Stiamo creando un’ampia alleanza per una Serbia giusta e stabile, non una colonna

I leader di DS, People’s Party e SAA hanno annunciato di aver concordato una partecipazione congiunta alle elezioni, anche se, come hanno sottolineato, le condizioni erano ingiuste. In una conferenza stampa, hanno affermato di aver stretto un’alleanza per una Serbia equa e stabile, che credevano avrebbe prosperato.

In una conferenza stampa del Partito Libertà e Giustizia, Partito Popolare, Partito Democratico, Movimento dei Cittadini Liberi, Movimento Serbo Libero, Movimento per il Cambiamento, Piattaforma Civile, Unione Democratica Vojvodina Ungherese e Sloga United Trade Union, il presidente DS Zoran Lutovac ha detto che avrebbero combattere frontalmente contro le autorità e che hanno deciso di fare un’ampia alleanza, non una colonna. Le colonne sono ideologiche e programmatiche e l’alleanza è molto più ampia, deve riunire la cerchia più ampia possibile di persone che condividono lo stesso obiettivo: la creazione di una Serbia normale, ha affermato Lutovac.

Pensavano, disse, che fosse un buon modo per attirare coloro che erano insoddisfatti e coloro che si erano astenuti. Le larghe alleanze non intaccano i margini della guerra contro il regime, al contrario, ha affermato il presidente dei Ds.

Il leader del Partito popolare, Vuk Jeremic, ha detto che seguiranno il loro lavoro congiunto “affinché la Serbia non assomigli a oggi dopo il 3 aprile”. Dice che ci sono differenze politiche nelle alleanze che formano, ma che il loro obiettivo comune è qualcos’altro: i sistemi normali e che negli spazi normali e nei sistemi normali, le differenze politiche passano attraverso le istituzioni, i media liberi e il dibattito pubblico.

“Un’alternativa è stata fatta in Serbia, la nostra ampia alleanza non finirà con i presenti oggi”, ha detto Jeremic, il quale ha affermato di ritenere che ci fossero persone che avrebbero cambiato opinione alla luce della posizione precedente, che c’è chi pensa ancora…

“Abbiamo messo da parte gli interessi di alcuni partiti, abbiamo abbandonato le differenze ideologiche per tempi più felici”, ha aggiunto.

Il leader della SAA Dragan Djilas ha affermato che stanno stringendo un’alleanza per una Serbia giusta e stabile. Siamo uniti perché abbiamo ascoltato la posizione della gente, ha detto, aggiungendo che nelle precedenti elezioni i cittadini hanno chiesto loro di boicottare le elezioni, ma ora chiedono loro di uscire e ascoltarla ogni giorno quando visitano la Serbia.

Fonte : Vesna Lalic / Nova.rs

Andremo a queste elezioni per vincere a tutti i livelli, ha detto Djilas, aggiungendo che sono aperte a tutti i gruppi e movimenti di cittadini. “Soprattutto riguardo all’Assemblea serba libera, che siano con noi”, ha detto Djilas.

Siamo stati uniti perché la Serbia è stata chiusa, ha detto il leader dell’ASA, parlando di lasciare il Paese e di un tasso di mortalità più alto del tasso di natalità.

Offriamo una buona vita con cose concrete, un vero cambiamento in ogni ambito, ha affermato Djilas, che ha affermato di offrire “cambiamento per tutto ciò che riguarda i cittadini”. Ha sottolineato che vogliono approvare nuove leggi sul lavoro che “alla fine consentiranno alle persone di guadagnarsi da vivere con il proprio lavoro”.

Ha detto che la campagna non sarebbe stata grande o costosa, ma avrebbero cercato di raggiungere tutti.

Pavle Grbovic, il leader del PSG, ha detto di aver ottenuto una piccola vittoria oggi.

“Oggi abbiamo ottenuto una vittoria non così piccola: abbiamo battuto noi stessi. Abbiamo superato il nostro orgoglio, il nostro ego. Il fatto che queste persone siano sedute insieme in questo posto dimostra che siamo abbastanza maturi e abbiamo la capacità di rispondere le esigenze della società al momento”, ha detto Grbovic.

Credeva che in questo formato non solo sarebbero stati in grado di vincere a Belgrado e ottenere risultati significativi nelle elezioni repubblicane, ma che avrebbero avuto successo in quello che era il compito principale della lotta al regime, e cioè quello di costringere i candidati a unirsi nel Elezioni presidenziali. , affinché Vučić acceda al secondo turno, affrontando direttamente i candidati dell’opposizione e perdendo le elezioni. “Questo sarà l’ultimo passo verso la nostra libertà”, ha detto.

Janko Veselinovic, leader del Movimento per il cambiamento, ha affermato che non smetterà mai di lottare per elezioni libere ed eque.

“Le prossime elezioni non saranno libere ed eque, e queste organizzazioni dovranno assumere il ruolo di istituzioni per prevenire pressioni, ricatti, compravendite di voti. Assumerà il ruolo di polizia e magistratura per prevenire uomini calvi, la Bulgaria si allena il giorno delle elezioni, e dobbiamo combattere un giorno”. giudici, che sono numerosi”, ha detto.

Fonte : Vesna Lalic / Nova.rs

Veselinovic ha aggiunto che sono stati necessari quattro passi per sconfiggere lo “strano governo”.

“Il primo è unire, il secondo è spargere la voce a tutti i cittadini, il terzo è unire il popolo e l’opposizione e il quarto è preservare i risultati elettorali”, ha detto Veselinović.

Tepic: È stato firmato un documento importante, abbiamo deciso di andare alla vittoria finale

“Abbiamo tutti le stesse preoccupazioni e sappiamo che questo è un momento importante per la Serbia, ma devo condividere con voi la grande soddisfazione e felicità che abbiamo ottenuto oggi con la nostra prima vittoria. Che siamo tutti uniti, fianco a fianco, fianco a fianco, decidiamo di andare alla vittoria finale. Non si torna indietro, non si ferma, per cambiare finalmente questo governo. Oggi è stato firmato un importante documento. Questa è la Dichiarazione sulla partecipazione unitaria alle elezioni. “L’hanno firmato tutti”, ha detto.

Fonte : Vesna Lalic / Nova.rs

Tepic poi ha letto il documento.

“L’opposizione serba si è unita, perché questo è l’unico modo per opporsi alla perdita della nostra patria come persona responsabile”. Come cittadino, hai perso i tuoi diritti, libertà e scelte. La tua aria, terra e acqua sono a rischio. Tutto ciò che ha valore è minacciato, il diritto a una vita dignitosa come essere umano è minacciato. Noi firmatari della Dichiarazione lotteremo insieme a voi cittadini per tornare alla vita che tutti meritiamo. Vi promettiamo che restituiremo libertà e giustizia a questo Paese e che combatteremo per la libertà dei media e per elezioni corrette. Che la magistratura sarà indipendente, e la Costituzione e le leggi saranno rispettate”, afferma tra l’altro il documento.

Ha invitato tutti i cittadini, “che conoscono il Paese in cui viviamo da 10 anni”, a unirsi all’opposizione unita.

“Alziamo la testa e diciamo: ‘Basta con questo regime.’ Ho accettato di guidare una lista che includerà le persone più coraggiose e con le quali anche le persone più coraggiose in tutte le città e paesi lavoreranno insieme”, ha detto Tepic.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.