Un medico del centro sanitario di Zemun fa uno sciopero della fame, accusando il direttore ad interim di aver picchiato

Zeljko Ranilovic, un medico del Centro sanitario di Zemun, ha iniziato uno sciopero della fame perché, come ha affermato, le molestie e le percosse sul posto di lavoro che aveva subito per anni dal direttore ad interim del Centro, Aleksandra Cvetkovic.

Ha confermato per la televisione H1 che dopo la fine dell’orario di lavoro, venerdì avrebbe fatto uno sciopero della fame dalle 14:30 fino alle dimissioni del direttore ad interim.

“Questa decisione segue dopo quattro anni di percosse di vario genere da parte del direttore ad interim del Centro sanitario di Zemun. “In primo luogo, è stata istituita la specialità, dove ho fatto domanda per la specialità di medicina interna come il candidato con il maggior numero di punti convincenti, prima di la decisione della commissione, che ha preso e in quali punti sono stato preso più brutalmente”, ha detto Ranilovi.

Ha detto di aver lavorato in un servizio di assistenza domiciliare, che ha detto che ha medici che non hanno mai lavorato nei centri sanitari di Zemun, o nel settore sanitario, ma come consulenti esperti per le aziende farmaceutiche.

“La direttrice ad interim del Centro sanitario di Zemun, Aleksandra Cvetkovi, opera in base al principio che non appena qualcosa va storto in lei, la sanzione è il trasferimento e se vai in congedo per malattia, puoi comunque aspettarti il ​​trasferimento. Ha anche violato il legge aprendo illegalmente la mia carta anche se lei non è il mio medico di fiducia. Alla fine, sono stati avviati procedimenti disciplinari contro di me a causa di eventi accaduti più di un mese fa”, ha detto Zeljko Ranilovic alla televisione H1.

In questa lotta, afferma Ranilovi, non è solo. Aveva l’appoggio di diversi colleghi oltre che del presidente del sindacato di cui era iscritto. Il presidente del sindacato ha confermato la storia di Ranilovi per H1.

“E’ tutto vero, non si inventa niente. Fa paura quello che fa, sono tutti per metà, i suoi animaletti. A chi piace sta bene, a chi ha la sua opinione non piace, appena qualcuno si oppone, è immediatamente mandata a Batajnica, a Surčin. Allo stesso tempo, l’organizzazione al Puskesmas era un disastro, non avevamo un custode, non avevamo i mezzi di base per lavorare. Non aveva comunicazioni con dipendenti o sindacati, il donna non è mai venuta a vedere dove lavorano queste persone, cosa stanno facendo. Non lo so, posso parlare con te per tre ore”, ha detto a H1 Vukica Stankovic del Zemun New Trade Union Health Center.

Davanti ai Puskesmas, la squadra H1 ha trovato un’auto della polizia, perché secondo Ranilovi, il regista ha chiamato la polizia dopo la presentazione di fronte.

H1 ha inviato richieste al Puskesmas e all’amministratore delegato, ma non è stata ricevuta alcuna risposta fino alla pubblicazione di questo rapporto.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.