Sei di destra condannati al carcere per attentato alla sede sindacale italiana Cgil

MADRID, 11 luglio (EUROPA PRESS) –

Sei di estrema destra sono stati condannati da quattro anni e mezzo a sei anni di reclusione in un processo rapido per l’attacco alla sede del principale sindacato italiano a Roma, la Confederazione Generale dei Lavoratori Italiani (CGIL), lo scorso 9 ottobre . .

Così il gip ha condannato a sei anni di reclusione Massimiliano Ursino, il leader del gruppo neofascista Fuerza Nueva, Massimiliano Ursino.

Condannò a sei anni di reclusione anche Fabio Corradetti, figlio della fidanzata del leader di Forza Nueva a Roma, Giuliano Castellino, in entrambi i casi per i reati di vandalismo e resistenza. Inoltre, il giudice ha emesso un’ammenda temporanea dirigenziale di 10.000 euro a favore del sindacato.

Nel frattempo, continua il consueto processo giudiziario contro i leader della New Troop Giuliano Castellino e Roberto Fiore e l’ex membro del gruppo armato neofascista Nucleos Armados Revolucinarios (NAR) Luigi Aronica, tra gli altri. Sono stati accusati di reati di grave vandalismo, resistenza e istigazione a commettere il crimine.

Membri di gruppi neofascisti hanno approfittato delle manifestazioni contro le restrizioni del coronavirus per prendere d’assalto la sede del sindacato. L’attacco ha provocato una massiccia mobilitazione antifascista nelle strade di tutto il paese.

Daniel Jensen

"Pop culture geek. Passionate student. Communicator. Thinker. Professional web evangelist."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.