Talent Cais: Posso tenere aperto il futuro se mi prendo cura di me stesso

“Non sono mai stato in Sardegna in vita mia, sarà una prima assoluta. Un altro tipo di ghiaia, diverse superfici, diverse strutture delle piste, clima. Non sarà facile, ma ce la faremo”, promette bene il sempre messo a punto Erik Cais, il cui miglior risultato stagionale è ancora nono in classifica assoluta dalla prima gara di Montecarlo.

Come giudichi la premiere in Portogallo?

Ero a conoscenza di alcune parti grazie alla serie ME, ma la maggior parte non lo era. Sicuramente il venerdì e il più lungo. In effetti, l’intera gara è stata per la maggior parte una nuova grande scuola per me. Purtroppo non ho evitato errori nella prima parte e ho concluso la gara solo grazie al superrally. Il resto del rally è stato buono, conosco altre piste.

Cosa è successo nella 4a prova speciale?

Sono un po’ più veloce sulla sabbia. Avevo gomme dure sulle ruote, ho valutato male la velocità e su terreno soffice l’auto ha accelerato e ha strappato le ruote sui muri di argilla. Sfortunatamente, ricordo i ricordi di Barumka dell’anno scorso.

Come sono cambiate le tattiche da sabato, superrally?

Fondamentalmente. Non ho più nessuno con cui occuparmi, la perdita è enorme. Quindi mi sono concentrato sulla conoscenza della pista e sulle gare. Ecco perché sono qui, conosco le trappole del campionato. Non c’è motivo di spingere, soprattutto quando il numero di vittime dell’equipaggio è alto.

Come guidi la ghiaia? È “università”?

Certo. Per noi corridori non è facile “rilassarsi” sull’asfalto. Piano piano mi sono abituato alla guida insolita sulla ghiaia, acceleravamo un po’ ogni chilometro. Sicuramente non è facile, ma ci abbiamo provato!


Foto: Fatto. Baťov è in testa al territorio per primo

Ti piace l’atmosfera da corsa intorno a Porto?

È stata una grande competizione, uno splendido scenario, il tifo dei tifosi locali. Ho anche visto alcune bandiere ceche, apprezzo il supporto.

Qual è il prossimo programma che ti aspetta?

Domenica volerò in Italia, dove conoscerò altre nuove rotte e cercherò di ottenere i migliori risultati. Tuttavia, l’obiettivo principale è raggiungere il traguardo e ottenere un nuovo bagaglio di esperienza che sarà utile all’inizio della mia carriera.

Attualmente sei secondo nel WRC2 Junior Championship. L’obiettivo è attaccare il titolo?

Tutti vogliono vincere, ma per me l’obiettivo principale è conoscere le insidie ​​della serie MS. Sto ancora imparando e devo avere pazienza! Ho 22 anni, posso avere un futuro aperto se mi prendo cura di me stesso. Quest’anno si tratta davvero di appuntamenti. La prossima stagione saprò meglio cosa mi aspetta, quando e dove posso spingere.

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.