Una conversazione registrata di nascosto tra agenti di polizia del Kosovo e politici serbi a Brnjak

“Nessuna provocazione … ogni caso di provocazione avrà risposta”, è stato un messaggio di un membro dell’unità speciale della polizia del Kosovo all’incrocio di Brnjak nel comune di Zubin Potok durante una conversazione discreta con i politici locali del nord del Kosovo. registrato dal Kosova TV Clan.

Da lunedì i serbi protestano contro i valichi di Jarinje e Brnjak nel nord del Kosovo per l’attuazione di nuove misure da parte del governo del Kosovo, che fanno riferimento alle targhe serbe. Durante quel periodo, c’era cooperazione tra i politici serbi locali e la polizia del Kosovo. Il vicepresidente della Lista serba, Igor Simi, e il sindaco del comune Zubin Potok sono stati recentemente filmati mentre si avvicinavano all’incrocio con un’unità speciale della polizia del Kosovo, cioè mentre scortavano la polizia durante i cambi di turno.

Pristina Television va in onda il mercoledì Clan del Kosovo ha pubblicato conversazioni registrate tra ufficiali delle forze speciali del Kosovo e alcuni politici locali di Zubin Potok. È chiaro che si tratta di registrazioni audio e video registrate di nascosto, vista la distanza della telecamera dalla scena e la qualità del suono.

Mostra il capo dell’Unità per le operazioni speciali della polizia del Kosovo, Besart Ahmeti, che parla con il membro della lista serba del parlamento all’Assemblea del Kosovo Milos Perovic e il presidente dell’Assemblea della città di Zubin Potok Nemanja Jaksic.

Ahmeti ha spiegato che se la dirigenza locale del comune di Zubin Potok voleva cambiare il turno di barricata, doveva essere fatto in modo organizzato in modo che la polizia sapesse quante persone stavano arrivando. “Non ci saranno problemi per nessuno”, ha detto.

“Inizialmente ieri ero in contatto con il sindaco (Srdjan Vulovic, sindaco di Zubin Potok) e mi ha promesso di liberare una corsia per i veicoli. E sapeva che, anche se era il sindaco, non poteva controllare tutti quelli che erano lì (sulle barricate). Ecco perché non ho fatto pressioni sul sindaco per adempiere a ciò che era stato comunicato”, ha detto Ahmeti.

Ha anche affermato che gli è stato detto che non ci sarebbe stata alcuna provocazione: “Tuttavia, le persone qui mostrano il dito medio non appena bevono un po’, e così via, fate un po’ di attenzione”.

“Non permettere nessuna provocazione oggi, perché domani devi venire di nuovo con una richiesta e adempiere a quanto detto. E non ripeterò quella richiesta di rilasciare un solo nastro perché so che ti ho messo in una posizione scomoda perché potresti non sarà in grado di adempierlo. Lo farò se avrò un ordine. Tuttavia, ogni caso di provocazione verrà risposto. Il sindaco era presente anche ieri e ne è proprietario “, ha detto Ahmad.

“Lo comunicheremo al sindaco, per questo siamo venuti qui perché non ci siano tensioni, perché non ci siano provocazioni. Penso che sia meglio essere d’accordo in questo modo”, ha affermato Nemanja Jasic, presidente dell’Assemblea municipale di Zubin Potok.

La polizia garantisce inoltre che provvederà a tutti gli adempimenti per il normale cambio di persone alle barricate, oltre alla consegna di cibi e bevande, e controllerà solo ai posti di blocco.

“Ma nessuno sarà provocato e nessuno sarà trattenuto se tutto va bene. Chiunque tenterà di prendere un’altra strada, controlleremo, e l’obiettivo è controllare le strade fuori dalla strada principale. “Tutti saranno fermati. lì, ” disse Ahmeti.

Jasic sottolinea la situazione particolare degli abitanti dei villaggi circostanti a Zubin Potok, che ogni giorno devono attraversare strisce pedonali per spostarsi nel nord del Kosovo. La polizia gli ha assicurato che gli abitanti del villaggio vicino al valico di Brnjak non avrebbero avuto problemi durante il viaggio.

Alla fine del video, parlano del numero di persone che devono venire alla barricata.

“Trasmetteremo tutto questo, in modo che possano venire 10 persone, diremo al sindaco che ha un accordo con voi per 20 persone, ora si vedrà”, ha detto Jasic.

Rockie Steve

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *