Se ci fosse uranio nella giadarite, la salute di tutti sarebbe in pericolo, ha sottolineato l’Accademia degli ingegneri

Se l’uranio è presente nella jadarite, il trattamento con acido solforico concentrato rilascerà e danneggerà la salute umana, la fauna, la flora, il suolo e, soprattutto, i sistemi idrici e quindi sarà trasferito in un ambiente molto più ampio, avverte l’Accademia di Ingegneria. Scienza serba (AINS). Questo istituto di ingegneria scientifica pubblica la sua posizione sulla realizzazione di un piano territoriale speciale per l’utilizzo e la lavorazione del minerale Jadarit “Jadar”, che tra l’altro indica i rischi di possibili fonti di radiazioni radioattive naturali.

“La realizzazione del progetto Jadar ha il potenziale per comportare il rischio di sorgenti di radiazioni radioattive naturali, per le quali non ci sono informazioni. Questa questione delicata e ad alto rischio è stata completamente ignorata nell’analisi e nel processo di approvazione del piano territoriale di destinazione speciale del progetto Jadar”, avverte l’Accademia serba delle scienze ingegneristiche.

La valutazione ambientale strategica (VAS), purtroppo, non affronta affatto la questione dei rischi derivanti da fonti naturali di radiazioni radioattive, ha affermato il FANS.

“Studi intensivi sulla mineralizzazione del minerale di litio sono stati condotti nella Valle di Jadra, ma in base alle informazioni disponibili, non è possibile determinare se l’analisi radiometrica dei nuclei dei pozzi di esplorazione nella Valle di Jadra e in altre aree della Serbia occidentale. è di grande importanza, dato il fenomeno dell’uranio nell’area, che è stato studiato intensamente negli anni ’50 e ’60”, hanno affermato i FANS.

Questi studi passati hanno determinato con fermezza il fenomeno radioattivo nell’area di Cer – Iverak (che confina e talvolta si sovrappone ai giacimenti minerari di Jadarite), ovvero l’esistenza di aree produttrici di uranio dove l’isotopo dell’uranio-238 è più abbondante. si verificano frequentemente con emivite superiori a 4,5 miliardi di anni.

GiustoSe l’uranio è presente nella jadarite, nel corso del trattamento con acido solforico concentrato, verrà rilasciato e metterà in pericolo la salute umana, la fauna, la flora, il suolo e, soprattutto, i sistemi idrici, e sarà quindi trasferito in un ambiente molto più ampio. Si è concluso che sia SPU (valutazione ambientale strategica) che PPPNJ (piano spaziale per aree designate speciali per lo sfruttamento e la lavorazione dei minerali Jadarit nella valle del fiume Jadar) gestivano la radioattività naturale, che professionalmente era molto rischiosa. fallimento della SPU e del PPPPNJ, ma anche degli organi statali che devono occuparsi di questa componente del progetto”, ha affermato l’Accademia delle scienze ingegneristiche della Serbia.

Lance Norris

"Avid organizer. Hipster-friendly bacon evangelist. Friend of animals everywhere. Entrepreneur."

Leave a Reply

Your email address will not be published.