Timo Werner e Leroy Sané: il destino individuale conta anche nella nazionale di calcio – lo sport

La prima cosa che Timo Werner vide quando finalmente arrivarono i tempi duri alle sue spalle fu Thomas Müller che rideva maliziosamente. I suoi compagni di squadra vennero barcollando verso di lui, la parte superiore del corpo leggermente piegata, come faceva spesso, la bocca spalancata e si strinse la testa con orrore.

A questo punto, al più tardi, Werner non riusciva più a mantenere la facciata del suo malumore. Sorrise.

[Wenn Sie aktuelle Nachrichten aus Berlin, Deutschland und der Welt live auf Ihr Handy haben wollen, empfehlen wir Ihnen unsere App, die Sie hier für Apple- und Android-Geräte herunterladen können.]

Timo Werner, l’attaccante sofferente della nazionale tedesca di calcio, ha appena segnato un gol per 5-0 contro i campioni d’Europa dell’Italia al Borussia Park Mönchengladbach, è stato il suo secondo gol in questa partita, il secondo in soli 90 secondi – dopo il precedente Quest’anno non ha nemmeno segnato un gol per la squadra tedesca. “Sono felice per Timo che ha segnato due gol”, ha detto il Ct della nazionale Hansi Flick. “Questo è importante per lui. Molto importante.”

Werner non ha avuto una stagione facile, non in nazionale e soprattutto al club. Al Chelsea, con cui ha vinto la Champions League un anno fa, è stato molto criticato. Werner ha segnato quattro gol in Premier League e per ora non ha più un posto fisso nel suo club. Qualcosa del genere è entrato rapidamente nella mente di un attaccante. E un attaccante sensibile come Timo Werner lo è ancora di più.

“I gol fanno sempre bene a un attaccante, nel mio caso raddoppia e triplica se conti e vieni criticato dopo ogni partita”, ha detto Werner dopo il 5-2 contro l’Italia. “È anche chiaro dopo le ultime settimane e mesi al club che non sono esattamente quello che ero tempo fa”.

La squadra ha bisogno di un attacco forte

Dopo quattro pareggi consecutivi, dopo aver lentamente restituito dubbi e critiche represse, la nazionale non è proprio in grado di prestare particolare attenzione alle fortune individuali prima dell’ultima partita della stagione. Riguardava il quadro generale, il sentirsi bene, la fiducia e una conclusione positiva dell’anno. La netta vittoria contro l’Italia, per decenni il peggior flagello del calcio tedesco, è arrivata al momento giusto.

Ma dopo che le questioni più urgenti sono state risolte con soddisfazione di tutti, la Nazionale è passata alla successiva con uguale entusiasmo: i loro due ragazzi in difficoltà, Timo Werner e Leroy Sané, giocatori offensivi che da tempo sono nei guai. Un problema può essere correlato a un altro. Senza la funzione offensiva, la nazionale non avrà successo nel lungo periodo.

“Abbiamo buoni giocatori, abbiamo un buon atteggiamento verso tutto, abbiamo un buon processo”, ha detto Thomas Müller. “Ma devi essere onesto: abbiamo ancora tutti i tipi di deficit”. Soprattutto in Coppa del Mondo bisogna fare le valigie, “lo vedo soprattutto in attacco”.

In una notte in cui l’offensiva ha segnato cinque gol contro l’Italia campione del mondo in carica, potrebbe suonare un po’ strano. Ma Mueller aveva ragione. “Oggi avremmo potuto fare in modo più offensivo”, ha detto.

Tali cause non sono nuove. E anche i dubbi su Werner e Sané non sono nuovi.

Sané come un cavaliere dalla figura triste

Erano passati meno di 30 secondi a Mönchengladbach prima che questi dubbi si rianimassero. Müller ha liberato Werner con un bel passaggio in area di rigore italiano, ma l’attaccante non è riuscito a prenderlo. Un’occasione promettente è andata persa.

È continuato in questo stile, sia con Werner che con Sané. Non è affatto male. Entrambi sono stati coinvolti nel miglior attacco della Germania, quando la palla del portiere Manuel Neuer ha segnato otto stop, con un solo tocco a testa, nell’area di rigore italiana a Jonas Hofmann, solo per essere salvato dal portiere italiano Gianluigi Donnarumma. Ma un atto buono di Werner e Sané sembrava che ci fossero due atti cattivi.

Soprattutto Sané Munich sta diventando sempre più un cavaliere dalla figura triste. Ha mancato la palla in area di rigore, è rimasto coinvolto nel suo dribbling, ha giocato passaggi agli avversari invece che ai compagni di squadra, anche se era svincolato, ha perso palla e si è fermato quando tutti gli altri hanno iniziato a contropressare. E quando ha sparato da una posizione promettente ha causato pochi guai al portiere dell’Italia Donnarumma.

Sané ha segnato l’ultima volta in Bundesliga a fine febbraio, in Champions League ha segnato un altro gol e due assist nella vittoria per 7-1 sul Salisburgo all’inizio di marzo, ed è rimasto a mani vuote in nazionale dal 9- 0 vittoria sul Liechtenstein. Il dibattito nazionale sui giocatori del Monaco, sullo stato d’animo e sul linguaggio del corpo fa ormai parte del programma standard delle partite internazionali, come la cerimonia di apertura, che è sempre la stessa. “Noi lo aiutiamo, ma deve anche aiutare se stesso”, ha detto Oliver Bierhoff, allenatore della nazionale, prima della partita contro l’Italia. “Alla fine devi lottare per uscirne come giocatore”.

Flick di nuovo aiuta le persone ad aiutare se stesse. Nonostante le prestazioni modeste, entrambi gli attaccanti erano nell’XI titolare contro l’Italia. “È importante che i giocatori provino fiducia. Questo è quello che abbiamo detto loro”, ha detto il Ct della nazionale. Ha portato Werner fuori dal campo solo dopo aver segnato una doppietta. Sané è stato autorizzato a rimanere in campo fino alla fine. “Spero che segnerà anche lui”, ha detto Flick. Ma anche in una notte del genere non tutto può funzionare.

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.