Scandalo Iran, svolta pazzesca?: l’Italia spera di partecipare ai Mondiali attraverso il gap

Scandalo iraniano, svolta pazzesca?
L’Italia spera nella partecipazione ai Mondiali attraverso il gap

Di David Needy

La Nazionale italiana si lecca ancora le ferite dopo l’umiliante sconfitta in Coppa del Mondo contro la Macedonia del Nord – all’improvviso c’è la speranza che possa ancora prendere parte al torneo. Il motivo è lo scandalo in Iran, che potrebbe portare all’esclusione dei Mondiali. Quali sono le vere occasioni per gli Azzurri?

L’Italia intera guarda in soggezione all’Iran in questi giorni. Non si tratta di negoziare l’accordo nucleare, si tratta di calcio. Come media italiani Secondo quanto riferito, ci sono poche speranze che la nazionale italiana possa ancora recarsi in Qatar per i Mondiali di calcio, vale a dire se la nazionale iraniana verrà eliminata dal torneo intercontinentale.

Qualche passo indietro. L’Italia ha giocato una buona qualificazione ai Mondiali e non ha perso una sola partita. Tuttavia, al termine delle quattro vittorie, ci sono stati anche quattro pareggi sul conto. E quindi solo il secondo posto nel Gruppo C dietro alla Svizzera. Ciò significa i playoff. Lì gli orgogliosi campioni d’Europa hanno fatto ritirare la perdente Macedonia del Nord. Certo che lo è davvero, soprattutto perché agli Azzurri è concesso di fare un “tutto o niente” in casa. Ma la Macedonia del Nord ha sbalordito gli Azzurri la scorsa settimana per 1-0 nei minuti di recupero, perché il fallimento dell’Italia significherà lo storico secondo Mondiale consecutivo.

“Siamo delusi, devastati, devastati”, ha detto il capitano Giorgio Chiellini dopo l’umiliante fallimento. Il quotidiano “Tuttosport” ha riconosciuto addirittura una “catastrofe di proporzioni bibliche”, il “Corriere dello Sport” ha pensato che gli Azzurri fossero “all’inferno” e si è lamentato dopo la grande delusione: “Addio Mondiali, addio EM, addio a tutto”. Ebbene, invece di “arrivederci” l’Italia può ancora dire “benvenuti” ai Mondiali in Qatar. Escludere la nazionale iraniana dal torneo in Qatar renderebbe possibile la magia blu.

L’Italia come successore della classifica mondiale?

Perché poco dopo che l’Italia ha vissuto “l’inferno” contro la Macedonia del Nord, l’Iran, che si è già qualificato per i Mondiali, martedì giocherà contro il Libano nelle qualificazioni ai Mondiali. Inizialmente, 2.000 donne potevano suonare nella città profondamente religiosa di Mashad. Allo stadio però non è entrato un solo spettatore, le tifoserie si sono fermate davanti ai cancelli chiusi con i biglietti ancora validi fino al termine della partita. Secondo i resoconti di testimoni oculari, durante le proteste che ne sono seguite, la polizia ha persino usato spray al peperoncino contro le donne.

Poco dopo, gli eventi in Iran hanno spinto la FIFA ad agire. L’associazione di Teheran è preoccupata per l’esclusione dei Mondiali. “Abbiamo sentito notizie allarmanti dalla FIFA e dall’AFC”, ha twittato il membro del consiglio della FFI Mehrdad Seraji. Nel 2019, la FIFA aveva minacciato l’Iran che avrebbe rischiato l’espulsione se agli spettatori avesse continuato a essere negato l’accesso agli stadi.

Di conseguenza in Italia si è diffusa la voce che gli Azzurri potrebbero sostituire l’Iran, come se il Paese fosse completamente ostracizzato, un’altra squadra doveva riempire il girone dei Mondiali. Tuttavia, queste possibilità sono molto scarse, poiché nessun paese è mai stato escluso dai Mondiali di calcio. Anche la procedura per questo precedente non è quindi del tutto chiara, ma la FIFA potrebbe nominare il paese con il posto più alto nella classifica mondiale. L’Italia al sesto posto sarebbe un potenziale first mover.

“falsa copertura”

Tuttavia, l’Iran non è stato nemmeno menzionato durante la riunione del Consiglio FIFA di mercoledì, né è stato discusso nella sessione odierna del Congresso giovedì. Anche nella stessa Italia le speranze di partecipare ai Mondiali si stanno esaurendo. “Tutto faalso”, tutto sbagliato, ha scritto “Gazzetta dello Sport”.

Il governatore della regione in cui si è svolta la partita di qualificazione colpita, Mohsen Davari, si è scusato per l’incidente e il presidente iraniano Ebrahim Raisi ha incaricato il suo ministro degli interni di indagare sul caso. Questo di solito è sufficiente per la FIFA per emettere una parola di avvertimento, ma poi inazione, in modo che tutto continui a funzionare senza intoppi – per la federazione mondiale di calcio, ovviamente, non per le donne iraniane.

Jackson Cobbett

"Alcohol fan. Award-winning troublemaker. Web junkie. Thinker. General analyst. Internet nerd. Gamer."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.