Un thriller e un dramma italiano ambientato nella Polonia comunista per il Leone d’Oro | Cultura e divertimento

“Non lasciare tracce”, la storia vera di uno studente polacco picchiato a morte nel 1983 dai membri di una milizia comunista misurata dal thriller psicologico con protagonista un dentista, “América Latina”, dai gemelli D’Innocenzo al secondo concorso giorno del concorso il retro della Mostra del Cinema di Venezia.

Nel loro terzo lungometraggio da regista, l’italiano Damiano e Fabio D’Innocenzo, gli acclamati sceneggiatori di “Dogman” di Matteo Garrone, giocano con il pubblico del titolo stesso, un’allusione a una città, Latina, situata a sud di Roma.

“Vogliamo che gli spettatori si sentano come mosche intrappolate dietro un vetro”, ha spiegato Damiano D’Innocenzo in conferenza stampa sul tono claustrofobico di questa storia, un dentista di mezza età (Elio Germano) con una vita che sembra appagante: successo professionale, economico e famiglia – in una villa situata alla periferia della città.

Tuttavia, si è sentito fin dall’inizio che qualcosa non stava andando bene. L’inimmaginabile accadde quando un giorno scese nel seminterrato di casa sua ed era impossibile spiegare cosa ci fosse, che lo avrebbe fatto precipitare in una spirale di tormento sempre più insopportabile.

“Parla di come nascondiamo sotto il tappeto ciò che non ci piace di noi stessi per preservare l’immagine che abbiamo di noi stessi”, ha detto l’attore Elio Germano, che ha anche lavorato con i fratelli D’Innocenzo nel loro film precedente. “Caro Vicinato .” (“Favola”, 2020).

Ha anche messo in evidenza i tratti femminili del suo personaggio. “L’idea era quella di creare l’opposto degli uomini vittoriosi, modelli di uomini forti che erano chiamati a conquistare e che ora attaccano anche le donne”, spiega.

Fabio e Damiano hanno condiviso la scrittura e la regia. Nessuno vede un thriller comune in questo film. “È misterioso, ambiguo, se vuoi dire un thriller diciamo che è psicologico”, ha detto il secondo, “ci piace il genere e le sue regole precise ma qui abbiamo cercato di aggirare alcune regole per non ripetere qualcosa che già fatto.”

L’idea dell’amore è molto importante nella trama. “Quando si parla di amore, dei nostri fantasmi, delle ossessioni, delle insicurezze sul futuro in arrivo”, sottolinea Fabio, “vogliamo esplorare fino a che punto l’amore può salvarti, aiutarti a mettere insieme tutti i pezzi del puzzle”.

L’altro contendente di oggi è “Leave no traces”, il secondo lungometraggio del polacco Jan P. Matuszynski e ricostruisce la storia di Grzegorz Przemyk, figlio di un noto poeta e attivista del sindacato Solidarnosc (Bárbara Sadowska) che aveva solo 19 anni anni quando morì in un pestaggio da parte di un agente che lo fermò per strada perché non voleva rivelare la sua identità.

Il caso ebbe grande risonanza all’epoca e il suo funerale, a cui parteciparono 60.000 persone, divenne un atto con risonanza politica e tragiche conseguenze. Il pastore che lo guidava, Jerzy Popieluzko, fu assassinato un anno dopo.

Nel processo per la morte di Przemyk, gli aggressori sono scappati senza punizione e due infermiere sono state condannate e portate in ospedale. Tuttavia, anni dopo, nel maggio 2008, un tribunale polacco ha condannato a quattro anni di carcere Ireneusz Kolciuk, uno dei membri della milizia comunista che ha preso parte al pestaggio.

Per Matuszynski, classe 1984, la questione è attuale perché “la repressione continua ad essere una questione attuale in molti paesi oggi”. Nel film ha cercato rigore nella rappresentazione di personaggi reali come Barbara Sadowska, Grzegorz Przemyk o l’allora primo ministro generale Wojciech Jaruzelski.

Con il protagonista invece, Jurek Popiel, amico della vittima e unico testimone degli eventi, sono concesse più licenze.

La 78a edizione della Mostra del Cinema di Venezia affronta così la sfida finale perché domani non ci sono proiezioni degli ultimi due film che si contenderanno il Leone d’Oro, le Filippine “On the job: the missing Eight”, di Erik Matti e il francese “Un autre monde” di Stéphane Brizé.

Di Magdalena Tsanis

Rockie Steve

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *