Spagna e Italia non vogliono prolungare le ferie a gennaio per via della variante omikron

Anche l’Italia sta preparando studenti e studentesse al ritorno in panchina dal 10 gennaio. Tuttavia, i vertici di diverse regioni hanno affermato che non “considerano una tragedia il rinvio dell’insegnamento a tempo pieno dopo le vacanze”. I due paesi hanno registrato il più alto aumento giornaliero di infezioni dall’inizio dell’epidemia la scorsa settimana.

“L’insegnamento a tempo pieno di tutti i nostri studenti in tutto il paese inizierà il 10 gennaio”, ha affermato il ministro della Sanità spagnolo Carolina Darias dopo l’incontro con la contea. La contea ha approvato all’unanimità la decisione di riprendere l’insegnamento a un orario prestabilito dopo le vacanze, ha aggiunto. Darias esorta inoltre a rispettare le regole fissate all’inizio dell’anno scolastico, come l’obbligo di portare il velo o di mantenere le distanze. Secondo il ministro dell’Istruzione Pilar Alegrí, l’insegnamento a tempo pieno è “l’opzione migliore” e le famiglie spagnole richiedono prudenza, fiducia e un comportamento pacifico e sicuro.

Lunedì, il Ministero della Salute spagnolo ha segnalato circa 373.000 nuovi casi di infezione da coronavirus, ma li ha registrati da giovedì a domenica. Tuttavia, secondo El País, la cifra reale è più alta. In base alle nuove regole di quarantena, le persone vaccinate non devono più essere testate dopo il contatto con una persona infetta e molte persone vengono testate in farmacia. I risultati di questi test spesso non sono inclusi nelle statistiche nazionali. Darias ha affermato che, nonostante l’alto numero di contagi, la crescita dei casi gravi non è stata tanto grazie alle vaccinazioni. A partire da lunedì, circa un quinto dei posti letto nelle unità di terapia intensiva era occupato da persone infette dal coronavirus.

Anche il governo italiano vuole iniziare l’insegnamento a tempo pieno il 10 gennaio, scrive oggi il Corriere della Sera. Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi si era già espresso contro l’estensione delle ferie o la didattica a distanza in generale. Anche l’Italia ha annunciato la scorsa settimana dati molto elevati sui nuovi casi di infezione e, a causa della diffusione della variante dell’omicron, gli esperti ritengono che il numero continuerà a crescere. Pertanto, il governo sta valutando di modificare alcune regole per imporre la quarantena nelle aule o in intere scuole. I ministri dovrebbero discutere la questione mercoledì in una riunione di gabinetto.

Tuttavia, i presidenti di contea hanno espresso le loro opinioni sull’inizio dell’insegnamento a tempo pieno dal 10 gennaio. Lunedì, il presidente di sinistra della regione Campania, Vincenzo de Luca, ha definito una “soluzione ragionevole” per ritardare l’inizio della didattica a tempo pieno fino a febbraio, fino a quando non si placherà la crescita dei casi di infezione. Sullo stesso tono si è espresso anche Eugenio Giani, presidente del Consiglio regionale della Toscana. “Il governatore Luca Zaia della Lega veneta di destra non considererebbe il cambiamento ‘non una tragedia’. “

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.