Svantaggi delle salviettine umidificate: dannose per la salute e l’ambiente

Le salviettine umidificate sono realizzate in poliestere difficile da decomporre. Inquinano l’ambiente, gli oceani e intasano i corsi d’acqua, ma è la routine quotidiana della maggior parte delle persone. Li usiamo per una varietà di scopi: rimuovere il trucco, pulire i mobili, pulire i bambini, le mani, le tastiere e altro ancora.

Sono diventati una delle principali cause di inquinamento costiero, ha annunciato lo scorso anno la British Marine Conservation Society, ma causano anche altri problemi.

Gli esperti hanno stabilito che possono essere la causa di reazioni allergiche e non sono specificamente raccomandati per i bambini. Si stima che vengano utilizzate tra 1.500 e 2.250 salviettine umidificate su ciascun bambino all’età di tre anni.

La loro pelle delicata, non ancora del tutto matura, è sensibile a tutti i fattori esterni, quindi assorbe tutto il negativo delle salviettine umidificate.

Per loro, è meglio usare un normale batuffolo di cotone imbevuto di acqua tiepida e quindi asciugarsi i glutei. Possono anche essere lavati in acqua tiepida e poi asciugati con un asciugamano morbido.

Dermatite ed eczema stanno diventando più comuni nei bambini e negli anziani sulle mani e gli esperti li attribuiscono alle salviettine umidificate.

L’ingrediente più pericoloso che può causare tali allergie è il metilisotiazolinone (abbreviato: MI), che è stato dichiarato allergene dalla Società americana per la dermatite da contatto nel 2013. La Commissione Europea ne ha vietato l’uso in tutti i prodotti che possono rimanere sulla pelle.

Non devono essere scaricati nella fogna

Anche se è scritto su di loro che non dovrebbero buttarsi nello scarico, le persone lo fanno spesso, principalmente perché non leggono cosa c’è scritto sulla confezione.

Intasano gli scarichi perché non si biodegradano come la normale carta igienica. Anche quando vengono gettati nella spazzatura, sono pericolosi.

A causa della combinazione di alcol, conservanti, fragranze e detergenti, sono difficili da decomporre. Inoltre, l’alcol antibatterico da loro uccide batteri ed enzimi importanti per la decomposizione dei rifiuti ordinari nelle discariche, ma anche nelle fosse settiche.

Inoltre, non sono buoni per il compostaggio, poiché le fibre sintetiche non si decompongono e le sostanze chimiche e i conservanti da esse contaminano il terreno e ciò che c’è di buono in esso.

Con cosa puoi sostituirlo?

Salviettine umidificate antibatteriche

Invece di usare queste salviettine umidificate, un’opzione migliore è lavarsi le mani con acqua e sapone. Questo è più efficace della pulizia con un fazzoletto, che si è dimostrato il meno efficace per pulire le mani. Inoltre, gli ingredienti antibatterici possono aumentare la resistenza agli antibiotici.

Salviettine umidificate per rimuovere il trucco

I dermatologi non lo supportano perché contiene sostanze chimiche come i detersivi. Se sono troppo forti, irritano la pelle e molti contengono alcol che può seccare ulteriormente la pelle.

Il dermatologo cosmetico Dott. Sam Bunting raccomanda cotone e acqua micellare come l’opzione più delicata per la pelle, riferisce 24 sata.hr.

Salviettine umidificate per neonati

Anche chi dice “eco” o “verde” contenente principalmente acqua è comunque pericoloso. Sono fatti di poliestere e intasano gli scarichi, mettono la plastica nella catena alimentare e non si biodegradano per centinaia di anni.

Un’opzione migliore è portare un batuffolo di cotone e dell’acqua, quindi pulisci il bambino in quel modo.

Salviettine umidificate per la pulizia della casa

Spesso contengono molto alcol e odori che possono irritare e seccare la pelle. Molto più efficace è un panno magico che puoi riutilizzare più e più volte, destinato alla pulizia della casa.

Naomi Dennis

"Twitter trailblazer. Lifelong gamer. Internet expert. Entrepreneur. Freelance thinker. Travel guru."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.