“Se qualcuno me lo dicesse davanti a Gir, ci riderei.” Hirt sul successo della vita, ma anche sull’atmosfera nel team di iROZHLAS tim

La scorsa settimana, Jan Hirt è diventato il quinto ciclista ceco nella storia a vincere una tappa del famoso Giro italiano. “Per i concorrenti che vincono più spesso, questo potrebbe non avere molto successo, ma presumo che non accadrà mai più”, ha detto il 31enne originario di Třebíč in un’intervista per iROZHLAS.cz.




Praga

Condividi su Facebook




Condividi su Twitter


Condividi su LinkedIn


Stampa



Copia l’indirizzo URL




Indirizzo abbreviato





Chiudere




Com’è il Giro di quest’anno dal punto di vista della tua squadra? Forse una bella soddisfazione, vero?
Grande entusiasmo perché ci sono state due tappe vinte, due ragazzi nella top ten assoluta, il che ci rende una delle migliori squadre del Giro.


Il successo nella vita di Hirt. Il ciclista ceco ha vinto la tappa reale del Giro dopo essere fuggito, è già nono assoluto

Leggi gli articoli


Nel 2019 si è svolta una tappa reale simile al Giro, e tu sei ancora secondo con la divisa dell’Astana.
Sì, lo ricordo. Sono arrivato secondo dietro a Giulio Ciccon. Ma quelle squadre non si confrontano molto, qui ho più libertà. Avevamo Miguel ngel López ad Astana e tutto è stato sacrificato per lui. Sono un assistente. Qui Intermarché – Caro – ScroogeAnch’io aiuto, ma ho anche più spazio per me stesso.

Quanto è diversa la tua squadra attuale da quella precedente?
L’atmosfera al CCC polacco non era molto ed era evidente, perché nessuno ha ottenuto i risultati giusti. Allo stesso tempo, abbiamo brave persone lì, grandi nomi, ma la squadra non sta andando bene. Non abbiamo stelle del genere qui, ma abbiamo fatto un’ottima stagione, tante vittorie e questo perché l’atmosfera è molto più confortevole.

Perché pensi di aver fatto così bene al Giro quest’anno? Il Tour de France di luglio è più adatto a te?
Luglio va bene anche a me, ma il Giro non è così intenso come il Tour. I profili di ogni fase sono di solito un po’ più difficili e questo mi si addice.

Quando avrai la possibilità di ricominciare il Tour, ci andrai?
Non lo so, c’ero e non mi interessava. Dipende anche dalla squadra in cui sarò e se sarò un aiutante o andrò da solo.

La gioia del ciclista ceco Jan Hirt sul podio più alto e una bottiglia di champagne tradizionale Fonte: Reuters

Come hanno reagito le persone a te più vicine al tuo più grande successo?
Tutti erano eccitati, ovviamente, era una grande euforia. Non ho il telefono con me tutto il giorno e non lo rispondo fino alle nove di sera. C’è già una marea di novità che mi aspetta…

Negli ultimi due anni, hai lottato un po’ con il tuo corpo e le tue ginocchia. Va tutto bene adesso?
Il ginocchio va bene, devo bussare. Non so cosa sia, forse un’altra scarpa, ma ci sto più attento. Ad esempio, evito di andare in discesa. Ma il miglioramento, ovviamente, è enorme. Volevo dare il massimo ad inizio stagione e ci sono riuscito.

Tuttavia, complicazioni di salute hanno colpito il tuo compagno di squadra Biniam Girmay dopo la decima tappa, che è stato tristemente colpito nell’occhio sul podio. Puoi descrivere come questo potrebbe accadere?
Sfortunatamente, questo può succedere, ed è quasi successo prima a Mathieu van der Poel. La bottiglia è molto pressurizzata e piuttosto pesante, che è il problema. Prima che accadesse, c’era sempre un ragazzo sul palco che ti diceva come aprirlo, ma quel giorno non è stato rilasciato. Da quel momento in poi posarono le bottiglie dritte.

Cosa ti aspetta adesso per questo programma? Immagino che probabilmente non si fermerà…
Già questo venerdì devo recarmi al Critérium du Dauphiné, poi vado al campionato nazionale e finalmente mi riposo.

Vittoria sul palco reale, il giorno dopo terzo posto nella 17a tappa e 6° posto assoluto. Ti rendi conto di quanto grande possa essere questo successo nella tua carriera?
In questo momento, ma se qualcuno me lo avesse detto davanti a Gir, avrei potuto ridere. Per i concorrenti che vincono più spesso, questo potrebbe non avere molto successo, ma presumo che non accadrà mai più. Ma vorrei poterlo fare di nuovo.

Jan Hirt ha tagliato il traguardo della 16a tappa di Gira al primo posto:

Markup di Michal

Condividi su Facebook




Condividi su Twitter


Condividi su LinkedIn


Stampa



Copia l’indirizzo URL




Indirizzo abbreviato





Chiudere




Vincent Ramsey

"Zombie lover. Professional bacon fan. Infuriatingly humble thinker. Food aficionado. Twitter advocate."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.