Un tribunale israeliano ha disposto il rientro in Italia di un ragazzo che ha perso i genitori a causa dell’incidente della funivia di Stresa iROZHLAS

Lunedì un tribunale di Tel Aviv ha stabilito il ritorno di un figlio che era l’unica famiglia a maggio a causa della caduta di una funivia tra le montagne del nord Italia alla sua famiglia italiana. A settembre, suo nonno lo ha portato in Israele e la polizia ha indagato sul caso come sequestro di persona.




tel Aviv

Condividi su Facebook




Condividi su Twitter


Condividi su LinkedIn


Stampa



Copia l’indirizzo URL




Indirizzo abbreviato





Vicino




Il nonno del ragazzo, Smulik Peleg, si è rifiutato di parlare alla stampa. | Foto: Corinna Kern | Fonte: Reuters

Il disastro di maggio ha ucciso 14 persone, inclusi cinque parenti di Eitan Biran, un bambino di sei anni; tra loro c’erano sua madre, suo padre, suo fratello e due nonni. Il padre di sua madre, Smulik Peleg, lo portò in Israele, dove disse che il ragazzo avrebbe dovuto crescere lì.

Ha perso la sua famiglia più vicina quando la funivia si è schiantata e ora i parenti in Italia e Israele stanno combattendo per il ragazzo

Leggi gli articoli


Peleg ha sottolineato il passato del ragazzo e la cittadinanza israeliana e ha affermato che anche i genitori di Ejtan stavano progettando di trasferire il ragazzo in Israele.

I parenti di mio padre vivono in Italia. Secondo loro, il ragazzo è stato portato via a loro insaputa e hanno chiesto che tornasse in Italia.

Il caso è gestito dal Tribunale per gli affari familiari di Tel Aviv. Decise che il ragazzo dovesse essere riportato in Italia, dove visse fin da piccolo. Starà con i suoi parenti più stretti per il momento fino a quando un tribunale non risolverà una controversia sull’affidamento tra i parenti di suo padre, che vivono in Italia, e quelli di sua madre, che vivono in Israele.

Test

Secondo i media israeliani, lunedì il tribunale ha anche ordinato a Peleg di pagare le spese processuali per un importo di 70.000 shekel (483.000 corone).


Un altro sospetto. La procura italiana indaga su nove persone e due società per l’incidente della funivia

Leggi gli articoli


Secondo precedenti informazioni, un tribunale italiano ha affidato Biran alla zia paterna, Aya Birana Nirkova, che vive vicino a Pavia, dopo diverse settimane di ricovero. Lei e suo marito volevano crescere Eitana, anche se avevano due figlie. Tuttavia, anche una zia materna era interessata ad adottarlo.

La Procura della Repubblica di Pavia ha annunciato che si adopererà per il rientro del minore in Italia ai sensi della Convenzione dell’Aia sui diritti del fanciullo.

Peleg è stato accusato dalla procura di rapimento. Peleg ha ammesso di aver portato Eitana dall’Italia in un’auto a noleggio in Svizzera, da dove entrambi sono volati in Israele.

Lo contraddice anche il fatto che l’uomo sia stato condannato in passato per violenza domestica. Allo stesso tempo, la zia della madre di Eytan afferma che al ragazzo è stato fatto il lavaggio del cervello in meno di una settimana in Israele. Deve recitare le frasi e le frasi apprese.

ehm, CTK

Condividi su Facebook




Condividi su Twitter


Condividi su LinkedIn


Stampa



Copia l’indirizzo URL




Indirizzo abbreviato





Vicino




Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.