Turista tedesco uccide l’amante italiano sul Lago di Garda

Una notte due tedeschi hanno attraversato il Lago di Garda in motoscafo una notte: hanno colpito una barca di legno, due italiani sono morti. Diventa molto emotivo all’inizio del processo.

Quando l’imputato di Monaco si è scusato silenziosamente per l’orribile incidente sul Lago di Garda, l’aula 67 è rimasta silenziosa. Ma non è stato il rispettoso silenzio e il lutto di mercoledì al Palazzo di Giustizia di Brescia, ma un silenzio teso.

Il tedesco ha parlato con i genitori di Greta Nedrotti, davanti a lui c’era un mazzo di 25 rose bianche. Greta aveva 25 anni quando lei e il suo fidanzato Umberto Garzarella, 37 anni, furono investiti da un motoscafo sul Lago di Garda in una notte di giugno e morirono.

“Chiedo scusa dal profondo del mio cuore”, ha detto l’uomo accusato di omicidio colposo. Sua moglie si alzò e pianse. Le vittime in lutto in Italia sono in lutto da quasi cinque mesi. In quel momento, la rabbia si stava preparando tra loro.

Il secondo tedesco non si è fatto vivo

“Non hai una coscienza?” chiese a una delle oltre due dozzine di familiari e amici venuti a Brescia per iniziare il processo. Il tedesco, agli arresti domiciliari in Italia, ha detto con cautela che lui stesso non riusciva più a dormire. “Pensi che possiamo dormire?” qualcuno sta chiamando. “E dov’è il tuo amico?” Alcuni dei presenti hanno applaudito. Il secondo imputato tedesco non si è presentato all’inizio del processo.

Gli uomini hanno ucciso Greta Nedrotti e Umberto Garzarella la notte del 19 giugno, secondo l’accusa. Gli innamorati vedevano solo le stelle sul Lago di Garda, Greta poi volle andare a una festa. Poco prima di mezzanotte morirono entrambi.

Secondo l’indagine, gli uomini di Monaco hanno attraversato l’acqua su un motoscafo e hanno colpito la barca della coppia. Mentre Umberto muore presto e Greta, gettata in mare, annega, gli uomini vanno a Sal e attraccano. Una telecamera di sorveglianza ha registrato uno dei due mentre cadeva in acqua e si allontanava barcollando.

Diversi dettagli di questo orribile sabato sera sono stati recentemente divulgati ai media. Ora sono processati nel procedimento penale di Brescia. L’imputato rischia fino a cinque anni di reclusione.

Dopo una sessione di apertura alquanto tecnica, iniziata alle 09:07 e conclusa 42 minuti dopo, i primi colloqui con i testimoni si svolgeranno il 16 dicembre. Inizialmente, i negoziati di nove giorni erano previsti per marzo. Il giudice ha annunciato che non tutte le nomine potrebbero essere richieste nel processo.

“Non abbiamo più niente”

“Non abbiamo più niente”, si lamentava la madre di Greta, che aveva perso la sua unica figlia. “Posso solo scusarmi”, ha detto Monaco. Gli incidenti possono capitare, diceva Enzo Garzarella, il padre di Umberto. Tuttavia, è difficile credere che i due passeggeri del motoscafo siano tornati in Germania poco dopo l’incidente e il primo colloquio con la polizia senza commenti e senza un incontro personale. “Allora scappa via…” disse Garzarella. “Si tratta di umiltà”.

Quando pochi istanti dopo è stato emesso un mandato d’arresto europeo, uno dei due tedeschi – il sospetto conducente della barca quella notte – si è consegnato alla polizia in un’operazione notturna e nebbia al passo del Brennero. È stato arrestato e successivamente agli arresti domiciliari.

Mercoledì l’uomo di Monaco ha parlato personalmente con le famiglie dei due morti per la prima volta. “Un po’ tardi dopo quattro mesi…” disse il padre di Greta. I sopravvissuti si erano precedentemente dimessi da co-querelanti dopo aver accettato di pagare un risarcimento con una compagnia di assicurazioni tedesca. “Greta non ci restituirà i soldi”, ha detto sua madre. “Questo dolore mi accompagna da morire”, ha aggiunto Enzo Garzarella.

Quattro volte la velocità consentita

Gli inquirenti hanno ricostruito buona parte della notte della morte: secondo testimoni – anche mediatici – i tedeschi sarebbero partiti in barca a tarda notte dopo aver visitato un ristorante. Una telecamera di sorveglianza ha mostrato l’imbarcazione, di proprietà del prestigioso marchio Riva, che sfrecciava di notte. I fari sgargianti erano accesi illegalmente, limitando la visuale dell’ambiente circostante. Gli esperti hanno calcolato che le persone di Monaco viaggiavano a una velocità quattro volte superiore a quella consentita.

Alle 23:24 l’incidente è avvenuto davanti al paese di Portese: nell’immagine video si nota un piccolo punto debole, la barca della coppia italiana. Poi si avvicinò rapidamente un grande punto luminoso. Il motoscafo è decollato al momento dell’impatto, ma in seguito non ha frenato.

Secondo i media, quando interrogati dalla polizia, i tedeschi hanno dichiarato di pensare che si trattasse di legname galleggiante. Il padre di Umberto ha detto di aver visto la barca di legno di suo figlio mentre passeggiava in riva al lago domenica mattina ma non ci ha pensato. Un pescatore ha trovato Umberto morto sulla barca poco dopo. I subacquei hanno trovato Greta a una profondità di quasi 100 metri sul fondo del lago.

dpa

urna:newsml:dpa.com:20090101:211110-99-934488/6

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.