattarella e Draghi speravano servisse da monito per rimettere a posto le cose, è comunque fallito. Quindi, I tre partner della coalizione di Draghi hanno ritirato il loro sostegno. Nessuno ha davvero risposto alla richiesta di unità di Draghi.

“Sei pronto a ricostruire il patto?” l’ex banchiere centrale ha chiesto ai legislatori, supplicando i poteri politici di rinnovare e rafforzare il senso di unità che Draghi ha definito “l’unica via da seguire”.

“Non devi rispondermi, ma devono quella risposta a tutti gli italiani“ha aggiunto il presidente del Consiglio.

Pochi giorni prima, un migliaio di sindaci, organizzazioni imprenditoriali, dirigenti sindacali e semplici cittadini hanno esortato Draghi a rimanere in carica. Quindi è giusto dire che il crollo del governo e la partenza di Draghi hanno ampiamente deluso l’Italia.

Questo potrebbe essere evitato? Che è in carica? È solo colpa del partito o è un sistema fallito? Potrebbe essere che Draghi sia stato meno rigido, optando per un ultimo compromesso? Lo vedo come un misto di tutto, ma è chiaro che c’è un problema di fondo più serio. Negli ultimi anni l’Italia ha vissuto molte crisi di governo.

Il sistema politico italiano è molto fragile, con una lunga crisi di leadership politica. Ma ora sembra una crisi politica che alcuni italiani vogliono, perché solo il 30 per cento voleva tornare al seggio elettorale.

Questo dimostra che la politica italiana ha tradito l’unico principio che unisce la democrazia: l’ascolto della volontà del popolo.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.