Spero che tu muoia, Putin. Il famoso calciatore condannò l’invasione e lo slavo disse

“Voglio sostenere il mio paese e il club che mi sta dietro”, ha detto il nativo di Leopoli. La UEFA e altre autorità calcistiche di solito penalizzano espressioni simili dei sentimenti nazionali sul campo, ma in questo caso potrebbe essere possibile farlo senza sanzioni. La dichiarazione di Yaremchuk era comprensibile a tutti.

“Sono ucraino e ne sono orgoglioso. Ma sono a migliaia di chilometri dalla mia terra natale e voglio sostenere tutti coloro che vivono lì in tensione. È giunto il momento di unirci. Questo è il nostro paese, la nostra storia, la nostra cultura e i nostri confini, noi. Voglio ringraziare i difensori del nostro Paese per il loro coraggio”, ha detto Jaremčuk sul social network.

Ci sarà conflitto? Russia e Ucraina non si sono (ancora) combattute a Pechino, non sono amiche

Altri noti atleti ucraini, compresi quelli che operano nella Repubblica Ceca, hanno un’opinione simile. Ad esempio, il difensore Taras Kačaraba, che ha lavorato all’Eden con il connazionale Maksym Talovjerov, appartiene ai pilastri del calcio slavo. Kacharaba non dovrebbe mancare questa sera nella squadra ricucita nel match di coppa contro il Fenerbahce.

“L’Ucraina è il mio Paese. Ho fiducia nel nostro Paese, nel nostro esercito. Voglio ringraziare coloro che proteggono i nostri confini. La scelta degli ucraini è l’Ucraina europea. Salvaguarderemo l’indipendenza, la democrazia e la sovranità del Paese”, ha affermato Kaaraba. Slavia ha anche dichiarato il sostegno al paese colonizzato.

Milioni da Gazprom

Il calciatore ucraino Vadim Cervak ​​gioca per lo Sparta Praga, lato B, e la squadra di Letna – come lo Slavia – sostiene il Paese sotto attacco.

Altre stelle del calcio hanno espresso emotivamente il sostegno del loro paese, come l’ex detentore del Pallone d’Oro Andrei Shevchenko, Andriy Jarmolenko del West Ham e Olexandr Zincenko del Manchester City.

“Spero che morirai il più dolorosamente possibile”, ha detto Zinchenko al leader russo Vladimir Putin su Instagram, aggiungendo parole di incoraggiamento a sostenere la nazione ucraina, che rappresenta con successo sulla scena calcistica.

Ma non sono solo gli atleti stessi. Diversi club dell’Europa occidentale stanno già discutendo se meritano di essere sponsorizzati da società e società russe. Ad esempio, il tradizionale club tedesco Schalke 04, che ora opera nella seconda Bundesliga, ha deciso di non rinnovare il contratto con il colosso russo del gas Gazprom. Schalke ha voluto coprire il logo dell’azienda con le parole “Libertà in Ucraina”.

Gazprom contribuisce con nove milioni di euro all’anno (circa 224 milioni di corone) al tesoro del club di Gelsenkirchen e, se avanza nella massima competizione, la sponsorizzazione dalla Russia aumenterà a 15 milioni di euro (374 milioni di corone) più un generoso premio una tantum. .

Shakhtar vive a Kiev

Il campionato di calcio ucraino inizierà venerdì dopo la pausa invernale. Ma ora è impensabile. Anche una delle migliori squadre ucraine, lo Shakhtar Donetsk, che ha dovuto trasferirsi a Kiev otto anni fa a causa della presa del territorio ucraino da parte dei separatisti, è in pericolo anche lì.

Il suo allenatore dell’Italia Andrea De Zerbi, insieme ai suoi compagni di squadra e ai giocatori, sono stati confinati in un hotel nel centro di Kiev e, secondo l’ambasciata italiana, è stato impossibile per la squadra lasciare un alloggio. L’aeroporto internazionale è stato chiuso a causa della situazione critica.

Shakhtar Donetsk è tornato in Champions League.  Lo ha aiutato il ribaltamento della regola sul vantaggio gol segnato sul campo avversario

Rivoluzione calcistica sotto una lente d’ingrandimento: milioni all’Ucraina, guai per il coefficiente ceco

Gli ex allenatori di Foggie e Sassuola, d’accordo con la dirigenza, hanno deciso di restare in Ucraina nonostante le pressioni delle autorità locali. Ora ripete che lo Shakhtar non vuole andare. “Ho una squadra e uno staff qui. Non vogliamo voltare le spalle ai tifosi che ci supportano”, ha detto.

“Siamo stati svegliati stasera da esplosioni e sirene”, ha detto giovedì De Zerbi. “Ho tredici ragazzi brasiliani qui. Potevamo andare in salvo prima del precedente attacco russo, ma non volevamo. Siamo qui per giocare a calcio”, ha detto. Mantieni la calma. Ci sentiamo al sicuro qui”, ha continuato. Le sue parole sono illustrate anche da Junior Moraes, attaccante ucraino naturalizzato, originario del Brasile: “La situazione è grave”.

Al momento, sembra impensabile per il calciatore ucraino entrare nella semifinale di Coppa del Mondo contro la Scozia, in programma il 24 marzo a Glasgow.

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.