Serie A: Franck Ribery con la Salernitana, la rimonta più pazza della massima serie europea! – CALCIO INTERNAZIONALE

Ci sono sempre miracoli e nel calcio italiano ne è responsabile Davide Nicola (49).

L’allenatore è in procinto di scrivere una storia di salvataggio in Serie A con il club Ribery dell’US Salernitana. Sarebbe il suo secondo…

La vittoria per 2-1 della Salernitana sull’ultima squadra del Venezia giovedì sera ha visto la squadra di Nicola uscire dalla zona retrocessione in Italia per la prima volta dalla prima giornata. La Salernitana ha addirittura trascorso gran parte della stagione in fondo alla classifica.

A metà febbraio Davide Nicola è poi subentrato alla guida dell’esonerato Stefano Colantuono (59). Anche se ha iniziato con un impressionante 2-2 contro il Milan, aveva anche bisogno di tempo per iniziare e nelle prime sette partite non ha vinto. Dopo la sconfitta per 1-2 alla 32° giornata in casa dell’AS Roma e un totale di appena 16 punti, la retrocessione della Salernitana sembra certa.

Ingrandire

Il “vigile del fuoco” Davide Nicola dopo la vittoria contro il Venezia

Foto: EPA

Ma: Nicola sembra aver finalmente trovato la sua formazione alla Roma e da allora ha giocato solo con un sistema 3-5-2 (con Ribery in attacco se è in forma) – e la sua squadra ha improvvisamente iniziato a vincere. Quattro vittorie nelle ultime cinque, più un pareggio contro l’Atalanta Bergamo – Salernitana di Champions League che ha segnato 13 punti in meno di tre settimane.

Ora la squadra è sopra la linea famosa, tre partite prima della fine della stagione, a un punto dalla zona retrocessione. La domenica si incontrano i vicini di cantina cagliaritane. Un’altra vittoria significherebbe un enorme passo avanti verso il miracolo della retrocessione.

Nonostante tutta l’euforia, Nicola ha avvertito: “Domenica abbiamo una partita da fare e sarà difficile. Non mi interessa se usciamo dalla zona retrocessione. Non credo che abbiamo più o meno possibilità da difendere rispetto a prima”.

Tuttavia, in caso di salvataggio, l’allenatore ha annunciato che si sarebbe recato a Roma a piedi (oltre 270 chilometri) per visitare il Papa. Nicola sapeva di cosa stava parlando. Perché: nel 2017 ha dovuto pedalare 1.300 chilometri fino alla sua città natale, Torino, per mantenere la stessa promessa. All’epoca aveva salvato l’FC Crotone – dopo un’intera stagione in zona retrocessione – nell’ultima giornata di gioco.

Ora la magia può ripetersi…

00:35

Madhouse Waldstadion
Qui i tifosi di Francoforte assaltano la piazza!

Fonte: Reuters/@dirk_hoefer tramite Spectee

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.