“Siamo in guerra sia fuori che dentro i nostri confini”

FIGAROVOX/CRONACA – La Polonia sta attualmente affrontando un afflusso di migranti ai suoi confini. Gli avvocati si rammaricano che il principio di precauzione non sia stato utilizzato in questa crisi, soprattutto alla luce delle dichiarazioni di François Hollande sulla presenza di terroristi tra i migranti nel 2015.

Gilles-William Goldnadel è un avvocato e saggista. Ogni settimana, dà la notizia per FigaroVox.


La settimana appena trascorsa dovrebbe essere tale da convincere scettici, rifrattori e alcuni visibili che siamo in guerra. Ma in queste sciocchezze, dove la cecità dilaga, non riesco a crederci. Nessun problema, non mi è impedito di provare ad utilizzare la notizia, sperando che le cronache più belle siano le più disperate. E le notizie di questa settimana mi aiuteranno a superare ogni disperazione.

In primo luogo, ovviamente, a causa dell’aggressione migratoria condotta cinicamente contro la Polonia – e quindi contro di noi per capillarità – dalla Bielorussia. Non intendo qui analizzarlo per menù, ci pensa il nostro giornale. Voglio svelarne il significato nascosto.

Questo è dapprima duro contro la debolezza cristiana. Se per l’ipotesi straordinaria e poco plausibile, la Polonia avesse inviato migliaia di siriani o libanesi in Bielorussia, non c’è dubbio che Lukashenko avrebbe lasciato che le truppe cedessero senza esitazione, per mancanza di possesso.

Nel quadro multiculturalista e federalista dell’Unione Europea, l’idea di difendere i confini nazionali dall’invasione è un abominio.

Gilles-William Goldnadel

Ma questi convenevoli non possono escludermi dal visitare il luogo poco esplorato della nostra tormentata psiche occidentale: la situazione che questo ha generato in Polonia è principalmente dovuta al fatto che i bielorussi e questi migranti dal Medio Oriente – che non sono figli del coro che non gradito dai media. disegno – basandosi sulla debolezza psicologica e politica dell’Europa crepuscolare ma ancora argentea.

In questo contesto, è chiaro che l’Europa politica contribuirà a indebolire e disarmare la nazione polacca e il suo popolo piuttosto che difenderli. Fu lui a punirli finanziariamente con il pretesto che la corte costituzionale osava affermare che le leggi fondamentali di questo stato teoricamente sovrano erano superiori al diritto europeo, il che era giuridicamente possibile e che la corte di Karlsruhe aveva potuto affermare senza essere rimproverata. Ma ciò che la giurisdizione tedesca nella conversione post-nazionale può invocare, i polacchi cattolici, patriottici e conservatori non possono. Le sue aspirazioni sono l’opposto dei cosiddetti “Valori” d’Europa che non odiano altro che identità e radici culturali che si coltivano e rivendicano la sovranità nazionale, senza avere l’idea di consultare le persone prima di proclamarle.

GUARDA ANCHE – Crisi migranti: la Polonia denuncia la “vendetta silenziosa” del presidente bielorusso

In questo quadro multiculturalista e federalista, l’idea di difendere i confini nazionali dall’invasione è un abominio. I macroniani francesi e persino gli europei si sono risentiti per molto tempo per il virus letale invasivo, che è contro la vita delle persone.

È in questo contesto ideologico inconscio ma letale che dobbiamo comprendere il rifiuto dell’Europa di finanziare il muro che i polacchi chiedevano per proteggersi da un’imminente invasione. I muri spessi possono proteggere le banche, ma certamente non i confini degli stati-nazione, che è un concetto così disprezzato. Era meglio lasciar passare gli invasori che non potevano essere considerati nemici.

Perché, per la prima volta nella storia dell’umanità, gli invasori, senza uniformi, sembrano vittime e gli invasi non possono fare brutta figura, a meno che non siano visti come terribili bastardi.

È in questo contesto psicologico in gran parte masochistico che François Hollande ha innocentemente rivelato al processo Bataclan quello che peraltro era un segreto di Pulcinella, ovvero che sappiamo che tra i migranti arrivati ​​in massa prima del 13 novembre 2015 c’erano terroristi islamici. Ma soprattutto dobbiamo capire che in una Francia patologicamente colpevole la preferenza per l’Altro, quello che da tempo ho chiamato “amore mortale per l’alterità” è ancora più sacra di questa vita umana francese, per quanto sacra possa essere. Più pura della vita dei nostri figli. È quindi vietato sollevare interrogativi filosofici se, in nome del principio naturale della prudenza, non sarebbe più importante negare l’ingresso a un migrante – tanto meno senza lettera – per tutelare la vita di un francese. bambino. Ma, ovviamente, questo principio di precauzione vale solo per proteggerci dal mais geneticamente modificato.

È moralmente inopportuno suggerire che tra i migranti musulmani siriani o africani che hanno costretto l’ingresso della Polonia, ma anche dall’Italia o dalla Gran Bretagna, alcuni siano stati mandati a seminare morte e caos.

Gilles-William Goldnadel

Allo stesso modo, è moralmente indecente suggerire che tra i migranti musulmani siriani o africani che hanno forzato l’ingresso in Polonia, ma anche dall’Italia o dalla Gran Bretagna, alcuni siano stati mandati a seminare morte e caos.

Siamo in guerra. Lo sta preparando il nemico interno coadiuvato da un utilissimo collaboratore di estrema sinistra.

Così, l’assassino è stato condannato all’ergastolo per la povera Mireille Knoll, sacrificata perché ebrea, la cui famiglia rispetto, ha una mappa dell’Algeria tatuata sul petto, ma parla della Francia come di un “paese maledetto” che assegna medaglie per Assassini arabi. . È anche un ammiratore di Coulibaly, l’assassino Hypercasher.

Questo è il motivo per cui voglio costantemente spiegare che l’attuale antisemitismo islamico in Francia è una miscela esplosiva di cultura giudeofobica e razzismo antifrancese. L’ebreo non è più visto come un apolide, come è stato visto ieri dall’estrema destra, ma come un francese bianco e squadrato.

Siamo in guerra. Come ha detto venerdì 13 ad Alexandre Devecchio l’intrepido Boualem Sansal: “Lo scenario più probabile è quello di una guerra civile, con eventuale libanizzazione del Paese o della sua Algeria».

Siamo in guerra, ma, come scrittori il libro di mia madrenon dirlo a un bambino.

Tuttavia, deve essere fatto. Per la gloria dei nostri antenati.


GUARDA ANCHE – “Circa 2.000 migranti” si raduneranno al confine bielorusso-polacco, secondo l’Alto Commissario per i Rifugiati

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.