Spionaggio, falsificazione di documenti, corruzione, affari illeciti: la via d’uscita dal fascismo a Madrid | Cultura

Il centro di Madrid, i primi anni dopo la seconda guerra mondiale. Per le strade della città — negli uffici, nei ristoranti, nelle osterie — Philippe Sands può scoprire la vita attraverso la quale sembra comprensibile lo svolgersi dei giorni più spaventosi dell’Europa contemporanea. Ma in questo caso è lo storico Pablo del Hierro – professore all’Università di Maastricht – che ha ricostruito l’enigma dimenticato che ha permesso di concettualizzare la capitale spagnola come la città fondamentale nell’oscuro processo di riconfigurazione del fascismo molto tempo dopo. la sconfitta. Soldi, doppiogiochisti, reti politiche con il terrore. Questo è dettagliato in un articolo spettacolare Rete neofascista e Madrid 1945-1953, che la rivista è stata appena pubblicata Storia europea contemporanea dell’Università di Cambridge.

Utilizzando fonti esplorate negli archivi di diversi paesi e incrociando rapporti di polizia e servizi segreti (dall’MI5 alla CIA) con memorie o diari inediti, Hierro ha esaminato come le reti neofasciste governano la pelle di Madrid. Giornalisti, collaboratori o delegati del partito fascista o dello stato in Spagna fanno parte della vicenda. Fu attivato tra il 1945 e il 1946, quando i leader sconfitti cercarono di sfuggire all’arresto e al processo delle potenze alleate. La grande via di fuga, la via del topo, è duplice. Uno dalla Germania a Roma e Genova per saltare in America Latina. Un altro dalla Germania alla Spagna e poi all’Argentina Perón. In quest’ultimo, Madrid è una posizione intermedia.

Grande fuga

Responsabile del primo percorso fu Arturo degli Agostini, titolare di una gelateria nel centro della città e identificato nel 1944 dal Ministero degli Affari Esteri del suo Paese come uno dei fascisti più attivi della comunità italiana a Madrid. . Dopo la fine della guerra sviluppò una duplice attività. Da un lato, resettare i coloni italiani che abitavano in città – vicino alla Scuola Italiana a Chamberí – e che creavano imprese orbitanti intorno alla Camera di Commercio Italiana. E, dall’altro, a consolidare la rete dell’evasione grazie ai suoi contatti con il governo spagnolo. Uno dei personaggi principali che si stabilì a Madrid fu Mario Roatta. L’ex capo dei servizi segreti di Mussolini si stabilì in via Fuentes e fu nominato direttore della Società commerciale ispano-italiana.

Dal 1936 il sorvegliante in Spagna delle relazioni economiche del governo hitleriano con i ribelli guidati da Franco era Johannes Bernhardt – direttore generale presa Affari Sofindus. Gli permise di avere un’agenda di alto livello con il partito nazista e, in seguito, di diventare una parte ideale dell’operazione Safehaven orchestrata dalle potenze anglo-americane: si trattava di trovare risorse tedesche con sede in paesi neutrali per indirizzarle in Gran Bretagna. o organizzazioni umanitarie americane. Diverse società Sofindus sono state escluse da Safehaven. Il capitale è di 80 milioni di pesetas. Dal suo ufficio sulla Gran Via, come se fosse un doppiogiochista, Bernhardt avrebbe orchestrato un’operazione segreta. Nell’aprile del 1945, 30 persone si riunirono a casa sua per organizzare un’altra via di fuga. Una donna tedesca affiliata alla Sezione femminile e un generale tedesco veterano che aveva assistito Franco durante la guerra civile lavorarono a stretto contatto con lui.

Tutta la cultura che ti accompagna ti aspetta qui.

Cliente

La discoteca Pasapoga, sulla Gran Via di Madrid, è uno di quei locali della capitale dove i ricchi, i dediti al regime franchista e le spie di diversi paesi si ritrovano per assistere allo spettacolo serale.CLAUDIO LVAREZ

Il 10 marzo 1945 Carlos Fuldner scese dall’aereo che lo stava portando da Berlino a Madrid. Argentino dalla Germania, ha creato una terza via di fuga. Ne facevano parte i vescovi del fascismo europeo: il direttore dei media del Belgian Rexisme, il leader delle SS fiamminghe che guidò l’azione contro gli ebrei ad Anversa, l’ambasciatore rumeno in Spagna o un giornalista di una rivista reazionaria francese. sono ovunque. Per diversi anni hanno sviluppato un’attività frenetica – falsificazione di documenti, tangenti, collegamenti, viaggi … – e infine tutti i funzionari di questa rete si sono stabiliti a Buenos Aires, dove hanno continuato a rilasciare attivamente permessi di soggiorno per criminali di guerra.

Rete privata, complotto politico

Sulla Square de l’Aviation Bruxelles si trova il Centre d’Étude Guerre et Société. Lì il professor Del Hierro ha trovato una vena: il diario del giornalista Pierre Daye, che vive a Madrid. Nelle sue pagine si può vedere come alla fine degli anni Quaranta i rappresentanti dell’estrema destra mondiale ieri si siano riuniti a Madrid: “Sentiamo che nulla finirà, che sorgerà un imprevisto che ripristinerà tutto, che la causa è giusta e la vendetta arriverà un giorno”. Se avevano un po’ di soldi, si incontravano al bar di Calle Lope de Vega dove mangiavano ascoltando flamenco. Se fossero stati più ricchi, si sarebbero incontrati al ristorante Horcher in Calle Alfonso XII.

Nel 1946, alla vigilia della Guerra Fredda, la persecuzione del fascismo non era più una priorità per gli Alleati. Gli ex fascisti possono agire più liberamente in Spagna. Alcuni di loro hanno scelto di rimanere a Madrid e continuare la loro attività politica, dotandosi di una nuova piattaforma transnazionale e rielaborando la loro dottrina. La CIA era ben consapevole, ad esempio, che un importante membro delle SS come Otto Skorzeny aveva uno studio di ingegneria sulla Gran Via dove svolgeva operazioni commerciali e finanziarie. E, allo stesso tempo, l’ufficio fungeva da copertura per l’attività politica che coinvolgeva Léon Degrelle. Era una figura simile al generale italiano Gastone Gambara, residente a El Viso, e un elemento chiave nella rete neofascista che cospirava con la tolleranza (se non la complicità) delle autorità francesi.

Uno dei fili di quella rete fu l’insediamento a Madrid della sede del partito neofascista Movimiento Sociale Italiano. Fu una prima all’estero e uno dei suoi vescovi, con il sostegno di Ramón Serrano Súñer, finanziò i viaggi dello storico leader fascista britannico Oswald Mosley a Madrid e El Escorial, dove, felicemente, visitò la tomba di José Antonio Primo de Rivera. Pochi anni dopo, dopo l’incontro internazionale dell’Alcazar Toledo, fu fondato a Madrid un ufficio del Movimento Sociale Europeo. La sua funzione dovrebbe essere il coordinamento degli stessi gruppi ideologici di diversi continenti. Da Madrid si pensò addirittura alla creazione di un’iniziativa militare con lo scopo di fermare la diffusione del comunismo in Europa. Il promotore, dopo il fiasco, si dedicò al business delle armi.

Questa rete di persone e di idee, come conclude Del Hierro, è l’anello principale della catena di sopravvivenza del neofascismo. Le successive mutazioni sono iniziate alla fine degli anni ’60 e, senza quella continuità, la loro rinnovata presenza globale è incomprensibile.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.