Spezzare le catene dopo la fine della guerra

Euzkadi Buru Batzar nel 1939 ansi in un rapporto inedito per trovare un modo per il dittatore Franco di rilasciare prigionieri baschi dopo la fine della guerra.

voiUn rapporto inedito a cui il GRUPO NOTICIAS ha accesso dettaglia l’approccio adottato da Euzkadi Buru Batzar del PNV nel luglio 1939 con l’obiettivo di contribuire “nuove idee sui passi da compiere” per la libertà dei prigionieri baschi dopo che fosse stato completato. guerra. L’EBB pose diversi contatti per aiutare il maggior numero possibile di prigionieri baschi nelle mani dello Stato franchista: dal Vaticano, il governo francese attraverso lo storico maresciallo Pétain – all’epoca ambasciatore francese a Madrid -, il servizio di propaganda britannica di M. Cowan, gli sforzi con i diplomatici italiani e la Germania “come ha fatto la Russia”, il Portogallo anche se “difficile”, nonché l’azione congiunta della Repubblica ispano-americana in Franco, o anche, per intercessione del movimento internazionale della Croce Rossa .

Il rapporto, redatto il 7 luglio 1939, tre mesi dopo la fine dell’episodio bellico, include le risposte dei suoi membri emesse nello stesso mese e fornisce anche un allegato importante: la Risposta di Philipe Pétain del 23 novembre, l’esercizio. L’ambasciatore francese presso lo stato spagnolo ha risposto a Lehendakari Aguirre in una breve dichiarazione in cui chiunque sia diventato capo di stato nel cosiddetto regime di Vichy ha riconosciuto di vedere la mediazione quasi impossibile.

Il maresciallo assicurò ad Aguirre di condividere personalmente i suoi sentimenti caritatevoli baschi sulla questione, ma dopo che tutti i dettagli furono stati controllati, non pensò al possibile successo della sua ambasciata. Pétain fa un passo avanti. “Temiamo che qualsiasi passo intrapreso possa avere l’effetto opposto a quello che volevamo”, e ha detto addio a Lehendakari, che nei suoi appunti riconosce come “Presidente”.

Tutte le strutture Le cosiddette “negoziazioni deliberate” avviate dall’allora segretario-consigliere di Jelzale, Luis de Arregi, ricevettero risposte da Lehendakari Aguirre, da Manuel de Irujo -che trattenne la questione in quasi quattro pagine dattiloscritte-, da Domingo de Epalza, da Eliodoro de la Torre, Teodoro de Errandonea e Francisco de Sorozabal.

“Il PNV è venuto e continua a curare con grande passione e compassione la situazione dei nostri detenuti, che sono maggiormente in pericolo a causa delle dure condanne loro inflitte”, afferma l’analisi di Arregi all’inizio del rapporto. Il Consigliere stima che, anche se la guerra è finita, questo fatto «non ci esonera dal giocare con ogni mezzo alla nostra portata». Fu allora che fece una domanda ai suoi compagni: “Cosa pensi che si dovrebbe fare per strappare i detenuti baschi, specialmente quelli condannati o che rischiano di essere condannati alla punizione più grave, dalla situazione attuale?” .

Situazione difficile Delle 18 domande poste nel documento, cinque hanno risposto. La proposta più veloce e produttiva è stata Irujo. José Antonio Aguirre, da parte sua, ha espresso “casualmente la mia preoccupazione” per i prigionieri e ha riferito di aver impartito istruzioni che, essendo inviati all’estero, fossero studiati per il rilascio dei prigionieri baschi. La sua “ultima speranza” era l’Inghilterra, “ma ho ricevuto giustamente da Londra la notizia che oggi le autorità e gli agenti britannici hanno meno influenza su Franco che durante la guerra”, ha riferito, e ha concluso con disperazione: “La situazione attuale è difficile da ottenere . qualcosa di positivo e diretto. Almeno questa è la mia opinione.”

Irujo ha chiesto l’instaurazione di relazioni diplomatiche con il Vaticano attraverso l’ambasciata spagnola nel Paese. A suo avviso, la Santa Sede ha potuto intercedere perché “erano cattolici” non si erano macchiati di sangue, che molti sacerdoti erano “vissuti e la loro libertà garantita dal Patto di Santoña” e perché “il loro onore era stato provato” dai baschi Governo. . Navarra propone tre contatti: monsignor Fontanelle, il cardinal Verdier e il nunzio a Parigi. “Con loro tre, il signor Alberto de Onaindia mantiene una relazione meravigliosa” ei primi due hanno affetto “per Aguirre e Leizaola”, ha affermato.

Un altro supporto potrebbe essere la Lega degli amici di Euzkadi in Francia. Irujo ha insistito per una rotta inglese attraverso la delegazione basca a Londra e in seguito ha proposto una relazione con Pétain, che, sebbene completata, è stata infruttuosa. Fu allora che propose un’azione repubblicana ispano-americana congiunta in Franco “per la libertà dei nostri compagni, probabilmente sarà definitiva”.

Per tutto questo, facendo affidamento sul sostegno di Argentina, Cile, Venezuela, Ecuador, Bolivia, Paraguay… propone di avere “collegamento” con quante più informazioni possibili “sulla nostra posizione, le statistiche dei prigionieri e le ragioni per cui quelle coloro che chiedono la libertà sono fatti». Secondo lui, il governo basco e il PNV hanno “prove sufficienti per prepararsi a questo lavoro”.

Irujo ha ricordato a EBB jeltzale che già nel dopoguerra il “popolo”, come lo definì lui, non aveva dimenticato il comportamento umanistico del dirigente Lehendakari Aguirre. Ha dato l’esempio di “l’ultima gestione favorevole allo scambio, che ha dato libertà a centinaia di stranieri, attraverso gli sforzi baschi di cooperazione con gli inglesi, è stata un’ottima ultima risorsa”, e conclude tenendo presenti i suoi sentimenti: “Siamo non belligeranti».

Influenza esterna Pochi giorni dopo, altri compagni di partito hanno dato il loro contributo. Domingo de Epalza ha detto di aver già affrontato i problemi a Parigi. Nel frattempo, Eliodoro de la Torre ha dichiarato di ritenere sinceramente che l’EBB abbia fatto tutto il possibile per scambiare prigionieri.

Il 21 luglio, Teodoro de Errandorena ha suggerito che l’influenza a questo scopo provenga “dall’estero” e da “persone politiche”, nonché entità culturali o caritative, in particolare l’Accademia di medicina e la Croce Rossa.

Francisco de Sorozabal ha mostrato solidarietà con la rappresaglia. “Sono lieto di informarvi che tutto ciò che viene fatto per alleviare il dolore dei nostri prigionieri sarà poco in confronto alla loro grande punizione e sebbene non so fino a che punto possa arrendersi il nemico vittorioso e opprimente del nostro paese, dobbiamo sforzarci, dando l’esempio seriamente a tutte le nazioni che vogliono scioccamente trionfare sugli altri”.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.