Tampa Bay matura per la seconda volta in Florida: guarda il gol della vittoria di Ross Colton a 3,8 secondi dalla fine!

Dopo il fiasco con l’Austria, la partita di giovedì è stata probabilmente sotto il controllo di tutti gli appassionati di hockey su ghiaccio del nostro paese. Una delle domande più grandi è stata senza dubbio la composizione della formazione. La nostra più grande star di oggi, David Pastrňák, è arrivato dall’estero e si è unito alla squadra nazionale.

L’attaccante chiave della NHL di quest’anno ha segnato 83 punti in 79 partite quest’anno, diventando così la sua quinta stagione consecutiva a giocare la media canadese di oltre un punto a partita. Naturalmente, ci si aspetta molto dal suo coinvolgimento nel gioco.

Pastrňák ha creato il primo gol con il capitano Roman Ervenka e il suo vecchio compagno di squadra David Krejčí. Sia Krejčí che ervenek hanno giocato molto bene nel torneo finora e il loro attacco arricchente con David Pastrňák suscita grandi speranze.

Blümel, che aveva anche Hertl e Zohorn accanto a lui, passò al 2° attacco. Il 3° attacco ha giocato una partita composta da Vrána, Ernoch e Smejkal. Il trio d’attacco finale è stato poi formato dagli allenatori Jalonen di Stránsk, paček e Flek.

Questa formazione non è cambiata molto durante il gioco e ci si può aspettare che ciò accadrà nei successivi eventi del torneo. Solo con la difesa gli allenatori hanno provato dei piccoli cambiamenti.

Dove non cambia nulla, c’è l’area di porta della Repubblica Ceca. Karel Vejmelka ha mantenuto il santuario più e più volte, come contro l’Austria, ha fatto un buon lavoro e ha rilasciato un disco dietro la schiena.

I cechi sono entrati bene in partita. Puoi vedere la ferocia, lo spirito combattivo e il desiderio di vittoria. Queste erano esattamente le cose che mancavano nell’incontro precedente. È difficile dire cosa abbia spinto i giocatori ad adottare un approccio completamente diverso. È stato l’arrivo di Pastrňák? Riorganizzare la formazione? Un discorso dell’allenatore o hanno appena preso coscienza?

Forse un po’ di tutto. Ma se dovessi scegliere, opterei per l’opzione 1. Pastrňák ha una personalità così forte che si riconosce immediatamente sul ghiaccio. Non solo dai suoi movimenti, dalle sue attività, ma anche dall’organizzazione dei suoi giochi. L’uomo numero 88 nella partita ha registrato 5 colpi. Ha segnato 2 punti per gol e assist. Tutti e 3 i membri del primo attacco contribuiscono con 2 punti alla vittoria.

La squadra intorno a lui si è animata. È stato evidente come i suoi compagni di squadra si siano capiti subito, nonostante avessero completato solo un allenamento insieme. Ma come ho scritto sopra, hanno registrato così tanto con David Krejčí che non è stato necessario molto allenamento. Come si dice, io sono per David e David è per me.

Un grande vantaggio è anche il fatto che oggi hanno vinto 3 linee diverse e alla fine non solo nell’élite. Anche Tomáš Hertl, Hynek Zohorna e Michael Paek hanno aperto oggi i loro conti gol ai Campionati del Mondo.

Tutti i gol sono caduti al 19° minuto di gioco, dopodiché la squadra ceca non è riuscita, nonostante fosse certa, nelle parole di coach Jalonen, alcune super occasioni, il cui fallimento è probabilmente l’unico ostacolo in una performance altrimenti eccezionale.

Ma la nostra scelta non è certo da rimpiangere. Le tasse dell’allenatore finlandese possono andare ad altri incontri con un umore migliore, sulla base di prestazioni migliorate. Quindi “Pastalavista” e sabato in Norvegia.

Fonte: CT Sport, Twitter

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.