Slobodan Brankovic ha vinto la medaglia d’oro agli Europei! VIDEO

Poi, agli Europei Indoor nei 400 metri, il nostro Slobodan Brankovi ha vinto la medaglia d’oro, con un incredibile 46.33, che è bastato per salire sul trono del Vecchio Continente in una fortissima competizione. Oggi, esattamente tre decenni dopo, ha sostituito l’abbigliamento sportivo con una tuta, ed è diventato il leader della squadra che ospiterà i campionati planetari indoor di Belgrado (18-20 marzo).

Non importa quanto tempo sia passato dall’evento, molti fan di “Queen of Sports” ricordano ancora felicemente i dettagli che li hanno lasciati senza fiato guardando il campionato in TV e conservano i ricordi di questo successo.

Sarei felice se così fosse, davvero. Sarei ancora più felice se qualcuno iniziasse ad allenare atletica leggera ea praticare questo sport grazie a quei risultati, che hanno cambiato la mia vita in meglio e a cui devo tutto quello che ho ottenuto finora. Il Genoa è il momento più importante e bello della mia carriera. Tuttavia, mi sono reso conto che una persona non vive del passato e ha bisogno di mettersi alla prova di nuovo. Ogni giorno è un’opportunità per questo, perché se dopo le nove grandi cose non capisci bene, verrai ricordato proprio per questo. Ecco perché voglio che la Coppa del Mondo che stiamo ospitando si svolga ai massimi livelli“, ha affermato Slobodan Brankovic, direttore della Federazione serba di atletica leggera.

Alla richiesta di condividere alcuni dettagli dall’Italia del 1992, per ispirare alcuni giovani concorrenti che non si sono trovati in una situazione simile, Brankovic ha aperto un ricco archivio di ricordi.

Mi stavo preparando da tempo per andare ai campionati di Genova e prima di partire sono andato in tournée europeo dove serviva a Siviglia e Birmingham per sviluppare la mia forma. A Siviglia correvo a un livello soddisfacente ea Birmingham avrei dovuto stare meglio ma purtroppo il giorno prima della partenza ho avuto l’appendicite. Domenica mi sono svegliato con un dolore lancinante, i medici, ovviamente, mi hanno proibito di gareggiare e il mio ritorno a Belgrado, previsto per lunedì pomeriggio, è stato un grosso punto interrogativo. Tuttavia, sono arrivato in Serbia, da dove sono andato direttamente dall’aeroporto al Centro di controllo clinico, dove il medico mi ha detto che le sue condizioni stavano peggiorando, ma non poteva garantire che la mia appendice sarebbe scoppiata. in Italia….“, disse Slobodan.

Sotto tale pressione, martedì Brankovic è venuto allo stadio della nostra capitale, dove, a differenza di oggi, quando avevamo una bellissima palestra di atletica a Belgrado, era febbraio, la temperatura era di meno dieci, nevicava.

Ho iniziato con esercizi leggeri, ma erano tutti pessimi. Ad un certo punto ho detto all’allenatore che non volevo andare agli Europei e non volevo andarci per vergogna. L’allenatore mi ha assicurato che la mia prestazione non è stata facile e che dovevamo provare. Mercoledì ho fatto le valigie e siamo andati a Genova. Giovedì abbiamo visitato la palestra per incontrarlo e poi allenarci. Le qualifiche sono iniziate venerdì, dove ho corso con grande paura che mi facesse male l’appendice, che scoppiasse. Tuttavia, ho vinto quella gara e mi sono reso conto che le mie prestazioni erano di altissimo livello e che non c’erano ostacoli alla corsa a piena forza. Questo è un grande sollievo per me. In compenso ho sperimentato molto sforzo, come dimostra il fatto che ho perso in media un chilogrammo dopo ogni gara..”

Slobodan Brankovic
foto: Aleksandar Jovanovi

Brankovic è entrato in semifinale pieno di fiducia con la voglia di esibirsi al meglio.

Voglio battere il record di Lucan Susanj, la leggenda dell’atletica jugoslava, che ha più di 20 anni. Ci sono riuscito, ho corso 46.23, ho battuto il record nazionale e sono entrato in finale tra i sei europei più veloci nei 400 metri con il primo risultato del campionato.“.

Il Campionato Europeo di Genova è dedicato alla partenza di Colombo, partito da Genova alla scoperta dell’America, e in quell’occasione gli atleti furono ospitati su grandi navi d’oltremare nel porto di Genova.

Ricordo che in cabina, dopo quella semifinale, non chiudevo gli occhi. Nel momento in cui ho chiuso gli occhi, mi è apparso di fronte il filmato della corsa, così come i grandi pesi e i pesi dei favoriti prima della finale. Queste sono alcune cose inspiegabili e dopo 30 anni ricordo le volte in cui i medici venivano nella mia cabina per darmi degli analgesici per riprendermi. C’era pressione su di me, quindi non volevo mangiare o bere, volevo solo che la gara arrivasse il prima possibile e mostrasse cosa posso fare e vincere.“.

Venne anche quel giorno, il gran finale.

Le finali si svolgono una volta nella vita, me ne rendo conto. C’erano due italiani intorno a me, il pubblico locale ovviamente dalla loro parte, oltre a due inglesi. Un ex campione europeo, un futuro e un polacco. La competizione è grande, ma fin dall’inizio volevo essere il primo, vincere. Dopo i primi 200 l’inglese era davanti a me e ho aspettato solo un po’ per attaccarlo. Nei 100 metri prima della fine ho usato tutte le mie forze, sufficienti per battere di diverse centinaia il pubblico italiano favorito e diventare campione d’Europa.“.

Quel 1992 e il titolo hanno portato Brankovic a vincere come atleta dell’anno in tutti i sondaggi, in tutti i sondaggi sportivi in ​​Jugoslavia, a diventare un membro della squadra nazionale europea ai Mondiali dell’Avana e diventare una leggenda.

Il record che ho segnato allora a Genova è ancora valido ed è un indicatore del fatto che abbiamo lavorato di più in condizioni molto peggiori, ma volevamo vincere ancora di più. Avevamo più forza ed eravamo pronti a mollare, e oggi, i giovani, ho l’impressione che vogliano vincere medaglie in modo più facile, e questo non è possibile nell’atletica leggera. Questa medaglia d’oro del genovese è anche un esempio di come sia possibile vincere da un paese relativamente piccolo, senza condizioni per lo sviluppo atletico, senza tetto, in una disciplina che si svolge nel palazzetto dell’atletica, come potenze come l’Inghilterra, Italia, Francia, Russia, Polonia e molti altri grandi paesi. Credo che i nuovi arrivati ​​di giovani, allenandosi nelle migliori condizioni possibili sotto la supervisione professionale di una squadra seria, riusciranno a battere non solo il mio record nella storia recente, ma tutti i record che abbiamo raggiunto in 30 anni o più che poi..”

Sport da corriere


Corriere

Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.