Serie A: cresce il debito del club professionistico italiano | notizie di calcio

Negli ultimi dodici anni i club professionistici italiani hanno accumulato passività complessive per 4,1 miliardi di euro.

“Abbiamo praticamente raddoppiato il nostro debito”, ha detto il capo dell’associazione Gabriele Gravina, che mercoledì ha presentato il rapporto annuale di PwC Italia (PricewaterhouseCoopers).

Ha continuato: “Il 79% dei nostri club ha chiuso l’esercizio in perdita. Nonostante queste perdite crescenti, i costi del personale sono aumentati in modo sproporzionato rispetto ai ricavi e ora rappresentano il 66% del fatturato”.

Nuovi criteri per la licenza nazionale

L’associazione sta cercando di controllare meglio le quote dei club. Si sta valutando l’introduzione di un indice di liquidità finanziaria come condizione per l’ammissione dei club al campionato.

“Il 28 luglio presenteremo nuovi criteri per le licenze nazionali sulla base di un piano triennale”, ha affermato Gravina. Il calcio italiano in passato ha pagato un prezzo alto per la pandemia di coronavirus, poiché il blocco significa che molte partite possono svolgersi solo come partite fantasma senza spettatori. Di conseguenza, le vendite dei biglietti sono crollate e un enorme buco di bilancio è stato fatto a pezzi.

SID

Tutte le altre notizie importanti dal mondo dello sport le trovate in News Update.

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.